thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 26 gennaio 2013
  • • 20.45
  • • Juventus Stadium, Torino
  • Arbitro: M. Guida
  • • Spettatori: 38000
1
FIN
1

Juventus-Genoa 1-1: Conte si illude con Quagliarella, ci pensa l'ex Borriello a far respirare il Grifone

I bianconeri, in vantaggio al 54' con Quagliarella (deviazione di Granqvist nell'occasione), si sono fatti agguantare dall'ex Marco Borriello al 68'.

La Juventus non va oltre l'1-1 contro il Genoa. A Fabio Quagliarella (a segno al 54') ha risposto l'ex Borriello al 68', in un match che ha visto i bianconeri sfiorare più volte il vantaggio nella ripresa. Tante proteste arbitrali da una parte e dall'altra: i rossoblù hanno reclamato un rigore per un tocco col braccio da parte di Vucinic, mentre i bianconeri hanno ritenuto da penalty una trattenuta proprio ai danni dell'ex Roma ed un presunto mani di Granqvist nel recupero.

Per Conte, comunque, un'occasione persa, a maggior ragione dopo il ko della Lazio. E domani il Napoli, impegnato a Parma, può rifarsi sotto...

FORMAZIONI - Conte sceglie Quagliarella come partner di Vucinic in avanti. A metà campo è ancora assente Pirlo, al suo posto Pogba. Per Ballardini, al ritorno sulla panchina rossoblù, tandem offensivo Immobile-Floro Flores (fuori Borriello), con Olivera posizionato sulla linea dei centrocampisti.

PRIMO TEMPO - L'avvio di gara vede la più classica delle fasi di studio. Al 4' ci prova di testa Immobile per i rossoblù, ma Buffon è pronto a sventare la potenziale minaccia. Al 13', su azione d'angolo in favore del Genoa, Vucinic tocca la sfera col braccio, ma l'arbitro Guida lascia correre. La Juve, scampato il pericolo, si porta in avanti con veemenza e prima col montenegrino e poi al 15' con Caceres si rende abbastanza insidiosa.

Ci provano allora i centrocampisti bianconeri: prima Marchisio al 22', che sfiora la rete ma viene fermato in offside (peraltro inesistente), e poi Vidal, punizione di poco sopra la traversa. Nel finale di frazione, dopo un'incornata di Bonucci, si vede finalmente Quagliarella, che tocca con la punta un cross di Lichtsteiner e sfiora il bersaglio.

SECONDO TEMPO - Proprio i due giocatori confezioneranno la rete del vantaggio bianconero, al minuto 54: assist dello svizzero e tocco vincente dello stabiese, peraltro 'sporcato' da una deviazione di Granqvist. Ballardini decide allora di cambiare qualcosa e inserisce Borriello e Bertolacci in luogo di Immobile e Olivera. Poco dopo entrerà anche Marco Rossi al posto di Manfredini, per un Grifone che tenta il tutto per tutto.

Proprio il neoentrato Borriello regalerà una grandissima gioia ai suoi, al 68': cross di Kucka e gran colpo di testa in tuffo del bomber napoletano, che insacca per l'1-1 e non esulta, in ricordo della sua esperienza bianconera, nella scorsa stagione.

Contromossa di Conte: fuori Quagliarella e poi De Ceglie, dentro Giovinco e Giaccherini. I bianconeri aumentano la pressione e si rendono pericolosi con un sinistro di Lichtsteiner al 74' e un minuto dopo con una punizione della 'Formica Atomica'. Proprio quest'ultimo, subito dopo un'ottima occasione per Vucinic (disturbato da Antonelli nell'occasione), colpisce un clamoroso palo su un altro calcio piazzato, a portiere battuto.

Entra anche il giovane Beltrame al posto di Marchisio. All'80' l'episodio dubbio con 'vittima' Vucinic, trattenuto da Antonelli a due passi dalla porta, mentre nel recupero c'è tempo per vedere il sospetto mani di Granqvist e un'incornata di Bonucci neutralizzata da Frey. Finisce così, tra i rimpianti bianconeri.

CHIAVE - La Juve non è stata di certo nella sua migliore serata. Soprattutto in avanti è stata poco concreta, e al Grifone è bastata un'attenta prova difensiva per imbrigliarla al meglio.

MOVIOLA - Tre, come detto, gli episodi discussi: il tocco col braccio di Vucinic in piena area, la trattenuta ai suoi danni nella ripresa (e in entrambi i casi il rigore ci poteva stare) e il mani di Granqvist quasi allo scadere. L'arbitro Guida ha lasciato puntualmente correre, scatenando il malumore di entrambe le squadre.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Lichtsteiner: Un motorino inesauribile. Dal suo destro partono assist a volontà per le punte bianconere. E in un'occasione arriva il goal della Juve.

IL PEGGIORE - Floro Flores: Invisibile. Sfortunato, anche: con i cambi esauriti si infortuna alla coscia e costringe il Genoa a giocare in 10 per 20 minuti.

Sullo stesso argomento