thumbnail Ciao,
Diretta Live

Europa League

  • 21 febbraio 2013
  • • 19.00
  • • Stadionul Dr. Constantin Rădulescu, Cluj-Napoca
  • Arbitro: P. Gil
  • • Spettatori: 11027
0
FIN
3

Inter vince col totale di 5 - 0

Cluj-Inter 0-3: Doppio Guarin e Benassi, nerazzurri agli ottavi contro il Tottenham

Cluj-Inter 0-3: Doppio Guarin e Benassi, nerazzurri agli ottavi contro il Tottenham

Getty Images

Tutto facile per i nerazzurri che con un doppio Guarin e la prima gioia di Benassi volano agl gli ottavi, dove affronteranno gli Spurs di Villas Boas e Bale.

L’Inter di Stramaccioni supera la brutta sconfitta di Firenze e passeggia sul campo del Cluj, conseguendo una netta vittoria (3 a 0) che la qualifica agli ottavi di finale di Europa League, dove incontrerà gli inglesi del Tottenham. Rumeni poco convinti e mai in partita, travolti da una doppietta di Fredy Guarìn e dalla prima rete europea del talentuoso giovane Benassi.

FORMAZIONI – Le formazioni iniziali risultano condizionate dal risultato della partita d’andata: un offensivo 3-4-1-2 per il Cluj di Paulo Sergio con Muresan a supportare il tandem offensivo formato da Maah e Rui Pedro e il terzino portoghese Ivo Pinto per l’occasione spostato come esterno destro di centrocampo. Comprensibilmente più abbottonata invece l’Inter di Stramaccioni, che si presenta con un pratico ma talentuoso 4-4-2 in cui difesa e centrocampo guidati dai veterani Zanetti e Cambiasso lavorano per arginare gli avversari e innescara Cassano e Palacio davanti.

PRIMO TEMPO – Sebbene scenda in campo con una formazione più offensiva rispetto al match di San Siro, il Cluj manifesta la stessa difficoltà a creare azioni d’attacco prolungate e soprattutto a contenere la velocità di Palacio e Guarìn, operazione resa ancor più difficile dalla grande prova offerta da Ricky Alvarez: il fantasista argentino con un numero si libera di Rada e lancia Palacio in profondità, il quale serve a Guarìn un pallone facile per il gol del vantaggio.

A questo punto Paulo Sergio inserisce l’attaccante greco Kapetanos al posto del difensore Rada, ma la reazione dei romeni è alquanto sterile e potrebbe essere riassunta da un colpo di testa di Maah che termina di poco a lato rispetto alla porta di Handanovic.

Durante il secondo minuto di recupero però l’Inter trova il raddoppio: Felgueiras interviene sui piedi di Guarìn ma perde immediatamente il pallone favorendo il recupero di Alvarez, il quale restituisce il pallone allo stesso centrocampista colombiano che insacca.

SECONDO TEMPO – A qualificazione praticamente acquisita Stramaccioni concede una breve passerella europea ai giovani Benassi e Pasa, subentrati a Palacio (da preservare in vista del derby) e dall’ottimo Alvarez. L’Inter tenta dunque di abbassare il ritmo della partita, ma il Cluj alza il baricentro andando vicino al gol con Hora (che al 68’ centra in pieno la testa di Handanovic da due passi)e con Camora, il cui diagonale insidioso viene però intercettato dallo stesso portiere sloveno.

Dalla parte opposta del campo però il genio di Antonio Cassano non dorme. Il talento barese all’80’ lancia in porta Benassi, che al momento di calciare viene atterrato da Camora al limite dell’area di rigore: cartellino rosso e romeni in dieci uomini. Una squadra di casa sempre più confusionaria si fa sorprendere dopo pochi minuti nuovamente su un pallone in profondità di Cassano: Benassi sbuca alle spalle di un incerto Piccolo e trafigge Fergueiras per la terza volta. C’è solo spazio per una traversa colpita in pieno da Hora prima che l’arbitro fischi il termine del match.

CHIAVE – La chiave della partita è consistita essenzialmente nella differenza di potenziale tra le due squadre: i lampi di classe messi in mostra da Palacio, Cassano e Alvarez spianano all’Inter la strada degli ottavi di finale, complice anche la scarsa motivazione del Cluj di Paulo Bento, colpevole a dire il vero di non averci mai creduto sin dall’inizio.

MOVIOLA – Ottima l’amministrazione del direttore di gara polacco Pawel, che non si lascia ingannare prima dalla simulazione di Kapetanos e poi dall’intervento dubbio ma regolare di Pasa su Hora.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Cassano. Novanta minuti di altissimo livello per Fantantonio. Invenzioni sopraffine ed assist perfetti come quello per Benassi nel finale. E' gà in forma derby.

IL PEGGIORE - Felgueiras. Regala il secondo goal all'Inter con una presa 'saponetta'. Imperfetto anche in occasione del terzo goal di Benassi, che ringrazia.

Sullo stesso argomento