thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 16 dicembre 2012
  • • 12.30
  • • Stadio Artemio Franchi, Firenze
  • Arbitro: P. Tagliavento
  • • Spettatori: 22000
4
FIN
1

Fiorentina-Siena 4-1: Un tempo da urlo per la Viola, e il derby toscano è tutto suo

Di Toni (doppietta), Pizarro (su rigore) e Aquilani (che nel finale fallirà un altro rigore) le reti viola, di Reginaldo il goal del provvisorio 3 a 1 senese: risultato giusto.

E' della Fiorentina il derby toscano. I viola, grazie soprattutto ad un primo tempo perfetto, si sono aggiudicati il match contro un Siena deludente per metà incontro con il risultato di 4 a 1. Di Toni (16' e 79'), Pizarro (19', su rigore, con tanto di commossa esultanza per ricordare la scomparsa della sorella Claudia) e Aquilani (45', l'ex rossonero fallirà poi un altro rigore nel finale) le quattro reti della banda Montella, che sale ora a 32 punti. Siena (di Reginaldo al 70' il goal della bandiera) sempre ultimo a quota 11.

FORMAZIONI – Vincenzo Montella, come previsto, esclude Viviano: chance dal 1' per il brasiliano Neto, omonimo del difensore portoghese del Siena. Per il resto Romulo agisce sull'out destro nella mediana a cinque, in avanti c'è Toni con Jovetic. Ospiti con Rosina alle spalle di Calaiò e Larrondo.

PRIMO TEMPO – Il match parte subito su buoni ritmi. Dopo un paio di occasioni capitate in avvio a Roncaglia, i padroni di casa passano al 16' grazie a Luca Toni, che incorna in rete un preciso suggerimento di Pasqual. Dopo 3' arriva anche il 2-0, firmato da David Pizarro su calcio di rigore (Felipe aveva atterrato in area Toni): struggente l'esultanza del cileno, a cui Jovetic aveva ceduto la battuta. Urla al cielo e tuffo in terra, come di chi non vuole rassegnarsi ad una morte ingiusta, quella della sorella 32enne, omaggiata anche dalla Curva Fiesole con un sentito striscione.

La formazione di Montella potrebbe anche triplicare al 21', ma il rasoterra di Borja Valero termina di poco a lato. Il Siena si fa vedere alla mezzora, nell'occasione è molto bravo Neto a dire di no ad un tentativo di Calaiò, su cross del neoentrato (al posto dell'infortunato Angelo) Sestu. Gli uomini di Cosmi ci riprovano al 43' con una conclusione volante di Rubin, bloccata da Neto, ma nel loro miglior momento arriva il tris viola con Aquilani, che appoggia comodamente in rete un suggerimento di Romulo. Si va al riposo, dunque, sul 3-0.

SECONDO TEMPO – Subito un cambio, il secondo, per il Siena, che toglie Larrondo e irrobustisce il centrocampo con Coppola. I bianconeri vanno vicinissimi al goal prima con Vergassola al 56' (colpo di testa a lato) e poi con Calaiò 2' dopo. Come prevedibile, si gioca su ritmi molto più blandi rispetto alla prima frazione: Montella ne approfitta e concede un po' di riposo a Jovetic, sostituito al 60' da El Hamdaoui.

Cosmi, intanto, è costretto a cambiare anche Sestu – problemi fisici per lui – e al suo posto entra il brasiliano Reginaldo. Proprio lui segnerà al 70' il goal del provvisorio 3 a 1, su preciso assist di Rosina, prima del secondo sigillo personale di Toni, che girerà in rete di testa un traversone di Borja Valero. Nel finale, poi, Aquilani fallirà un calcio di rigore (conclusione altissima), concesso per fallo di Paci – espulso per somma di ammonizioni – ai danni di El Hamdaoui.

CHIAVE – Ha deciso la maggior classe della banda Montella, che ha chiuso subito il match grazie ad un primo tempo di grande qualità. Cosmi, dal canto suo, ha cercato di giocarsela con uno schieramento più offensivo del solito (un trequartista e due punte di ruolo), ma la scelta gli ha detto male.

MOVIOLA – Netti i due rigori per la Fiorentina: sul primo, Toni viene steso in area dall'ex viola Felipe, sul secondo Paci trattiene vistosamente per la maglia El Hamdaoui. Nessun dubbio sulle decisioni dell'arbitro Tagliavento.

Dalle pagelle

IL MIGLIORE - Toni. Due goal realizzati ed un rigore guadagnato. Oggi l’ex centravanti del Bayern Monaco ha fatto la differenza con la sua esperienza e la sua qualità.

IL PEGGIORE - Paci. E’ naufragato con il resto del pacchetto difensivo. Espulso nel finale di partita.

Sullo stesso argomento