thumbnail Ciao,
Diretta Live

Premier League

  • 18 settembre 2011
  • • 17.00
  • • Old Trafford, Manchester
  • Arbitro: P. Dowd
  • • Spettatori: 75455
3
FIN
1

Manchester United-Chelsea 3-1: ohibò, segna Torres ma non basta! Questo United è troppo forte, si arrende Villas Boas

I Red Devils si impongono sui rivali grazie alle reti di Smalling, Nani e Rooney, tutte nei primi 45'. In avvio di ripresa accorcia le distanze lo spagnolo, ma non basterà...

Emozioni a non finire in quel di Manchester. Un Chelsea bello ma sprecone lascia l’Old Trafford sconfitto da uno United in formissima, che porta a casa la quinta vittoria in cinque partite di Premier League. Risultato che non rispecchia il sostanziale equilibrio in campo, ma che sottolinea il cinismo sotto porta dei Red Devils, oltre che un gioco che unisce lo spettacolo e la concretezza.

FORMAZIONI - Gli uomini di Ferguson si schierano con il solito 4-4-2, con la coppia difensiva Jones-Evans. In attacco ci sono il “Chicharito” Hernandez assieme a Rooney, con Young e Nani sugli esterni. Per il Chelsea tridente offensivo con Sturridge e Mata ai lati di Torres; centrocampo di qualità con Meireles, Lampard e Ramires.

PARTITA - Partita subito molto divertente, con le squadre che vogliono fronteggiarsi a viso aperto. All’8° arriva il goal del Manchester United, con un’incornata precisa di Evans su punizione dalla sinistra di Young. Gli uomini di Vilas-Boas non demordono e sfiorano il pareggio con Torres e soprattutto Ramires, che sbaglia un goal già fatto su assist dello stesso attaccante ex Liverpool. Nonostante il Chelsea si dimostri più propositivo non riesce a pungere, cosa che sanno fare i Red Devils: il raddoppio di Nani è una perla dai 25 metri che si insacca sotto l’incrocio dei pali. Sul 2 a 0 il Chelsea non si arrende, anche se perde di lucidità, favorendo il cinismo di un grande United, che va al riposo sul 3 a 0 grazie al tap in di Rooney sul fortunoso assist di Nani.

Nel secondo tempo il Chelsea riesce subito a riaprire la partita grazie a un pregevole goal di Torres su assist del neo-entrato Anelka. I due sono assistiti da Sturridge e Mata sugli esterni, con Ramires e Meireles centrali a centrocampo. Come nel primo tempo, gli uomini di Vilas-Boasb creano molto, ma concedono molti contropiedi. In uno di questi Nani si procura un rigore dopo aver preso la traversa; alla battuta va Rooney, che però scivola al momento del tiro e calcia fuori. Il leitmotiv continua per tutti i secondi 45 minuti, con il Chelsea che spinge e cerca il goal e Manchester che sfrutta gli spazi. Da evidenziare gli incredibili errori di Torres (all’83°) e Berbatov (al 91°) che sbagliano due goal già fatti a porta vuota.

CHIAVE - La chiave della partita sta nel cinismo degli uomini di Ferguson. Il Chelsea gioca una buona partita, ma sotto porta è troppo impreciso e sprecone. Al contrario, i Red Devils riescono a sfruttare al meglio le azioni a loro disposizione: nel primo tempo 3 tiri e 3 goal.

CHICCA - Secondo goal per Fernando Torres con la maglia dei Blues. Il centravanti  iberico mette a segno il suo primo goal stagionale dopo che l’anno scorso aveva segnato con il West Ham.

TATTICA - Il 4-4-2 del Manchester diventa un 4-2-4 in fase offensiva, con gli esterni che spingono molto accentrandosi. Questo concede spazi al Chelsea, che si distende molto bene grazie alla visione dei 3 centrocampisti e riesce a concludere, ma è troppo impreciso. Il centrocampo dei Blues però non riesce a fare da filtro e di fatto quando lo United cerca di impostare il gioco lo fa senza grosse difficoltà.

MOVIOLA - La rete dell’1 a 0 è da annullare per la posizione irregolare di Evans sulla punizione di Young. Fuorigioco comunque millimetrico, difficile da vedere. Netto il rigore su Nani. Prestazione nel complesso più che sufficiente per Dowd e i suoi collaboratori.

PROMOSSI & BOCCIATI - Nello United brillano un Nani stratosferico e un Jones che si candida come concreto successore di Ferdinand. Bene Rooney e De Gea. Nel Chelsea si è rivisto un Torres in forma, anche se troppo impreciso sotto porta. Male Lampard e in generale la difesa dei Blues.

Sullo stesso argomento