thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 19 gennaio 2013
  • • 20.45
  • • Juventus Stadium, Torino
  • Arbitro: L. Banti
  • • Spettatori: 36109
4
FIN
0

Juventus-Udinese 4-0: Ospiti evanescenti, la Signora cala il poker trascinata da un super Pogba

La Juventus torna a vincere travolgendo l'Udinese: apre i giochi la splendida doppietta di un incredibile Pogba, chiudono il match le reti di Vucinic e Matri nel finale.

Dopo due partite, condite da un pareggio e una vittoria, la Juventus ritorna a vincere e lo fa in modo roboante infliggendo un pesante 4-0 all'Udinese: Di Pogba (doppietta), Vucinic e Matri le reti dei bianconeri piemontesi. Gli uomini di Conte sfruttano dunque il pareggio della Lazio contro il Palermo e volano a + 5 sui biancocelesti in attesa naturalmente del Napoli, impegnato domani a Firenze.

FORMAZIONI - Tante assenze da entrambe le parti, sia a causa di infortuni che per la Coppa d'Africa che da tradizione, porta via alle squadre parecchi giocatori. Conte deve rinunciare al lungodegente Chiellini, a Pirlo e a Marchisio, che non hanno recuperato dai rispettivi problemi muscolari, e schiera titolari Pogba e Giaccherini a centrocampo con Caceres in difesa. Assente anche Quagliarella, spazio in attacco dunque alla coppia Giovinco-Vucinic.

Nell'Udinese invece spicca la defezione di Totò Di Natale, colpito in settimana da un attacco di gastroenterite: per lui solo panchina. Non c'è nemmeno Benatia, causa Coppa d'Africa col Marocco, e Brkic, infortunatosi nell'ultima sfida con la Fiorentina e sostituito da Padelli. Guidolin si affida quindi all'unica punta Muriel supportato da Pereyra.

PRIMO TEMPO - Nonostante le assenze pesanti, la Juventus di Conte fa da padrona la prima frazione di gioco schiacciando un Udinese apparsa troppo rinunciataria e in chiara difficoltà. I bianconeri di Torino hanno la prima grande occasione dopo dodici minuti con Vidal che impegna in un intervento spettacolare Padelli, che devia il tiro del cileno in angolo.

I friulani lasciano ampi spazi alle riparenze juventine ma Giaccherini spreca un ottima occasione trovando sulla sua conclusione la risposta, stavolta con i piedi, di Padelli. L'assenza di Di Natale si fa sentire e il solo Muriel in avanti non può competere con l'intera difesa avversaria. I ragazzi di Conte continuano ad attaccare senza sosta: ci prova Bonucci di testa sugli sviluppi di un corner ma il pallone termina di poco alto sulla traversa, seguito poco dopo da Caceres che non riesce con un'incornata a trovare la porta.

A cinque minuti dalla fine però l'equilibrio si rompe con Paul Pogba che lascia partire dai 25 metri un collo destro stupendo che va ad infilarsi sotto l'incrocio dei pali e non lascia scampo a Padelli. Vantaggio meritato per la squadra piemontese che non ha praticamente lasciato respiro all'azione dei friulani.

SECONDO TEMPO - Guidolin capisce che Muriel lì davanti è davvero troppo solo e fa subentrare Di Natale al posto di uno spento Pereyra; Conte invece sostituisce Giovinco con Alessandro Matri. Con l'ingresso in campo di Di Natale l'Udinese sembra ora macinare più gioco rispetto al primo tempo: un'occasione capita sui piedi di Muriel ma l'attaccante colpisce male il pallone e l'azione sfuma.

Ci prova anche Giaccherini ma il suo destro è debole e Padelli non ha problemi. La Juventus non spinge come prima e sembra quasi rifiatare: ne risente però la spettacolarità del gioco e la gara si fa opaca. A svegliare tutti dal torpore generale ci pensa ancora una volta Pogba, con un'altra bordata da fuori area (stavolta rasoterra) che non lascia scampo a Padelli e sembra essere una sentenza generale sulla partita.

L'Udinese d'ora in poi scompare definitivamente e la Juventus dilaga: dapprima con Vucinic che, con una girata in area, sigla il 3-0 trovando anche la complicità di Padelli che non riesce a trattenere la sfera, poi con Matri che mette la sua firma sull'incontro sfruttando un assist al bacio di Vucinic. Nei minuti finali ci provano più per l'orgoglio che per altro, Pinzi e Basta, con due tiri da fuori area che però non trovano impreparato Buffon e il risultato non cambia.

CHIAVE - Udinese con baricentro di gioco troppo basso soprattutto nella ripresa che ha finito per agevolare ancor di più il compito agli uomini di Conte. I friulani sono apparsi quasi rassegnati in partenza e solo con l'ingresso di Di Natale sono riusciti a dar un pò di respiro al loro gioco. Stupefacente Pogba, ormai un cecchino specializzato con i tiri da fuori assieme anche a Giaccherini che, seppur non sia riuscito a segnare, ha offerto una prestazione buonissima sotto l'aspetto della corsa e dell'impegno in campo.

MOVIOLA - Partita tranquilla quella diretta da Banti che non ha avuto particolari problemi. Un solo episodio da valutare nella ripresa: un pallone calciato da Vidal colpisce il braccio di Hertaux ma l'arto del difensore friulano era nettamente attaccato al corpo e il direttore di gara ha fatto bene a non assegnare il calcio di rigore alla Juventus.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Pogba: Inizialmente si rende pericoloso sul gioco aereo con poca fortuna. Poi tira fuori dal cilindro uno strepitoso tiro che fulmina Padelli e che mette la gara in discesa per i suoi compagni.

IL PEGGIORE - Pereyra: Molto fumoso, si schiaccia troppo sulla linea mediana invece di proporsi in attacco.

Sullo stesso argomento