thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 29 ottobre 2011
  • • 20.45
  • • Stadio Giuseppe Meazza, Milano
  • Arbitro: N. Rizzoli
  • • Spettatori: 75000
1
FIN
2

Inter-Juventus 1-2: Vucinic e Marchisio fanno volare nuovamente in vetta la Signora. Nerazzurri a fondo!

In vantaggio con Vucinic, la Juventus si è vista raggiungere sul pari da un bel goal di Maicon, ma ha poi ritrovato il vantaggio con un goal di Marchisio.

E' un match che regala certezze quello giocato stasera a San Siro tra una squadra che sembra definitivamente rientrata nella lotta scudetto dopo anni di limbo seguiti alla vicenda di Calciopoli e l'altra che viceversa sembra essere la più depressa del momento in Serie A. Il campo premia la Juventus che vola così in vetta alla classifica e stacca di 11 punti una (virtuale?) concorrente per lo scudetto. Continua il momento nero dell'Inter che dopo questa sconfitta conta solo 8 punti in classifica con una media che probabilmente non basterebbe neanche per salvarsi.

FORMAZIONE - L'Inter si presenta in campo con il 4-3-1-2 che è il modulo cui Ranieri si è affidato per cercare di uscire dalle sabbie mobili in cui la squadra nerazzurra sembra essere finita. Coppia d'attacco Zarate-Pazzini ed esclusione per Milito (ascoltato dunque il consiglio di Moratti che in settimana ha affermato di vedere un Milito 'poco in forma'). La Juventus si affida al tradizionale 4-2-4 e cerca di sfruttare la profondità sulle fasce per servire la scatenata coppia d'attacco Matri-Vucinic, per tutta la partita in grado di creare grossi grattacapi alla difesa nerazzurra.

PARTITA - I primi 10 minuti vedono una grande Inter, scesa in campo vogliosa di spazzare via le critiche e cercare di portare a casa 3 punti che sarebbero probabilmente fondamentali più per il morale che per la classifica. Ma la Juventus cresce poco a poco ed ha il merito di riuscire a colpire per prima: al 12' è Vucinic a segnare il gol del vantaggio bianconero su respinta di Castellazzi seguita a una bella azione corale della squadra ospite.

L'Inter non si abbatte e cerca il pareggio che troverà 15 minuti più tardi con un bel tiro di Maicon deviato leggermente da Bonucci (la piccola deviazione è probabilmente decisiva nel tradire Buffon). Ma il momentaneo pareggio non dura più di 5 minuti: è stavolta Marchisio, su bel suggerimento di Matri, a trafiggere l'estremo difensore dell'Inter Castellazzi. Nel finale del primo tempo da notare una grandissima occasione capitata sui piedi di Marchisio, stavolta ipnotizzato da Castellazzi.

Nel secondo tempo l'Inter ci mette cuore e tenta in tutti i modi di agguantare il pareggio. Ma la difesa della Juventus è solida e riesce a rimpallare tutti i tentativi che provengano da dentro o fuori dall'area dai piedi principalmente di Pazzini (clamororosa traversa colpita dal bomber) e Sneijder. Non c'è niente da fare ed è anzi la Juventus che, basandosi sulle ripartenze, riesce a creare le occasioni più pericolose prima con Estigarribia (miracolo di Castellazzi) e poi con Del Piero (pallone che finisce fuori). Arriva il triplice fischio quando il risultato di 2-1 è invariato rispetto al primo tempo.

CHICCA - Nel post-Calciopoli la Juventus è una vera e propria bestia nera dell'Inter: non basta avere statistiche alla mano per notare una stragrande maggioranza di vittorie bianconere. Una bella soddisfazione di rivincita per i tifosi bianconeri dopo le delusioni sportive e giuridiche seguite alla triste vicenda del 2006.

CHIAVE - la chiave è sicuramente rappresentata dal differente cinismo delle due squadre. Da un lato la coppia Matri-Vucinic sembra intendersi alla perfezione e riesce a essere letale, dall'altro la coppia Pazzini-Zarate crea qualche grattacapo ma non riesce a pungere, tant'è che l'unico gol nerazzurro proviene dai piedi di un difensore (Maicon).

TATTICA - la Juventus costruisce la sua partita e i suoi gol giocando sulle fasce. L'Inter con il suo modulo preferisce giocare per vie centrali e spesso impatta con la solida difesa juventina, non riuscendo a trovare facilmente la via del gol come fanno gli avversari. In questo senso Conte sembra sicuramente aver letto la partita meglio del collega/rivale Ranieri.

MOVIOLA - sicuramente non la miglior prestazione per quello che probabilmente è il miglior arbitro italiano, Rizzoli. Nel primo tempo un suo collaboratore lo induce a sbagliare fischiando un fuorigioco inesistente su Matri, poi nega un rigore a Marchisio (alla moviola appare netto). Fortunato nell'aver penalizzato principalmente la squadra vittoriosa: ci saranno poche polemiche nei suoi confronti nonostante gli errori non fossero sicuramente di poco conto.

PROMOSSI&BOCCIATI - nella Juventus spicca la prova della coppia d'attacco Vucinic-Matri che riesce sempre a infastidire e far male alla difesa avversaria. Prova positiva anche per Lichtsteiner che garantisce un'ottima spinta sulla fascia. Nell'Inter il migliore è senza dubbio l'autore del gol Maicon. Viceversa sembra sottotono la prova di Sneijder: probabilmente dall'olandese ci saremmo aspettati di più.

Resta connesso al mondo del calcio con http://m.goal.com - La miglior copertura mobile

Sullo stesso argomento