thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 26 gennaio 2014
  • • 15.00
  • • Stadio Armando Picchi, Livorno
  • Arbitro: D. Celi
  • • Spettatori: 8831
3
FIN
1

Livorno-Sassuolo 3-1: Buona la prima per Di Carlo

All'esordio del nuovo allenatore, il Livorno cala il tris con Greco, Paulinho e Benassi tornando al successo dopo quasi tre mesi. Berardi accorcia su rigore, ma non basta.

Buono, ottimo l'esordio di Mimmo Di Carlo sulla panchina della squadra con cui aveva chiuso la carriera di calciatore, il Livorno. Agli amaranto bastano 30' per tornare alla vittoria che mancava dal 3 novembre, 1-0 all'Atalanta. Un successo che rilancia le ambizioni salvezza dei toscani. Salvezza che, giocando in questo modo, sarà assai problematica per il Sassuolo. Gli emiliani, nonostante i molti volti nuovi, disputano una partita inguardabile; impalpabile e priva di nerbo. E dalla panchina di Eusebio Di Francesco arrivano sinistri scricchiolii.

FORMAZIONI - La prima di Di Carlo non porta sostanziali novità tattiche agli amaranto: difesa a 3 era e difesa a 3 rimane. Qualche cambio negli effettivi; sulla corsia sinistra c'è l'esordio di Castellini con Mbaye spostato a destra. In attacco torna titolare Emeghara, lo svizzero è il partner di Paulinho.

Tanti gli assenti in casa Sassuolo: Di Francesco è senza Terranova, sarebbe stato il classico ex di turno, Acerbi, Alexe, Magnanelli, Masucci e Gazzola. Il tecnico emiliano si consola con il recupero di Berardi: l'enfant prodige compone il tridente assieme a Zaza ed all'ultimo arrtivato Nicola Sansone. Esordio anche per Biondini e Rosi, un passato in amaranto nella stagione 2008/2009.

PRIMO TEMPO - Bastano 5' ai padroni di casa per sbloccare il risultato: cross dalla destra di Benassi, Greco di prima intenzione infila l'incolpevole Pegolo. Per il fantasista amaranto è il terzo gol stagionale. Il Sassuolo incassa il colpo ed il Livorno raddoppia 2': Paulinho si disimpegna bene dal limite dell'area e con un bel fendente infila Pegolo. Settimo gol stagionale per il brasiliano. Al 16' il Livorno spreca il match ball: Paulinho si presenta solo davanti a Pegolo ma non trova lo specchio della porta.

E' un monologo amaranto che si concretizza al 27': contropiede dei padroni di casa, Emeghara assiste alla perfezione Benassi che sigla il 3-0. Due minuti dopo il Sassuolo accorcia le distanze con Berardi che realizza un calcio di rigore concesso per fallo di Bardi su Zaza. Gli emiliani sfiorano il secondo gol al 36' con una bella inzuccata di Manfredini di poco alta.

SECONDO TEMPO - I neroverdi tengono il pallino del gioco ma non sono mai pericolosi. Al 7' Di Francesco smuove le acque, dentro Floro Flores per Chisbah. Dopo 20' senza sussulti Di Francesco ci prova con Farias per Sansone. Mosse che non sortono effetto alcuno, il Livorno si chiude bene ed i neroverdi ruminano gioco senza mai impensierire Bardi. Tanto che l'occasione più grossa è dei padroni di casa con un contropiede, a lato, di Paulinho.

Nel finale il Sassuolo prova il forcing, senza però concludere mai nello specchio. Dopo 5' l'arbitro fischia sancendo il ritorno alla vittoria del Livorno dopo 8 tentativi andati a vuoto.

CHIAVE - I primi 20' dei padroni di casa di fatto regalano la vittoria ai padroni di casa. Il modo migliore per rispondere alla contestazione della curva, entrata con 10' di ritardo, contro la società.

MOVIOLA - Celi tiene bene in pugno una partita non facile, distribuendo con equità i cartellini.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Paulinho. Parte fortissimo, segnando un goal e sfiorandone un altro. Poi cala vistosamente, ma resta tra i più incisivi.

IL PEGGIORE - Simone Zaza. Dove sta Zaza? Quasi non ci si accorge della sua presenza in campo, anche se va detto che i compagni lo servono poco e male.

Sullo stesso argomento