thumbnail Ciao,
Diretta Live

Campionato Club Mondiale

  • 13 dicembre 2012
  • • 11.30
  • • Nissan Stadium, Yokohama
  • • Spettatori: 36648
1
FIN
3

Monterrey-Chelsea 1-3: La finale del Mondiale per Club sarà ancora Europa vs Sudamerica

Monterrey-Chelsea 1-3: La finale del Mondiale per Club sarà ancora Europa vs Sudamerica

Getty Images

Di Juan Mata il goal che ha aperto le danze, di Torres il raddoppio prima dell'autogoal del definitivo 3-0. Il Chelsea vola in finale dove troverà domenica mattina il Corinthians.

Il Chelsea balla il flamenco con Mata e Torres e raggiunge la finale del Mondiale per club, dove domenica mattina sfiderà il Corinthians. Tutto facile contro il Monterrey, battuto per 3 a 1 grazie alle reti dei due spagnoli, mentre la terza realizzazione è frutto dell'autorete di Chavez. Tra i messicani De Nigris ha segnato a tempo scaduto il goal della bandiera.

Facile qualificazione per i 'Blues' che dopo un primo tempo non particolarmente brillante hanno chiuso i giochi ad inizio ripresa. Saranno loro, quindi, a contendere ai brasiliani del Corinthians il trofeo. Nel Monterrey si è sentita l'assenza di Suazo con il solo Corona che si è reso autore di qualche spunto interessante.

FORMAZIONI - Vucetich conferma gli stessi undici iniziali che hanno superato i campioni d'Asia del'Ulsan con Delgano che viene supportato in attacco da Corona e De Negris. E' ancora indisponibile la stella Suazo.

Benitez, dal canto suo, avanza il raggio d'azione di David Luiz che gioca sulla linea mediana affiancando Mikel. Sulla trequarti agiscono Oscar, Mata ed Hazard pronti ad innescare l'unica punta Fernando Torres.

PRIMO TEMPO - Copione quasi scontato del match con il Chelsea che sin dalle prime battute fa la partita, con i messicani del Monterrey rintanati nella propria trequarti pronti a colpire in contropiede affidandosi alla velocità di Delgado e De Negris.

I 'Blues' sfiorano subito il vantaggio con David Luiz che, innescato da un pregevole numero di Oscar, calcia dal limite dell'area con la palla che sorvola ampiamente la traversa. La grande chance capita subito dopo sui piedi di Hazard che da posizione leggermente defilata, a tu per tu con Orozco, manda a lato di un niente.

Prova una timida reazione la squadra messicana ma il tiro-cross di Delgano trova solo i guantoni di Cech. I londinesi non si fanno intimidire e trovano la rete dell'1-0 con Mata che supera con un mancino velenoso Orozco, dopo uno scambio nello stretto ad alto tasso tecnico tra Cole ed Oscar.

Lo svantaggio sembra scuotere i 'Rayados' che in ben due occasioni provano a pareggiare i conti. In entrambi i casi c'è lo zampino dello scatenato Corona che semina il panico nella trequarti avversaria ma nè De Nigris nè Delgado riescono a trovare lo specchio della porta.

Il Chelsea avrebbe la chance di chiudere i conti ma Fernando Torres, dopo un controllo approssimativo sull'ennesimo servizio di Cole, si vede chiudere lo spazio dal ritorno dei difensori messicani. Nel finale provano ad uscire gli uomini di Vucetich facendo leva, soprattutto, sull'estrosità di Corona che sforna assist a ripetizione sui quali, però, i suoi compagni non si fanno trovare pronti.  

L'ultima emozione la regala Ivanovic che rischia grosso al limite della propria area di rigore allungadosi maldestramente un pallone sul quale Delgano non riesce ad arrivare per questione di centimetri.

SECONDO TEMPO - Non passano neanche 30' che la squadra di Benitez trova il secondo vantaggio con Fernando Torres che sfrutta perfettamente, complice la deviazione di Mier, il numero sulla sinistra di Hazard. Quindi arriva il terzo goal per i londinesi con l'autorete di Chavez che, nel tentativo di anticipare Oscar, deposita con un tocco infelice la palla nella propria rete.

Anche Hazard prova ad iscrivere il suo nome al tabellino dei marcatori ma il suo piattone, al termine di un assolo incontenibile, viene neutralizzato dall'estremo difensore messicano. A questo punto per il Chelsea diventa una passeggiata anche se sulla sinistra Corona continua a mettere in grande difficoltà Azpilicueta.

Proprio da un affondo del giovanissimo funambolo messicano nasce l'opportunità per De Nigris di ridurre il divario ma è attento Cech a chiudergli lo specchio della porta. Benitez lancia nella mischia il rientrante Lampard che entra tra gli applausi del pubblico presente.

Proprio il capitano, al quale Cech ha restituito la fascia, prova a mettersi in luce ma la mira non è delle migliori e la palla esce sul fondo. Dall'altra parte l'argentino Delgano preferisce la precisione alla potenza ma il portierone del Chelsea non si lascia sorprendere.

La gara si spegne piano piano con la solita girandola di cambi che permette alle due formazioni di dare spazio a più giocatori possibili. Nel recupero De Negris segna il suo primo goal in questa competizione superando con una conclusione secca Cech.

CHIAVE - Il maggior tasso tecnico del Chelsea doveva ed ha fatto la differenza. Sulla trequarti avversaria i funamboli di Benitez hanno sprigionato la grande qualità di cui dispongono e che ha permesso ai 'Blues' di qualificarsi facilmente.

MOVIOLA - Gara sostanzialmente corretta quella tra le due compagini, con l'arbitro Carlos Vera che non è stato chiamato a particolari interventi.

Sullo stesso argomento