thumbnail Ciao,
Diretta Live

Champions League

  • 19 settembre 2012
  • • 20.45
  • • Stamford Bridge, London
  • Arbitro: Pedro Proença
  • • Spettatori: 40918
2
FIN
2

Chelsea-Juventus 2-2: A Stamford Bridge Quagliarella evita il ko ai bianconeri

Chelsea-Juventus 2-2: A Stamford Bridge Quagliarella evita il ko ai bianconeri

Getty Images

'Madama' va sotto nel primo tempo per effetto di una doppietta dello scatenato Oscar, ma è brava ad accorciare con Vidal e acciuffare il pari nella ripresa con il napoletano.

La Juventus riesce a strappare un pareggio prezioso in casa dei campioni in carica del Chelsea al ritorno in Champions League. La gara si era messa male, con i Blues in vantaggio per 2-0 grazie alle magie di Oscar, ma la squadra di Carrera, come da tradizione, non si è arresa, grazie soprattutto alla grande prestazione di Vidal e al gol nel finale di Quagliarella. Anche senza Pirlo, completamente invisibile, i bianconeri sono riusciti a rimettere in sesto la gara. Un'altra prestazione di carattere, ma già la prossima gara contro lo Shaktar potrebbe risultare decisiva per gli esiti della qualificazione.

FORMAZIONI - Nel Chelsea c'è qualche sorpresa dell'ultima ora, il brasiliano Oscar viene preferito a Mata. La punta di riferimento è Torres, il resto è tutto confermato con la difesa a 4 e i due centrocampisti, Lampard e Mikel, a fare da schermo davanti alla difesa.

Nella Juventus si ritorna alla formazione migliore, quella già vista ad Udine. Giovinco e Vucinic di punta, Lichtsteiner e Asamoah sono gli esterni di centrocampo. Anche in difesa tutto confermato con il trio Barzagli,Bonucci e Chiellini.

PRIMO TEMPO - La partita inizia in modo molto equilibrato, nei primi 10' la Juventus prova a fare la partita, mentre il Chelsea è sempre pronto a ripartire in velocità. Il brasiliano Oscar rimane sempre attaccato a Pirlo in fase di non possesso, costringendo i bianconeri a giostrare il loro gioco senza il centrocampista della nazionale. In mezzo al campo, infatti, gli errori di misura si fanno sentire e i passaggi sbagliati iniziano a diventare un po' troppi.

La prima vera occasione arriva al 21' grazie ad un bel lancio di Barzagli che trova smarcato Marchisio, il centrocampista si allunga un po' il pallone e non riesce a superare Cech in uscita. Il Chelsea risponde prontamente, grazie soprattutto alle giocate nello stretto di Ramires,Hazard e Oscar, tutti molto rapidi e in grado di giocare in un fazzoletto di campo. Alla mezz'ora la Juventus ha un'altra grande occasione, stavolta è Vucinic a sprecare da buona posizione dopo un bell'assist del cileno Vidal, la palla finisce sull'esterno della rete.

Il calcio conferma la sua regola: gol sbagliato, gol subito. Al 31' Oscar trova la rete dal limite dell'area, anche grazie ad una leggera deviazione di Bonucci che cambia la traiettoria. Ma il momento magico del brasiliano non si ferma lì, due minuti dopo Oscar controlla a meraviglia la sfera, facendo un tunnel a Pirlo, e poi calcia a giro trovando l'angolo più lontano dove Buffon non può arrivare. Raddoppio dei Blues e Juve frastornata dalle meraviglie del giovane Oscar.

I bianconeri cercano di reagire e il merito è soprattutto di Arturo Vidal. Il cileno, nonostante una botta alla caviglia, stringe i denti e carica la spinta della Juventus. Il centrocampista trova il gol del 2-1 con un tiro preciso dal limite dell'area, dopo una bella incursione di Asamoah. La Juventus riapre la partita e cerca di rimettersi in carreggiata. Nel finale del primo tempo il Chelsea si rende ancora pericoloso con Ramires ma Buffon respinge con i pugni. Le squadre vanno negli spogliatoi sul 2-1 per il Chelsea.

SECONDO TEMPO - Nella ripresa la Juventus prova ad entrare in campo con il piglio giusto ma il Chelsea si difende con grande efficacia, inoltre gli scambi imprevedibili tra Hazard e Oscar sono davvero difficili da gestire. Pirlo è sempre più in ombra e il gioco deve svilupparsi per altre vie, Vidal, zoppicante, lotta come un leone ma sbaglia anche molti passaggi semplici. La prima vera occasione della ripresa la crea con il Chelsea con una conclusione dalla distanza di Ivanovic, Buffon si allunga e respinge.

Iniziano anche i cambi, nel Chelsea entra Bertand al posto di uno stanco Ramires, qualche minuto dopo c'è anche la standing ovation per Oscar che lascia il posto allo spagnolo Mata. Carrera cambia le cose anche nella Juventus, fuori Giovinco e Lichtsteiner, dentro Quagliarella e Isla, per il cileno è il debutto stagionale dopo l'infortunio al ginocchio.

Il Chelsea sembra in controllo del risultato e i bianconeri non riescono più a pressare con intensità, al 78' Mata sfiora il gol del 3-1 dopo una bella combinazione con Hazard. All'81', però, cambia tutto: la Juventus ruba palla in mezzo al campo, Marchisio serve un bellissimo assist a Quagliarella, l'attaccante entrato nella ripresa si trova a tu per tu con Cech e lo fulmino con un piatto sotto le gambe.

La Juventus trova un pareggio che sembrava ormai impossibile. La rete da nuove energie alla squadra di Carrera, che qualche minuto dopo sfiora anche la rete del vantaggio, grazie ancora a Quagliarella che scheggia la traversa con un tiro a giro. Nel finale il Chelsea prova a spingere ma la Juventus si difende con i denti e riesce a mantenere il risultato. Si chiude sul 2-2 allo Stamford Bridge, buon punto per i bianconeri.

LA CHIAVE - Arturo Vidal. Il centrocampista cileno è semplicemente impagabile, gioca per quasi tutta la partita con una storta alla caviglia, segna il gol del 2-1 e recupera una quantità infinita di palloni. Certo, la stanchezza e la fatica si fanno sentire, sbaglia anche alcuni facili appoggi ma il suo contributo è fondamentale. E' lui a suonare la carica dopo il raddoppio dei Blues, non molla mai.

MOVIOLA - L'arbitro portoghese gestisce la gara con piglio e decisione. Qualche fischio di troppo su contatti veniali ma per il resto la partita è sempre sotto controllo. Hazard, nella ripresa, si lamenta per un contatto in area con Barzagli ma l'arbitro fa proseguire, decisione che sembra corretta. Per il resto non ci sono altri episodi degni di nota.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Oscar. E' stato l'uomo del match. Ha marcato praticamente a uomo Pirlo, inaridendo in buona parte la fonte di gioco della Juventus, e soprattutto ha messo a segno due bei goal, il secondo in particolare, che hanno fatto sognare a lungo i tifosi Blues di poter portare a casa i tre punti. Lo Stamford Bridge gli ha tributato la standing ovation quando, al 74', è uscito dal campo.

IL PEGGIORE - Obi Mikel. Il nigeriano è stato il punto debole del centrocampo inglese. Una prestazione, la sua, decisamente sottotono.

Sullo stesso argomento