thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 13 gennaio 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Angelo Massimino, Catania
  • Arbitro: A. Damato
  • • Spettatori: 13614
1
FIN
0

Catania-Roma 1-0: Giallorossi sterili e sciuponi al Massimino, il 'Papu' Gomez punisce severamente la Lupa

La Roma cade sul campo del Catania e perde terreno nella rincorsa all'Europa. Decide il match un bellissimo goal dell'argentino Gomez, rossazzurri micidiali al Massimino.

E’ uno splendido goal di Alejandro Gomez a regalare un importantissimo successo al Catania contro una Roma falcidiata dalle assenze e troppo imprecisa sotto porta. I rossazzurri di Maran, salvati nel finale da un miracoloso intervento di Andujar su Dodò, continuano così la loro splendida cavalcata.

FORMAZIONI – Totti getta la spugna durante il riscaldamento e Zeman, già privo di Osvaldo, è costretto a lanciare Marquinho dal primo minuto. In difesa c’è Burdisso al posto di Marquinhos non al meglio, a centrocampo Tachtsidis è preferito a De Rossi. Nel Catania, Maran lancia Salifu al posto dello squalificato Lodi e conferma in blocco la formazione che ha pareggiato una settimana fa contro il Torino.

PRIMO TEMPO – La gara parte subito su ritmi interessanti, anche se non elevatissimi. Il primo brivido lo regala Gomez, il cui cross basso è intercettato da una provvidenziale uscita di Goicoechea. La risposta della Roma è targata Destro, ma il tiro dell’attaccante da posizione defilata non inquadra il bersaglio. Pochi minuti dopo, però, l’ex attaccante del Siena ha la palla buona per il vantaggio, ma ciabatta maldestramente da favorevole posizione.

La Roma si affida agli spunti di Lamela e ad un Marquinho sin da subito sugli scudi, il Catania punta forte su Alejandro Gomez, bravo a seminare il panico sulla fascia di propria competenza. A cavallo della metà della prima frazione ci prova prima Bergessio con una strana parabola che per poco non beffa Goicoechea e poi Lamela con un sinistro dal limite che non inquadra la porta.

Al 26’ Destro è bravo a girarsi in un fazzoletto, ma il suo rasoterra non inquadra la porta. La risposta del Catania è firmata ancora da Gomez che nel giro di 4 minuti calcia due volte dal limite, ma nel primo caso non inquadra il bersaglio, nel secondo caso trova l’opposizone – seppur incerta – di Goicoechea.

Il ‘Massimino’ trattiene il fiato al 35’ quando Andujar risponde male ad un destro di Florenzi consegnando il pallone sui piedi di Destro che da zero metri calcia incredibilmente fuori. Poco dopo la scena si ripete: Destro stavolta è bravo a liberarsi di Bellusci e a calciare in porta, Andujar è ancora una volta incerto sulla respinta e Bradley, accorso sul tap-in si divora un goal elementare. Prima dell’intervallo Maran è costretto a sostituire l’infortunato Almiron, al suo posto va in campo Lucas Castro.

SECONDO TEMPO – Il primo brivido della ripresa lo regala proprio il neoentrato Castro che al 5’ controlla il pallone tra petto e braccio e dal limite dell’area lascia partire un destro al volo che termina però alto. Al 12’ Zeman è costretto ad effettuare il primo cambio quando Piris getta la spugna, al suo posto entra Marquinhos. Poco dopo nel Catania è il momento di Paglialunga che rileva un esausto Salifu.

Subito dopo, arriva il vantaggio del Catania: Bergessio offre un assist al bacio ad Alejandro Gomez e il ‘Papu’ è bravissimo a scavalcare Goicoechea con un morbido cucchiaio di sinistro che termina la sua corsa in rete. Marquinhos, momentaneamente fuori per infortunio al momento del goal dei siciliani, prova a riscattarsi ma svirgola un destro da favorevole posizione.  Zeman si gioca anche la carta Dodò, inserendo il brasiliano al posto di Marquinho nell’inedito ruolo di esterno del tridente.

I giallorossi, però, non riescono più a pungere ed è anzi il Catania ad avere la palla buona per il raddoppio con Bergessio che però calcia alto. La grande occasione per il pareggio della Roma arriva all’89’ quando Dodò, giunto a tu per tu col portiere, si vede respingere la conclusione da un miracoloso intervento di Andujar. L’ultima occasione degna di nota è rappresentata da un destro di Bergessio deviato in corner da Goicoechea.

CHIAVE - La gara vive di episodi e lampi dei singoli e la chiave del match può essere trovata nei troppi goal falliti nel primo tempo dalla Roma, costretta poi ad inchinarsi alla legge del ‘goal sbagliato, gol subìto’.

MOVIOLA – Buona la direzione di gara di Damato, la cui unica pecca è forse quella di esagerare coi cartellini gialli nel corso della ripresa.

Dalle pagelle

IL MIGLIORE - Gomez. Parte subito con il piede sull'acceleratore e mette in grande difficoltà la retroguardia giallorossa: il suo destro dal limite sfiora il palo alla sinistra di Goicoechea. Nella ripresa piazza la zampata vincente con un calibrato tocco che batte il portiere avversario. Ancora una volta decisivo.

IL PEGGIORE - Leandro Castan. Gomez e Bergessio non sono clienti facili da controllare: emblematica l'azione che porta al vantaggio dei padroni di casa.

Sullo stesso argomento