thumbnail Ciao,
Diretta Live

Mondiali

  • 17 giugno 2014
  • • 00.00
  • • Arena das Dunas, Natal, Rio Grande do Norte
  • Arbitro: J. Eriksson
  • • Spettatori: 39760
1
FIN
2

Clint Dempsey esulta dopo il goal

Ghana-USA 1-2: Non basta André Ayew, Dempsey e Brooks fanno sognare gli americani

Clint Dempsey esulta dopo il goal

Getty Images

All'Estadio das Dunas di Natal, gli USA superano 2-1 il Ghana. A segno Dempsey, André Ayew e Brooks. Mondiali finiti per Altidore, si fa male anche Besler.

Gli USA superano di misura per 2-1 il Ghana nella sfida di Natal. All'Estadio das Dunas americani subito in vantaggio con Dempsey, che insacca dopo uno slalom in area di rigore. Nella ripresa gli africani sembrano più pimpanti e riescono a pareggiare grazie ad una pregevole rete di A.Ayew. Il pareggio resiste solo quattro minuti, in quanto all’86' gli americani segnano il goal del definitivo vantaggio con Brooks.

FORMAZIONI - Appiah schiera gli africani con un 4-2-3-1: nel quartetto difensivo spiccano le presenze di Boye del Rennes e dello juventino Asamoah. A centrocampo domina la sostanza di Muntari con ai suoi lati Rabiu e Ratsu, in attacco i due fratelli Ayew agiscono con Atsu a supporto dell'unica punta Asamoah Gyan. Panchina per Boateng ed Essien.

Gli uomini di Jurgen Klinsmann rispondono con un solido 4-3-1-2: in porta Howard, in difesa Besler, Beasley, Cameron e Johnson. In mezzo al campo l’ex romanista Bradley coordina le operazioni da vertice alto del rombo mentre in attacco agisce il duo Dempsey-Altidore.

PRIMO TEMPO - I ghanesi pagano probabilmente l’inesperienza e partono distratti, ne approfittano subito gli americani che passano in vantaggio con Dempsey che dopo uno slalom si presenta davanti a Kwarasey e lo batte incrociando con il sinistro.

Provano a reagire gli africani ma gli Stati Uniti mostrano una difesa ben organizzata e vanno anche vicini al raddoppio con Altidore, l’attaccante del Sunderland stoppa indisturbato a centro area, calcia a botta sicura ma la difesa Ghanese riesce a smorzare il tiro. Poco dopo purtroppo il centravanti è costretto a lasciare il campo a causa di uno stiramento, al suo posto in campo Johannsson, quest’anno autore di venti reti con la maglia dell’AZ Alkmaar.

Bisogna aspettare mezzora per vedere il primo tiro in porta ghanese, l’autore è Gyan che ci prova con un destro forte sul secondo palo, Howard è attento e respinge bene il pallone.

Anche gli americani ci provano con una punizione di Bedoya da posizione defilata, il portiere africano smanaccia in corner. Nei cinque minuti di recupero c’è il tempo per una grande occasione per Jordan Ayew che ben servito in piena area di rigore cicca clamorosamente il pallone.

SECONDO TEMPO - Il Ghana cerca di alzare il baricentro, le idee sono però confuse e manca un punto di riferimento avanzato. Il primo tentativo è di Muntari che calcia da fuori con il pallone che termina a lato. Dal 57’ al 63’ Gyan ha due ottime occasioni: la prima di testa ma Howard è attento e devia in corner; la seconda di piede ma la difesa americana riesce a deviare il pallone.

Per gli americani ci provano Jones e Dempsey, ma trovano sulla loro strada un attento Kwarasey. Quando ormai gli americani pregustano la vittoria al minuto 82’ arriva la rete del pareggio ghanese: Gyan, ben servito in verticale, corre verso la linea di fondo e di tacco serve Ayew che arriva a rimorchio, controlla e batte Howard. 

tifosi africani non hanno nemmeno il tempo di esultare in quanto quattro minuti dopo gli americani tornano in vantaggio grazie a Brooks che svetta di testa e schiaccia in rete su corner di Zusi. Ghanesi molto distratti in marcatura.

CHIAVE - Si vede la mano di Jurgen Klinsmann nella selezione americana: il tecnico tedesco mette in campo una squadra estremamente organizzata, capace di difendersi con dedizione e di sfruttare le sue armi in fase offensiva. Anche caratterialmente la squadra sembra solida, in quanto riesce a reagire prontamente alla rete subita.

MOVIOLA - Partita nervosa, soprattutto nel primo tempo, però l’arbitro svedese Eriksson riesce a tenerla in pugno.

Sullo stesso argomento