thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 06 maggio 2014
  • • 19.00
  • • Stadio Artemio Franchi, Firenze
  • Arbitro: P. Tagliavento
  • • Spettatori: 30470
3
FIN
4

Fiorentina-Sassuolo 3-4: Tripletta di Berardi, poker neroverde al Franchi

Match spettacolare al Franchi, dove il Sassuolo cala il poker con la tripletta di Berardi e la rete di Sansone. La Fiorentina tenta poi la rimonta con Rodriguez, Rossi e Cuadrado.

Dopo la sconfitta in finale di coppa Italia la Fiorentina cerca di blindare definitivamente il quarto posto. Per farlo però deve battere il Sassuolo che lotta per la salvezza e si presenta agguerritissimo al Franchi. Ne uscirà una gara bella e ricca di goal con la vittoria insperata del Sassuolo che sogna concretamente la salvezza.

FORMAZIONI - Montella schiera Matri titolare e rispolvera Diakite in difesa. Rosati sostituisce il malconcio Neto, Mati Fernandez invece prende il posto di Aquilani. Per il Sassuolo attacco veloce e reattivo con Zaza-Sansone-Berardi.

PRIMO TEMPO - Primo squillo viola targato Mati Fernandez che al 10’ fa partire un destro che termina fuori di poco. Poco dopo risponde Sansone che impegna il portiere viola Rosati. Gli ospiti prendono campo e Rosati risponde ottimamente anche a Gazzola che al 20’ calcia da buona posizione. La gara è divertente ed entrambe le squadre danno l’idea di voler vincere.

Al 22’ Broja Valero tocca di mano in area e l’arbitro assegna il rigore tra le proteste viola. Dal dischetto Berardi non sbaglia e porta in vantaggio il Sassuolo. I viola provano a reagire con Matri che di testa sfiora il palo alla destra del portiere su cross di Brorja Valero. Al 32’ gli ospiti sfruttano una ripartenza con Sansone che serve a Berardi un assist perfetto, l’attaccante emiliano segna il 2-0. I viola soffrono e per poco Zaza non segna il terzo goal, l’attaccante viene  però stoppato dal palo.

La fase difensiva viola lascia a desiderare e la tripletta di Berardi arriva al 41’ con un destro secco che non lascia scampo a Rosati.

SECONDO TEMPO - La ripresa inizia sulla falsa riga del primo tempo, Fiorentina impacciata e Sassuolo pimpante. Al 54’ Zaza si libera in area e calcia fuori di poco. Due minuti dopo però i viola tornano in partita grazie ad un rigore trasformato da Gonzalo Rodriguez.

Al 66’ Zaza sbaglia incredibilmente a due passi da Rosati il goal del 4-1, ma sull’azione seguente ci pensa Sansone a dribblare mezza difesa viola e riportare e realizzare il quarto goal. Montella manda in campo Giuseppe Rossi che non delude le aspettative ed al 70’ realizza un bel goal dopo una triangolazione veloce con Borja Valero. Passano 5’ e Cuadrado con un perfetto pallonetto segna il 3-4 che riapre definitivamente la gara.

Nel finale i ragazzi di Montella credono nel pari che sfiorano all’85 con mati Fernandez, il suo tiro però termina alto. Nel recupero occasionissima per Rossi che indirizza all’angolino ma Pegolo compie un miracolo e salva in corner. Finisce dopo 6’ minuti di recupero con qualche fischio che piove dai tifosi viola.

LA CHIAVE - La Fiorentina a tratti sembra ancora in stato di Shock dopo la finale di Coppa Italia. I viola giocano a tratti mentre il Sassuolo è velocissimo nelle ripartenze e fa male soprattutto con Belardi. Vittoria meritata per gli emiliani nonostante nel finale ci sia molto da soffrire.

MOVIOLA - Si protegge il viso ma alzando troppo il braccio Borja Valero in occasione del rigore per il Sassuolo. Nella ripresa rigore anche per i viola a seguito dell’atterramento di Joaquin ad opera di Longhi. Goal annullato giustamente a Borja Valero per fuorigioco nel finale, lo spagnolo ha la testa oltre la linea difensiva ospite.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Domenico Berardi. Giornata indimenticabile per il giovane attaccante neroverde, che risulta implacabile sotto porta. Perfetto il rigore che spezza gli equilibri, glaciale in area di rigore in occasione delle altre due reti. Serve anche un perfetto assist per il poker di Sansone.

IL PEGGIORE - Rafal Wolski. Gioca tra le linee ma risulta totalmente fuori dal gioco viola. Non trova mai il passaggio giusto per le punte e perde anche qualche facile pallone. Montella lo richiama in panchina e la manovra offensiva decolla.

Sullo stesso argomento