thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 07 dicembre 2013
  • • 18.00
  • • Stadio Armando Picchi, Livorno
  • Arbitro: M. Guida
  • • Spettatori: 15706
2
FIN
2

Livorno-Milan 2-2: Doppietta di Balotelli, SuperMario salva il Diavolo

Rossoneri in vantaggio con Balotelli su assist di Kakà, ma il Livorno risponde con Siligardi dopo pochi minuti e nella ripresa trova il 2° goal con Paulinho. Ma SuperMario fa 2-2.

Il Livorno pareggia 2-2 con il Milan al Picchi, al termine di una partita bella e combattuta dalle due squadre. Al Milan serve un Balotelli formato deluxe per evitare la sesta sconfitta in campionato: un pareggio che però copre solo parzialmente le magagne dei rossoneri, mai incisivi ed a tratti in balia di un Livorno rigenerato dopo il flop del 'Bentegodi'. Una squadra che giocando così può legittimammente aspirare alla salvezza.

FORMAZIONI - Nel Livorno Nicola rivoluziona la squadra che sabato scorso ha perso male a Verona. Il tecnico labronico riporta Emerson al centro della difesa con l'inserimento di Duncan a centrocampo dove torna Luci, squalificato al “Bentegodi”. L'acciaccato Greco parte dalla panchina.

Nel Milan lunga la lista degli indisponibili: Allegri deve fare a meno degli infortunati Amelia, Robinho, Silvestre, Pazzini, Munrari, Constant, Abate e Zaccardo. Il tecnico di Livorno sceglie Gabriel tra i pali, Nocerino e Emanuelson come terzini, Birsa e Kakà alle spalle di Mario Balotelli.

PRIMO TEMPO - La partita si sblocca già dopo 7', bella percussione di Kakà sulla sinistra, cross rasoterra sul quale la difesa amaranto rimane di sale, Balotelli da distanza ravvicinata infila il vantaggio rossonero. Il Livorno prova a scuotersi, ci prova Ceccherini all'11' di testa senza però impensierire Gabriel, al 20' ci prova Emerson su punizione, l'estremo rossonero sventa in tuffo.

Il pareggio è nell'aria e arriva al minuto 25: bella iniziativa di Siligardi che con un fendente dal limite dell'aria sigla l'1-1. E' il ritorno al gol dei padroni di casa dopo 374' di astinenza. Al 38' Allegri prova a smuovere le acque, dentro El Shaarawy al posto di uno spento Birsa.

SECONDO TEMPO - Si riparte senza cambi, con il Milan che prova a far la partita ed il Livorno pronto a lanciarsi in veloci ripartenze; ci provano Mbaye e Duncan da fuori senza rendersi pericolosi mentre i rossoneri si vedono con Balotelli sul quale è strepitoso Bardi. Il gol è nell'aria ed arrva al 13', lo segna Paulinho, ben assistito da Siligardi, che fredda Gabriel dopo una bella galoppata.

Allegri prova a correre ai ripari, dentro Niang per Nocerino. Una mossa che non sortisce gli effetti sperati: la prima occasione arriva al 26' con lo stesso francese che da buona posizione spara a lato. Il Milan attacca, ma sono i padroni di casa ad essere pericolosi in contropiede.

A togliere le castagne dal fuoco ci pensa uno dei pochi fuoriclasse di rossonero vestiti, “Super Mario” Balotelli. con una straordinaria punizione da 30 metri sigla il definitivo 2-2 a 7' dalla fine. Dello stesso Mario anche l'ultima occasione, al 43': traversa piena con un'altra staffilata da lontano.

CHIAVE - La spettacolare punizione di Balotelli: senza quel siluro sarebbe stata l'ennesima giornata amara di questa stagione per i rossoneri.

MOVIOLA - Guida fa infuriare Nicola per qualche ammonizione in avvio di gara ma dirige in modo sufficiente, senza incidere sul risultato.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Balotelli. Inizia subito sfruttando l’assist di Kakà e sblocca la gara. Davanti cerca di farsi vedere, ma fa fatica con i difensori del Livorno. Si lamenta per un presunto contatto proprio al limite con Ceccherini, ma il direttore di gara lascia proseguire. Nella ripresa è il migliore: spreca una buona palla goal, sigla il 2 a 2 con un missile su punizione e nel finale colpisce una clamorosa traversa a Bardi battuto con un destro dalla distanza.

IL PEGGIORE - Birsa. Non finisce nemmeno il primo tempo. Sostituito al 38’ per problemi fisici, lo sloveno sembra aver perso la magia delle prime gare in rossonero. Tocca 3 palloni e ne sbaglia altrettanti. Abulico, non si fa mai vedere in fase offensiva.

Sullo stesso argomento