thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 06 gennaio 2014
  • • 15.00
  • • Stadio Giuseppe Meazza, Milano
  • Arbitro: S. Peruzzo
  • • Spettatori: 34187
3
FIN
0

Milan-Atalanta 3-0: Kakà 101 e lode, il Diavolo cala il tris

Con una doppietta di Kakà e un goal del baby Cristante il Milan inizia l'anno con un successo interno sull'Atalanta. I bergamaschi recriminano per un goal annullato a Benalouane.

Il Milan soffre, ma alla fine torna alla vittoria in casa che mancava dal 19 ottobre (1-0 all’Udinese). Strepitoso Ricky Kakà che con una doppietta stende l’Atalanta, nel tabellino finisce anche il giovane Cristante.

Termina 3-0, risultato forse un po’ pesante per i bergamaschi, che specie ad inizio ripresa mettono i brividi ai rossoneri, salvati da un super Abbiati. Da sottolineare la prova più che positiva di Cristante e l’esordio nel finale di Rami. In tribuna accanto a Galliani c’era anche il neo acquisto Honda.

FORMAZIONI - Allegri in mattinata perde sia Montolivo che Balotelli e passa all’albero di natale, con Cristante in mezzo al campo e con Matri unica punta supportato dal duo brasiliano Kaka e Robinho. Dall’altra parte, Colantuono risponde con un prudente 4-4-1-1 con Denis unica punta.

PRIMO TEMPO - Parte forte il Milan che al 3’ si fa vedere dalle parti di Consigli con Robinho che però da buona posizione calcia fuori. Al 9’ bella triangolazione Matri – Robinho, palla in mezzo per Cristante che manca il tap-in vincente. Al 13’ lo stesso Cristante colpisce da dentro l’area una clamorosa traversa a Consigli battuto su assist di Robinho.

L’Atalanta fa fatica a farsi vedere dalle parti di Abbiati e Colantuono al 18’ perde pure Carmona per infortunio; al suo posto dentro Baselli. Al 21’ primo tiro bergamasco verso la porta di Abbiati con Cigarini su punizione, ma l’estremo difensore è attento.

Il Milan alza il ritmo con Kakà che prima (33’) impensierisce Consigli con un destro dal limite ad incrociare, poi due minuti dopo (35’) lo stesso brasiliano fa quota 100 con la maglia del Milan. Azione di contropiede orchestrata da Emanuelson che si fa mezzo campo palla al piede, l’olandese serve Kakà che davanti a Consigli lo fredda con un preciso piatto destro. Il goal da però morale agli ospiti che prima del riposo (44’) sfiorano il pari con Raimondi che da dentro l’area colpisce il palo ad Abbiati battuto.

SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con l’Atalanta alla ricerca del pari e che mette in seria difficoltà i rossoneri. Al 47’ Denis da buona posizione spara alto, poi al 51’ Benalouane si vede annullare un goal molto dubbio per una leggere spinta ai danni di Mexes.

Il Milan inizia ad accusare un po’ la stanchezza e al 55’ serve un super Abbiati a salvare sulla conclusione ravvicinata di Denis. Allegri inserisce (58’) Balotelli al posto di Matri per dare maggiore freschezza all’attacco e la mossa si rivela azzeccata, proprio cosi, perché nel giro di due minuti il Milan chiude la gara. Al 65’ Kakà fa 101, battendo Consigli da pochi passi dopo una mischia in area bergamasca.

Non passano nemmeno centoventi secondi (67’) e Cristante con un rasoterra micidiale dal limite trafigge l’incolpevole portiere atalantino per il 3 a 0. La gara si chiude praticamente qua anche perché l’Atalanta accusa il colpo e non riesce a reagire. Nel finale l’unica emozione da segnalare è l’esordio di Rami (83’) al posto di Zapata.

CHIAVE - Nel momento di maggiore sofferenza del Milan, Kakà da grande campione trascina la squadra fuori da guai con un goal di rapina. Ci pensa subito dopo il giovane e talentuoso Cristante a chiudere la contesa fissando il punteggio sul 3 a 0.

MOVIOLA - Primo tempo senza episodi per Peruzzo. Nella ripresa qualche dubbio in occasione del goal annullato a Benalouane per una leggere spinta su Mexes. Protesta anche Balotelli per un contatto in area con un difensore bergamasco. Nel complesso la prova è sufficiente.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Kakà. Firma la doppietta che gli permette di arrivare a 101 goal in rossonero. Ama il Milan e il Milan ama lui.

IL PEGGIORE - Denis. Gli arrivano pochi palloni, ma risulta sempre impreciso.

Sullo stesso argomento