thumbnail Ciao,
Diretta Live

Champions League

  • 05 marzo 2013
  • • 20.45
  • • Old Trafford, Manchester
  • Arbitro: C. Çakιr
  • • Spettatori: 74959
1
FIN
2

Real Madrid vince col totale di 3 - 2

Manchester Utd-Real Madrid 1-2: Decide Ronaldo in rimonta, Red Devils imbufaliti con l'arbitro

Manchester Utd-Real Madrid 1-2: Decide Ronaldo in rimonta, Red Devils imbufaliti con l'arbitro

Getty Images

Gara molto combattuta, decisivo il rosso (discutibile) a Nani nella ripresa. Farà discutere anche la scelta di Ferguson di tenere Rooney in panchina...

Il Real Madrid, in questa notte magica al "Theatre of Dreams", è diventata la prima squadra nella storia della Champions League ad aver espugnato per la seconda volta Old Trafford, fortino in cui il Manchester United aveva trionfato in 15 delle ultime 16 uscite stagionali. La squadra di Mourinho vola quindi ai quarti di finale dopo aver battuto per tre volte in otto giorni una squadra campione d’Europa (due volte il Barcellona e oggi lo United).

FORMAZIONI – Sir Alex Ferguson rinuncia a sorpresa a Wayne Rooney - preferendo la coppia d’attacco Van Persie-Welbeck - nonché a Kagawa, Young, Valencia e al ‘Chicharito’ Hernández: a centrocampo il tecnico scozzese non vuole però privarsi né di Giggs (alla sua millesima partita in carriera) né di Nani. Josè Mourinho risponde con il consolidato 4-2-3-1 in cui Di María, Özil e Ronaldo manovrano alle spalle di Higuaín, preferito a Benzema, in difesa spazio invece a Varane al centro e ad Arbeloa sulla fascia con il conseguente spostamento di Ramos al centro.

PRIMO TEMPO – All’Old Trafford va di scena il big-match degli ottavi di finale, uno scontro tra titani già al primo turno a eliminazione diretta: i bi-campioni d’Europa Ferguson e Mourinho si sfidano alla guida di due tra le squadre più forti e competitive del continente, semplicemente Manchester United contro Real Madrid.

La gara parte subito su ritmi sostenuti, gioco maschio e palla a terra tengono incollati gli spettatori al campo di gioco. Comunque il primo vero squillo di tromba giunge al 21’ quando i padroni di casa conquistano un calcio d’angolo e ruggiscono: dagli sviluppi del corner Nemanja Vidić colpisce il palo e sulla ribattuta Welbeck non riesce a fare di meglio di tirare addosso a Diego López.

Il Man United sfiora il raddoppio al 34’ quando van Persie riesce a difendere palla e trovare il varco per il tiro, il portiere spagnolo può solo respingere ed è ancora Welbeck ad avventarsi sulla sfera ma anche in questo caso la sua battuta a rete non è abbastanza precisa da superare Diego López.
Il Real Madrid nonostante molto possesso non riesce a creare qualcosa di veramente importante: in 45’ di gioco Cristiano Ronaldo è riusciti a entrare col pallone nell’area mancuniana in una sola occasione. Nel finale lo Special One butta nella mischia Kakà per rilevare Di María.

SECONDO TEMPO – La ripresa inizia con la rete dello United che sfrutta un’azione confusa in area madridista per andare in vantaggio: sul cross rasoterra di Nani è Sergio Ramos a effettuare la deviazione decisiva e bucare il suo portiere. Ma la partita del portoghese è destinata a durare poco. Poco prima dell’ora di gioco Çakır espelle Nani dopo un intervento scomposto su Arbeloa e Mourinho manda in campo anche Modrić per sfruttare quanto prima il vantaggio numerico, a questo punto gli iberici sono padroni del campo e la sostituzione si rivela più che azzeccata immediatamente.

Nel giro di tre minuti il Real Madrid ribalta le sorti dell’incontro: prima è il regista croato a trovare la rete con un destro al fulmicotone che supera De Gea dai venti metri, poi è una deliziosa azione sull’asse Özil-Higuaín-Ronaldo che porta il portoghese a deviare in rete un traversone teso e rasoterra sul secondo palo.

Dopo lo shock psicologico i Red Devils vengono fuori nei minuti finali ma Diego López abbassa la saracinesca e mette al sicuro il risultato sia sui colpi di testa di Carrick e Vidić che sull’incrusione di van Persie, su cui difende intervenendo addirittura di spalla. Le merengues poi vanno vicino a dilagare con il palo di Kakà e un paio di chance per Ronaldo ma il risultato non cambia più.

CHIAVE – L’espulsione di Nani ha inevitabilmente alterato gli equilibri in campo: con l’uomo in più il Real Madrid non ha avuto troppe difficoltà a rovesciare la situazione, l’ingresso di Modrić ne ha accelerato i tempi.

MOVIOLA – Il cartellino rosso diretto a Nani pare eccessivo, la sua entrata è scomposta ma non particolarmente pericolosa. Purtroppo in questo caso una decisione poco chiara dell’arbitro ha condizionato pesantemente l’esito dell’incontro. Nel finale sembra esserci un

Sullo stesso argomento