thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 28 aprile 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Marc'Antonio Bentegodi, Verona
  • Arbitro: D. Doveri
  • • Spettatori: 10000
0
FIN
1

Chievo-Genoa 0-1: Borriello risolleva il 'Grifo', ora la salvezza è di nuovo vicina

Torna a volare il 'Grifo' grazie al goal di Borriello al 73' che con una splendida girata di testa permette a Ballardini e al Genoa di tirare il fiato.

Borriello regala al Genoa la prima vittoria esterna del 2013 e riporta il sereno in casa rossoblu. Grifo corsaro al Bentegodi al termine di una partita tutt’altro che spettacolare e avara d’emozioni. Buona la ripresa degli uomini di Ballardini rispetto un Chievo più propositivo nel primo tempo. La salvezza del Genoa adesso è ad una svolta, per quella del Chievo mancherà solo un ultimo sforzo. Si accende cosi nel finale di stagione la lotta per non retrocedere.

FORMAZIONI – Uomini contati per Corini che deve rinunciare a Frey e Cesar squalificati insieme agli infortunati Acerbi e Pellissier (infortunio alla caviglia nella rifinitura di ieri). Clivensi disposti con la difesa a cinque: Sardo, Dainelli, Andreolli, Papp, Dramè. A centrocampo poi Cofie, Rigoni, Hetemaj. In attacco la novità è Stoian al posto di Thereau al fianco di Paloschi.

Assenze importanti anche in casa Genoa. Oltre Portanova squalificato, mancano all’appello Rossi, Kucka e Damiano Ferronetti, quest’ultimo infortunato alla vigilia. Ballardini rispetto alla gara contro l’Atalanta passa al 3-5-2. In difesa spazio a Granqvist, Manfredini e Moretti, poi, in mezzo al campo Pisano, Rigoni, Matuzalem, Antonelli e Vargas e in attacco la coppia Borriello-Floro Flores.

PRIMO TEMPO – Si gioca al piccolo trotto al Bentegodi. Ballardini che aveva chiesto ai suoi di ‘sbranare’ gli avversari resta deluso per un tempo. Succede poco o nulla nei primi minuti, solo una girata di Dramè senza troppa convinzione e una punizione di Sardo lanciata in curva. Quanto al Genoa in assenza d’idee, i rosso-blu danno l'impressione di una squadra demoralizzata e poco abituata a lottare con il coltello tra i denti.

Da segnalare una sola conclusione (allo scadere) da parte del Grifo nella prima frazione di gioco e che certifica lo stato di crisi profonda dei liguri. Nel finale, poi, arrivano due lampi improvvisi, uno per parte. A Stoian, girata respinta da Frey, risponde Moretti che trova un reattivo Puggioni che con i piedi salva un goal già fatto sugli sviluppi di un corner. Il risultato non cambia: al riposo si va a reti bianche.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa non cambia il tema tattico della gara: Chievo avanti e Genoa che aspetta dietro pronto a ripartire. I liguri faticano a costruire gioco cosi si affidano solo a conclusioni personali nel caso di Rigoni e Floro Flores, quest’ultimo in giornata tutt’altro che positiva. Si continua a sbagliare molto anche nel corso del secondo tempo, da una parte e dall’altra. Al 65’ Floro Flores su punizione scheggia il palo alla destra di Puggioni.

Cresce il Genoa nella ripresa rispetto ad un primo tempo abulico. Al 73’ arriva il goal della svolta: ci pensa Borriello con una splendida girata di testa sugli sviluppi di un corner a portare in volo il ‘Grifo’. Un goal pensatissimo quello dell’ex milanista. Terzo goal di testa in stagione. Il Genoa potrebbe raddoppiare sempre con Borriello dopo un errore di Andreolli ma l’attaccante manda il pallone fuori. Dopo la rete subita si spegne il Chievo che incassa la sconfitta interna e dovrà sudarsi la salvezza.

CHIAVE –  Il goal di Borriello al 73’ spezza l’equilibrio in campo. Un goal pesantissimo per la lotta per la salvezza. E non solo in casa Genoa.

MOVIOLA – Doveri arbitra con ordine, nessun episodio da segnalare.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Borriello. Mattatore di giornata. Prova di grande sacrificio compensata da un goal pesantissimo in chiave salvezza.

IL PEGGIORE - Papp. Prestazione senza infamia ne lode, avrebbe potuto sfruttare al meglio la chance da titolare.

Sullo stesso argomento