thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 30 novembre 2012
  • • 20.45
  • • Stadio Angelo Massimino, Catania
  • Arbitro: D. Orsato
  • • Spettatori: 16500
1
FIN
3

Catania-Milan 1-3: Il Diavolo non si ferma più, El Shaarawy e Boateng gli regalano i tre punti al Massimino

Il Catania chiude il primo tempo in vantaggio grazie a Legrottaglie, nella ripresa però il Milan ribalta tutto grazie alle reti di El Shaarawy (doppietta) e Boateng.

Il Catania recrimina e si arrabbia, con Barrientos ingenuamente espulso e con la terna arbitrale, rea di aver convalidato il goal del pareggio di El Shaarawy, giunto in netta posizione di fuorigioco. Il Milan, invece, si porta a casa i tre punti riuscendo a riemergere dopo un primo tempo da dimenticare e rimontando la rete iniziale di Legrottaglie grazie ai goal del solito El Shaarawy (giunto a 12 centri in stagione) e del redivivo Boateng, espulso poi nel finale.

FORMAZIONI – Allegri conferma l’undici in grado di battere la Juve, con Acerbi unica eccezione al posto dello squalificato Yepes. In avanti, confermato Boateng come centravanti anomalo tra Roberinho ed El Shaarawy. Nel Catania, assenti Spolli e Gomez per squalifica, Maran manda in campo Rolin e Castro. A centrocampo c’è Salifu, all’esordio dal primo minuto, al posto di Izco infortunato.

PRIMO TEMPO – E’ il Milan a partire meglio, ma Andujar disinnesca prima El Shaarawy, uscendo di testa fuori area, e poi Robinho neutralizzando la conclusione del brasiliano. Quello dei rossoneri, però, è un fuoco di paglia e già all’11’, il Catania passa in vantaggio: su corner da sinistra di Lodi, Legrottaglie svetta a centro area e batte imparabilmente Amelia.

La reazione del Milan non arriva ed il Catania amministra la situazione, gestendo il possesso palla e provando ad innescare con frequenza Castro e Bergessio. Di occasioni, però, non se ne registra nessuna a meno di qualche sortita personale di Almiron e Castro,  che non riescono pero ad impegnare Amelia. Il portiere rossonero disinnesca nel finale di tempo una debole punizione di Lodi, dopo che il collega Andujar si era esibito in un’altra provvidenziale uscita fuori area, ancora una volta di testa.

SECONDO TEMPO  - Dopo pochi minuti dall’inizio della ripresa, la partita cambia volto: Barrientos, già ammonito per una sciocca simulazione a metà campo nel primo tempo, commette un inutile fallo in mezzo al campo rimediando il secondo meritato giallo e lasciando il Catania in dieci. Passano tre minuti dal rosso di Barrientos e il Milan pareggia: El Shaarawy spinge in rete da due passi un traversone proveniente da destra e sigla l’1-1, ma il goal del ‘Faraone’, l’undicesimo in capionato, è viziato da una netta posizione di fuorigioco.

Il Catania accusa il colpo e cinque minuti dopo il Milan passa addirittura in vantaggio: Boateng, invisibile fino a quel momento, rientra sul destro e lascia partire una conclusione perfetta che batte un immobile Andujar e vale l’1-2 ai rossoneri. I padroni di casa, innervositi per l’esito degli eventi, si disuniscono e rischiano di subire la terza rete al 62’ quando Nocerino, tutto solo davanti al portiere, viene fermato soltanto da una provvidenziale chiusura di Alvarez. Ancora più clamorosa è l’occasione divorata da El Shaarawy al 68’: l’italo-egiziano, a tu per tu con Andujar, non riesce ad angolare il suo interno destro e calcia addosso al portiere argentino.

Maran manda in campo in rapida successione Paglialunga (ai margini della rosa da inizio stagione), Bellusci e Doukara, Allegri inserisce Emanuelson al posto di un Montolivo intermittente. Ha del clamoroso il contropiede capitato all’80’ al Milan che, ripartendo in velocità dopo un corner del Catania, ha un’occasione colossale per chiudere il match, ma Robinho spedisce il pallone alto sopra la traversa proprio sul più bello. E’ ancora Robinho, al 90’, a divorarsi il goal dell’1-3 calciando addosso ad Andujar, ma ancor più grave è l’errore di Emanuelson che, a porta vuota, colpisce il palo.

Prima del fischio finale, Orsato ristabilisce la parità numerica cacciando Boateng per un fallo da dietro, ma ci pensa proprio EL Shaarawy a chiudere i conti con un destro capolavoro che bacia il palo prima di terminare la sua corsa in fondo alla rete.

CHIAVE – L’espulsione ingenua di Pablo Barrientos rovina una partita fin lì perfetta del Catania e dà il là alla rimonta rossonera.

MOVIOLA – Le due ammonizioni comminate da Orsato a Barrientos appaiono sacrosante, sicuramente grave è invece l’errore dell’assistente Rosi che convalida il goal di El Shaarawy, giunto in netta posizione di fuorigioco.

Sullo stesso argomento