thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 15 marzo 2014
  • • 20.45
  • • Stadio Marc'Antonio Bentegodi, Verona
  • Arbitro: L. Banti
  • • Spettatori: 23973
0
FIN
2

Verona-Inter 0-2: E' magia con Jonny, Mazzarri al 4° posto

Seconda vittoria consecutiva al sapore d'Europa per l'Inter, che batte 2-0 il Verona e vola al 4° posto in classifica. L'uomo partita è Jonathan, autore di un goal e un assist.

L'Inter continua a correre. I nerazzurri si impongono 2-0 sul campo del Verona e portano a casa la seconda vittoria consecutiva, che regala loro tre punti d'oro nella corsa verso l'Europa. L'anticipo del Bentegodi viene aperto da un tap-in di Palacio, che sblocca il risultato al 13' del primo tempo, e sigillato da Jonathan, autore del raddoppio al 18' della ripresa al termine di una bella incursione da destra: Mazzarri festeggia, scavalca la Fiorentina e si porta momentaneamente al quarto posto della classifica.

FORMAZIONI - Mandorlini cambia tre elementi rispetto all'undici di Parma. In difesa spunta Albertazzi, che sostituisce Agostini a sinistra: Cacciatore resta a destra, Moras e Maietta formano la coppia centrale. In mezzo al campo si rivede Donati, affiancato da Sala e Marquinho. Nel tridente offensivo manca l'ammaccato Gomez: l'avanzato Romulo ed Iturbe si muovono a supporto di Toni.

Mazzarri è ancora senza Juan Jesus, squalificato, ma non rilancia il rientrante Samuel: Campagnaro e Ranocchia partono dal 1', Rolando completa la difesa. A sinistra spinge D'Ambrosio, sostituto dell'acciaccato Nagatomo, mentre a destra viene confermato Jonathan. Nessuna novità in mediana, con Guarin e Hernanes ai lati di Cambiasso, né in avanti, dove Palacio è affiancato da Icardi.

PRIMO TEMPO - Verona sogna l'Europa, il Bentegodi ribolle d'entusiasmo. Gli undici gialloblù in campo vorrebbero farsi trascinare dall'entusiasmo dei loro tifosi, ma le buone intenzioni trovano concretezza solo nei primissimi minuti. Dopo un discreto approccio, l'Hellas si fa sorprendere dalla quadratissima Inter. I nerazzurri trovano ampi spazi nella difesa di Mandorlini e ne approfittano per sfondare.

Dopo una traversa di Icardi, bravo a girare di testa un cross di Guarin ma sfortunato nel centrare il legno, la squadra di Mazzarri passa con Palacio, che sfrutta un assist di Jonathan e appoggia in rete da due passi. Il goal non modifica l'intensità della gara, che resta alta. I padroni di casa accelerano alla ricerca del pari, gli ospiti tengono botta e quando possono ripartono.

La partita è bella, anche se per una decina di minuti mancano le emozioni negli ultimi sedici metri. Poi si sveglia Marquinho, che spara da fuori dopo un'azione personale ma non trova lo specchio. Il brivido principale, però, non è figlio di una conclusione, ma di un contrasto Ranocchia-Toni in area nerazzurra: Banti dice no al rigore e l'Inter riprende a macinare gioco.

Approfittando degli spazi lasciati da quella parte dal Verona, i Mazzarri-boys spingono forte a destra sull'asse Jonathan-Palacio-Guarin: a provarci è soprattutto il colombiano, che spara due volte ma trova Rafael sulla sua strada. Il Verona chiude il primo tempo col piede sull'acceleratore, ma non riesce ad incidere: le squadre vanno negli spogliatoi tra i fischi del Bentegodi, furioso per il penalty non concesso.

SECONDO TEMPO - Guizzi gialloblù, solidità nerazzurra: la seconda parte della gara si apre sulla falsariga della prima. Il Verona riparte con le migliori intenzioni, trascinato soprattutto dalle accelerazioni di Iturbe, ma va a schiantarsi contro l'attenta retroguardia di Mazzarri e fatica a rendersi pericoloso dalle parti di Handanovic. L'Inter, al contrario, ogni volte che riparte dà l'impressione di poter far male.

Il talento di Hernanes, appena intravisto fin lì, illumina finalmente la serata, anche se non viene premiato: dopo un tentativo da fuori bloccato da Rafael, il brasiliano ci prova un con uno splendido calcio piazzato mancino, ma la sua conclusione va a schiantarsi contro la traversa. Gli ospiti, comunque, non hanno il tempo di maledire la sfortuna che trovano il raddoppio.

Il goal nasce ancora dalla corsia di destra, dove Jonathan sfonda che è un piacere: dopo un primo tentativo rintuzzato dal portiere gialloblù, il brasiliano infila da distanza ravvicinata e mette in ghiaccio la partita. Sotto di due reti, infatti, il Verona fatica a ritrovarsi. Moras avrebbe l'occasione per riaprire la partita, ma fallisce di testa un palla comodissima.

Le mosse di Mandorlini, che aumenta il peso dell'attacco inserendo Martinho e Cacia, non cambiano l'andazzo della sfida. L'Hellas continua a provarci, ma Handanovic non corre più grossi pericoli. L'Inter gestisce senza patemi il finale di partita e fa suo l'atipico scontro diretto del Bentegodi: da stasera l'Europa League è quanto mai vicina.

CHIAVE - Più dell'assenza di Juanito Gomez, in casa gialloblù pesano quelle di Hallfredsson ed Agostini. Il Verona soffre tremendamente sull'out di sinistra dove Albertazzi, poco protetto da Marquinho ed Irturbe, resta spesso in inferiorità numerica. Alle accelerazioni di Jonathan, infatti, da quella parte si sommano le incursioni di Guarin e l'appoggio di una delle due punte, che finiscono per mettere in mezzo il numero 3 dell'Hellas: non è un caso che i due goal nascano dalla corsia destra dell'Inter.

MOVIOLA - I ventidue sul terreno del Bentegodi se la giocano a ritmi alti, ma per 27' la partita fila via tranquilla. Poi Toni cade in area dopo un ruvido contrasto con Ranocchia: il contatto è netto, ma il centravanti gialloblù accentua la caduta e induce Banti a non intervenire tra le furibonde proteste dell'Hellas. Da lì in poi sale la tensione, ma non si registrano ulteriori episodi scabrosi: l'arbitro toscano riesce a gestire il prosieguo della contesa senza sbavature.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Jonathan. Albertazzi gli permette di diventare fenomenale e lui sfrutta l'occasione decidendo il match con l'assist per Palacio ed il goal che chiude il match. Magico.

IL PEGGIORE - Albertazzi. Jonathan lo rivolta come un calzino e fa quello che vuole dalle sue parti. Il giovane terzino finisce per ammattire...

Sullo stesso argomento