thumbnail Ciao,
Diretta Live

Campionato europeo

  • 14 giugno 2012
  • • 18.00
  • • INEA stadion, Poznań
  • Arbitro: H. Webb
  • • Spettatori: 37096
1
FIN
1

Italia-Croazia 1-1: Un buon primo tempo ed un super-goal di Pirlo non bastano, per gli Azzurri si fa tutto più complicato

Italia-Croazia 1-1: Un buon primo tempo ed un super-goal di Pirlo non bastano, per gli Azzurri si fa tutto più complicato

Getty

Ottimo primo tempo da parte degli azzurri che hanno però fallito troppe comode occasioni-goal. Nella ripresa dominio croato.

Occasione sprecata. Può essere sintetizzato così, in due parole, il pomeriggio dell'Italia, fermata sul pareggio da una Croazia parsa tutt'altro che imbattibile. Trovato il vantaggio grazie ad Andrea Pirlo, gli Azzurri hanno vanificato tutto concedendo il pareggio a Mandzukic, bravo ad approfittare di un clamoroso errore di Giorgio Chiellini. E adesso il discorso qualificazione si complica...

FORMAZIONI - Cesare Prandelli tiene fede alle sue dichiarazioni e conferma lo stesso undici mandato in campo dall'inizio contro la Spagna quattro giorni fa. La Croazia di Bilic si affida ancora a Jelavic e Mandzukic, decisivi contro l'Irlanda nel match d'esordio.

PARTITA - Forse sospinta dalle troppe chiacchiere extra-calcistiche sentite in questi giorni, l'Italia parte con un impeto terrificante e già dopo meno di 3 minuti, Mario Balotelli va vicinissimo al goal del vantaggio con una girata che non inquadra la porta per questione di centimetri. Gli Azzurri insistono: Cassano retrocede spesso sulla trequarti per ricevere il pallone, mentre Balotelli agisce come boa facilitando gli inserimenti dei centrocampisti, mentre Maggio e Giaccherini giocano sulle corsie laterali per allargare le maglie della difesa croata.

Al 10' è Claudio Marchisio a far tremare Pletikosa con un meraviglioso sinistro che termina alto di poco. A cavallo della metà della prima frazione, la Croazia riesce pian piano a venire fuori dalla propria metà campo, ma senza mai riuscire a farsi viva dalle parti di Buffon.

Cassano, invece, continua a seminare il panico tra le maglie a scacchi bianco-rosse, perdendosi però sul più bello. Tra il 33' ed il 34', Marchisio e Cassano vanno vicini al goal, ma l'occasione più ghiotta capita al 37' proprio al centrocampista della Juve che, giunto a tu per tu con Pletikosa, si fa ribattere per due volte la conclusione: bravo il portiere croato, ma il numero 8 avrebbe sicuramente potuto far meglio.

A togliere le castagne dal fuoco ci pensa però Andrea Pirlo, che con una meravigliosa punizione - passata in mezzo a due uomini in barriera, Rakitic e Vukojevic - si infila alle spalle di Pletikosa. Trovato il goal del vantaggio, l'Italia non rischia più nulla arrivando così all'intervallo sul punteggio di 1-0

La Croazia torna in campo con un piglio diverso e prova a prendere in mano le redini del gioco: Modric si carica sulle spalle la squadra e prova a spaventare subito Buffon. L'Italia, però, non si fa schiacciare e ci prova con una sassata di Bonucci dai 35 metri deviata in corner da Perisic. Al 61' è Balotelli a sfiorare però il raddoppio con una bordata di destro che termina di poco alta sulla traversa, poco prima che Prandelli operi il suo primo cambio sostituendo Thiago Motta con Montolivo. Di azioni da goal nella ripresa se ne vedono poche e allora i due c.t. cambiano qualcosa: Bilic inserisce Pranjic al posto di Perisic, Prandelli inserisce Di Natale, decisivo contro la Spagna, e toglie Balotelli.

A trovare il goal, però, è la Croazia: Strinic crossa da sinistra, Chiellini 'buca' clamorosamente il pallone di testa e Mandzukic, a due passi da Buffon, spedisce il pallone in rete con una destro potente che vale l'1-1. Il goal gela la Nazionale azzurra, che rimane intontita per 10 minuti, riuscendo a farsi viva dalle parti di Pletikosa soltanto con una conclusione dalla distanza di Montolivo. Nel finale l'Italia prova a spingere esponendosi anche alle ripartenze croate, ma qualche errore da parte degli assistenti del signor Webb e l'eccessiva imprecisione degli Azzurri rendono inutili anche i 6 minuti di recupero.

CHIAVE - L'atteggiamento con il quale l'Italia è sceso in campo nella ripresa è parso troppo rinunciatario: la Croazia ha così potuto prendere pian piano in mano il pallino del gioco.

CHICCA - La Croazia si conferma 'bestia nera' degli Azzurri che soltanto in un'occasione sono riusciti ad avere la meglio sulla compagine biancorossa.

MOVIOLA - L'arbitro Webb ha diretto molto bene l'incontro, gestendo nel migliore dei modi cartellini e mischie in area. Gli unici nei nella direzione arbitrale risultano essere frutto di errori degli assistenti, che fermano prima Maggio e poi Di Natale sbandierando posizioni di off-side inesistenti.

PROMOSSI&BOCCIATI - Nell'Italia buona la prova di Marchisio e De Rossi, male invece Giaccherini e grossolano l'errore di Chiellini in occasione del goal di Mandzukic. Tra i croati, buone le prove offerte da Strinic e Modric, deludente Perisic.

Sullo stesso argomento