thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 09 febbraio 2014
  • • 15.00
  • • Stadio Armando Picchi, Livorno
  • Arbitro: A. Gervasoni
  • • Spettatori: 9470
0
FIN
1

Livorno-Genoa 0-1: Antonelli segna in avvio poi ci pensa Perin

Il Genoa batte Il Livorno al Picchi per 1-0. Decide la rete di Antonelli al 10'. Perin super nella ripresa, poi nel finale goal annullato a Emeghara con tanto di rosso a Di Carlo.

Il massimo risultato con il minimo sforzo, ecco la sintesi perfetta del terzo successo esterno stagionale del Genoa. Agli uomini di Gasperini basta un bersaglio di Antonelli in avvio di gara per far dimenticare il ko di lunedì sera nel derby della Lanterna. Il Livorno invece spreca un'occasione più unica che rara per uscire dalla zona retrocessione: in caso di successo infatti i toscani avrebbero scavalcato il Chievo lasciandosi alle spalle Catania e Sassuolo. Invece la sofferenza continua.

FORMAZIONI - In casa amaranto Di Carlo sceglie Piccini al posto dello squalificato Mbaye. Sulla corsia di sinistra c'è l'esordio di Mesbah con Castellini in panchina. In difesa torna Coda, a centrocampo Greco: gli lasciano il posto Rinaudo e Duncan. In attacco conferma per il duo Emeghara-Paulinho, Belfodil parte dalla panchina. Nel Genoa mancano gli infortunati di lungo corso Kucka e Gamberini. Gasperini sceglie il tridente atipico con Gilardino punta centrale affiancato da Konate ed Antonelli. Sulla corsia destra torna Vrsaljko.

PRIMO TEMPO - Si parte con le due squadre che si affrontano a viso aperto ma senza creare problemi ai rispettivi portieri. Il primo sussulto ci regala il vantaggio del Genoa dopo 9'; bravo Gilardino a difendere il pallone, arriva Antonelli ed infila l'incolpevole Bardi. Per l'esterno rossoblu è il secondo gol stagionale.

Gli amaranto hanno la grande occasione per pareggiare al 20': bell'assist di Greco per Paulinho che però sbaglia il controllo permettendo l'intervento di Perin. L'occasione sprecata infonde fiducia al Livorno: i padroni di casa ci provano con Emerson e, soprattutto, Emeghara. Lo svizzero si divora due colossali occasioni al 27'. Con il passare dei minuti la gara si spegne, il primo tempo finisce con i rossoblu avanti 1-0.

SECONDO TEMPO - Si riprende senza cambi con il Livorno che prova a fare la partita. Al 5' si apre la girandola dei cambi, dentro Motta per Vrsaljko. Il primo squillo amaranto arriva pochi secondi dopo: bravo Perin a deviare le conclusioni di Benassi prima e Mesbah poi.

Al 13' Di Carlo lucida il tridente: dentro Belfodil al posto di un deludente Piccini; in difesa schieramento a 4 con Ceccherini terzino sinistro. Pochi minuti dopo Gasperini corre ai ripari: dentro Sturaro per De Ceglie e passaggio alla retroguardia a quattro. La mossa regala gli effetti sperati, gli amaranto non riescono mai a farsi pericolosi dalle parti di Perin.

Unico sussulto un gol annullato, giustamente, ad Emeghara per fuorigioco e la conseguente espulsione di Mimmo Di Carlo. Nonostante il forcing finale dei padroni di casa i rossoblu rischiano solo nel recupero con Portanova che sulla linea respinge un'incornata di Paulinho destinata in fondo al sacco. Dopo 5' di recupero i rossoblu possono esultare e mettere in saccocia il terzo blitz esterno del loro campionato.

CHIAVE - Il gol in apertura permette al Genoa di amministrare la gara senza mai rischiare niente portando a casa una vittoria che fa dimenticare il sanguinoso ko nel derby della Lanterna.

MOVIOLA - Gervasoni tiene ben in pugno una partita non facile da arbitrare distribuendo con sapienza i cartellini gialli.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Mattia Perin: Nel primo tempo scalda i guantoni, ad inizio ripresa compie due miracoli nel giro di un minuto su Benassi e Mesbah

IL PEGGIORE - Paulinho: Giornata storta la sua. Fa poco per tutto il match, si scuote solo nel recupero ma il suo colpo di testa è salvato sulla linea da Portanova

Sullo stesso argomento