thumbnail Ciao,
Diretta Live

Mondiali

  • 14 giugno 2014
  • • 00.00
  • • Arena Pantanal, Cuiabá, Mato Grosso
  • Arbitro: N. Doue
  • • Spettatori: 40275
3
FIN
1

Sanchez Chile 2014 World Cup Group B 06132014

Cile-Australia 3-1: Sanchez da urlo, tre punti d'oro per Sampaoli

Sanchez Chile 2014 World Cup Group B 06132014

Getty Images

Il Cile parte forte e colpisce con il micidiale uno-due firmato Sanchez-Valdivia, poi l'Australia accorcia con Cahill. Allo scadere chiude i conti Beausejour.

Il Cile vince ma non convince, dopo il doppio vantaggio firmato Sanchez-Valdivia la Roja mostra tutti i suoi difetti, ovvero un possesso di palla a tratti troppo lezioso ed una coppia di centrali spesso in affanno sui palloni alti, un goal di Beausejour al novantaduesimo chiude il match.

L’Australia, dopo un inizio terribile, riesce a mantenere il match aperto sino all’ultimo minuto grazie alle sgroppate sulla fascia di Leckie e alle abilità aeree dell’immortale Tim Cahill.

FORMAZIONI – Sampaoli presenta il Cile con una rosa di tutto rispetto, per il match contro l’Australia il tecnico argentino decide di schierare un 4-3-1-2. In campo tutti i protagonisti principali del vincente percorso di qualificazione: il difensore del Cardiff City Medel, l’attaccante del Barcellona Alexis Sanchez ed i due bomber del girone di qualificazione con cinque reti, ovvero l’ex napoletano Edu Vargas, ed il centrocampista juventino Arturo Vidal.

Gli australiani rispondono con un 4-4-1-1 molto prudente: la star della formazione è il capitano, ex Everton, Tim Cahill, accompagnato dal portiere del Bruges Mathew Ryan e dall’ex centrocampista di Palermo e Lazio Mark Bresciano.

PRIMO TEMPO – Il tema della partita sembra subito chiaro: possesso di palla ragionato per i cileni e difesa ferrea condita con veloci ripartenze per gli uomini di Ange Postecoglou. Al dodicesimo e al tredicesimo la Roja sembra aver messo già in cassaforte il risultato: azione prolungata all’interno dell’area australiana con Aranguiz che salta il portiere e mette il pallone in mezzo, di testa Vargas è anticipato, il pallone però termina sui piedi di Sanchez che controlla e con freddezza batte Ryan.

Un minuto dopo grande azione di Sanchez che serve Valdivia solo appena dentro l’area di rigore, il numero dieci controlla e calcia un bel destro sotto la traversa, portando i suoi sul due a zero. Gli australiani faticano a gestire il prolungato possesso di palla cileno e Sanchez quando punta l’uomo è quasi imprendibile. Bresciano e compagni provano a tessere qualche trama offensiva ma le idee sono confuse e Claudio Bravo non corre grossi pericoli.

Il Cile però inizia a piacersi troppo risultando lezioso nell’area di rigore avversaria. Questo atteggiamento viene punito al trentaquattresimo da Tim Cahill, che svetta di testa su cross di Franjic, anticipando Medel, e dimezzando le distanze. Due minuti dopo i Socceroos vanno vicini al pareggio ancora con Capitan Cahill, che incrocia di destro dall’interno dell’area di rigore, con Bravo che riesce a respingere di piede.

SECONDO TEMPO – I cileni mantengono sempre il pallino del gioco, le ripartenze australiane però risultano molto più pericolose ed incisive, soprattutto con i cross dalla destra di Leckie sui quali Cahill è spesso pericoloso.

Al cinquantecinquesimo cross preciso dalla sinistra, Bresciano sbuca sul secondo palo e calcia al volo di sinistro, Bravo con un miracolo riesce a respingere e chiude anche sulla ribattuta dell’ex palermitano. Cile in difficoltà. Dopo un’ora di gioco Vidal lascia il posto a Gutierrez, lo juventino non è apparso in condizioni ottimali. Al sessantunesimo però la Roja sfiora il goal con Vargas, che ben servito da Sanchez anticipa Ryan, la palla si avvia mesta verso la rete ma Wilkinson con un guizzo riesce a calciarla via prima che varchi la linea bianca.

I Socceroos attaccano sempre più spesso dalle fasce laterali, affidandosi alle abilità aeree di Cahill, che riesce molto spesso a sovrastare i difensori cileni. Al novantaduesimo il Cile chiude il match: Pinilla solo davanti al portiere gli calcia addosso, sulla respinta arriva Beausejour che di sinistro mette il pallone nell’angolino alla sinistra di Ryan.

LA CHIAVE – Alexis Sanchez: sempre pericoloso quando punta l’uomo, preciso in fase di verticalizzazione e freddo davanti alla porta in occasione del gol dell’uno a zero.

MOVIOLA – Al cinquantaduesimo gol annullato a Tim Cahill per un evidente fuorigioco.
Al settantatreesimo invece Vargas, servito da Sanchez, viene fermato per un fuorigioco molto dubbio.

Sullo stesso argomento