thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 08 dicembre 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Marc'Antonio Bentegodi, Verona
  • Arbitro: A. De Marco
  • • Spettatori: 17801
2
FIN
1

Verona-Atalanta 2-1: Illusione Denis, rimonta gialloblù

Una rete del Tanque porta in vantaggio l'Atalanta, ma nella ripresa cambia tutto: Gomez pareggia di testa, Jorginho raddoppia su rigore per fallo di Cazzola (espulso) su Cacia.

Dopo 3 ko, sul Verona torna il sereno. Ha quasi dell’incredibile la rimonta della squadra di Mandorlini, che batte l’Atalanta nel finale dopo essere andata sotto, nel primo tempo, per una perla di Denis. Sono Gomez e Cacia, due neo entrati, a segnare la svolta: pareggio dell’argentino, rigore procurato dall’ex piacentino (con espulsione di Cazzola) e trasformato da Jorginho per il 2-1 finale.

FORMAZIONI – Senza Cacciatore, Mandorlini deve cambiare qualcosa nel proprio undici titolare: Romulo scala a terzino, Cirigliano riceve la prima chance da titolare in mezzo al campo. Davanti c’è Martinho, con Gomez che parte dalla panchina. Nell’Atalanta il veronese Cazzola è confermato centrale difensivo, mentre davanti, assieme a Denis, c’è De Luca. Nemmeno panchina per Bonaventura e Maxi Moralez.

PRIMO TEMPO – Che non sia un periodo particolarmente fortunato per il Verona, è fuor di dubbio. Tre ko di fila hanno minato le certezze della squadra di Mandorlini, e si vede. Nei primi 20 minuti l’Atalanta si difende bene, con i veneti che hanno come uniche opportunità una zuccata debole di Toni e un tiro cross di Martinho respinto da Consigli.

Da lì, i bergamaschi iniziano a salire di tono. E a spaventare i padroni di casa. Il satanasso, là davanti, ha un nome e un cognome: German Denis fa le prove del vantaggio poco prima della mezzora, con un sinistro deviato da Rafael, quindi il portiere brasiliano deve respingere anche una conclusione da fuori di Baselli.

La rete, alla fine, arriva. E a segnarla è l’Atalanta. In stile Milito-Bayern, Denis ubriaca di finte e controfinte l’incerto Gonzalez, presentandosi solo davanti a Rafael e uccellandolo con un pregevole tocco sotto con il sinistro. Golazo. 1-0 Atalanta, e pressione ancor più sulle spalle di un Verona poco produttivo in fase offensiva.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa è tutto un altro Hellas. I padroni di casa premono alla ricerca del pareggio, sfiorandolo in due occasioni: Iturbe schiaccia troppo a porta vuota, con Consigli a farfalle, mandando la palla alta, mentre Toni colpisce la traversa ma a gioco fermo (spinta). Dall’altra parte, Denis semina il terrore: grande Rafael nella deviazione.

Il pallino del gioco è sempre nei piedi del Verona: Toni lotta, l’ingresso di Gomez crea scompiglio. Dopo una grande parata di Consigli sul destro da terra di Cacia, il pareggio è proprio del neo entrato Juanito, che di testa da azione d’angolo batte l’immobile portiere nerazzurro. 1-1 e sospiro di sollievo al Bentegodi.

Nell’altra area, il pericolo è sempre Denis: taglio verso sinistra e conclusione mancina che termina sull’esterno della rete. Scampato il pericolo, il Verona capisce di potercela fare. Il protagonista è Cacia, che scappa in contropiede e si fa trattenere (al limite dell’area…) da Cazzola: rosso al nerazzurro e rigore che Jorginho trasforma. È il goal del 2-1, è il goal dell’estasi gialloblù.

CHIAVE – I cambi di Mandorlini danno nuova linfa a un attacco bloccato: gli ingressi di Gomez e Cacia creano scompiglio nella difesa dell’Atalanta, e alla fine i protagonisti della rimonta dei veneti saranno proprio loro.

MOVIOLA – De Marco non perfetto. Anzi, tutt’altro. Sbaglia situazioni banali, come rimesse laterali e dal fondo invertite, ma in uno di questi casi poco chiari nasce la rete del pareggio di Gomez. E in occasione del rigore decisivo, il fallo di Cazzola su Cacia inizia poco fuori dell’area di rigore.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE: Denis. El Tanque si dimostra un’altra volta letale e segna un gran goal, sfiorando più volte la doppietta e facendo paura da solo alla difesa veronese. 

IL PEGGIORE: Brienza. Praticamente invisibile.

Sullo stesso argomento