thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 05 maggio 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Angelo Massimino, Catania
  • Arbitro: L. Banti
  • • Spettatori: 13000
3
FIN
0

Catania-Siena 3-0: Elefante da record con triplo Bergessio, per la Robur si fa dura...

I rossazzurri ritrovano la vittoria e raggiungono quota 51 punti, record in Serie A. Un tripletta di Bergessio schianta un brutto Siena, che adesso vede sempre più la B.

Una tripletta di Bergessio condanna virtualmente alla retrocessione il Siena, adesso distante 5 punti dal quartultimo posto occupato dal Genoa. Brutta la prestazione dei toscani, travolti da un Cataniaben messo in campo e trascinato dalla splendida vena di Barrientos e Bergessio. I rossazzurri migliorano così nuovamente il loro record di punti raccolti in una stagione in Serie A.

FORMAZIONI – Squalificati Bellusci, Andujar e Marchese, Maran ridisegna la difesa con Rolin al fianco di Spolli ed Alvarez e Capuano sulle corsie esterne. Turno di riposo per Almiron e Gomez, in campo vanno Biagianti e Castro. Nel Siena c’è Sestu che, recuperato, affianca Rosina alle spalle di Emeghara.

PRIMO TEMPO – La prima occasione è del Catania che al 10’ sfiora il vantaggio con Bergessio che, servito da una splendida verticalizzazione di Barrientos, calcia addosso a Pegolo in uscita. Il numero 9 rossazzurro, però, si rifà poco dopo quando, servito da Castro, si presenta a tu per tu col portiere toscano battendolo con un sinistro piazzato.

La reazione del Siena è tutta in un tiro di Sestu, che non inquadra la porta, mentre Bergessio sfiora il 2-0 con un altro destro che termina a lato. Decisamente più pericoloso, al 27’, è Rubin che sfiora il pareggio con una conclusione che termina a lato di poco. Poco prima del 40’, Maran perde Alvarez, infortunato e sostituito da Potenza.

Prima dell’intervallo, il Siena reclama un calcio di rigore per un contatto tra Capuano ed Emeghara e poi rimane in dieci quando Felipe interrompe un’azione pericolosa dei rossazzurri con un fallo di mano, rimediando un cartellino rosso.

SECONDO TEMPO – Il Catania parte forte e trova subito il goal del 2-0 con Castro, ma Banti annulla, ravvisando un fallo di mano dello stesso argentino. Poco dopo, è Sestu – il più pericoloso dei suoi – ad impensierire Frison, bravo a rifugiarsi in corner.

I toscani provano ad alzare la pressione, ma vengono stesi dal raddoppio degli etnei, ancora a firma di Bergessio, bravo a girarsi in area e a battere imparabilmente Pegolo. Il pubblico catanese esulta, ma si scatena ancora di più quando il maxischermo del ‘Massimino’ rede noto il goal della Juventus che complica non di poco la situazione di classifica del Palermo.

Barrientos diverte la tifoseria catanese con alcuni numeri d’alta scuola e al 68’ sfiora l’eurogoal al termine di una ottima iniziativa personale ma non inquadra la porta. Il 3-0, però, arriva due minuti dopo quando Bergessio, imbeccato alla perfezione da Barrientos, scavalca Pegolo con un tocco morbido.

Al 74’ Maran concede la standing ovation a Bergessio, mandando in campo Cani e poco dopo chiama fuori anche Castro per inserire Gomez. In mezzo alle due sostituzioni, Emeghara va vicino al goal in acrobazia, poco dopo Bogdani impegna ancora l’attentissimo Frison. Anche il portiere del Siena, Pegolo, sale sugli scudi, respingendo una conclusione ravvicinata da Cani ben imbeccato dal neoentrato Gomez.

Non succede più nulla fino al triplice fischio finale di Banti che sancisce il record di punti raccolti dal Catania in una stagione di Serie A e complica, forse irrimediabilmente, la situazione di classifica del Siena.

MOVIOLA - Dubbi sul rigore negato ad Emeghara nel finale di primo tempo, sacrosanto invece il cartellino rosso estratto da Banti nei confronti di Felipe.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Bergessio. Raggiunge la doppia cifra con una tripletta che lo proietta a quota 12. Se riuscirà a mantenere anche questo feeling col goal, diventerà uno degli attaccanti più completi del campionato.

IL PEGGIORE - Felipe. La sua espulsione rovina definitivamente la partita, e probabilmente la stagione, del Siena.

Sullo stesso argomento