thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 01 settembre 2013
  • • 20.45
  • • Stadio Angelo Massimino, Catania
  • Arbitro: A. Damato
  • • Spettatori: 18821
0
FIN
3

Catania-Inter 0-3: La strana coppia Palacio-Nagatomo più Alvarez, così Mazzarri sfata il tabù Massimino

Grandissima vittoria dei nerazzurri che schiantano il Catania grazie alle reti dei soliti Palacio e Nagatomo e di Alvarez. Per Mazzarri è la prima vittoria in carriera al Massimino

Alla fine è arrivata la prima vittoria al Massimino di Mazzarri. E che vittoria. La sua Inter ha schiantato 3-0 un Catania a tratti sfortunato e già nostalgico di Barrientos, volato in Qatar. Palacio trascina i nerazzurri con un goal ed un assist e Nagatomo si riscopre bomber. Mazzarri sfata il tabù e vola in testa alla classifica con tutte le altre grandi.

FORMAZIONI -
Barrientos è volato via, direzione Qatar, allora Maran lo sostituisce con Castro nel tridente con Bergessio e Leto. A centrocampo torna Almiron al fianco di Tachtsidis ed Izco. Confermato Monzon sulla sinistra nonostante il non perfetto stato di forma. A destra c'è Alvarez, in mezzo Legrottaglie affianca Spolli.

Nell'Inter c'è Kovacic dal primo minuto in cabina di regia, Guarin e Cambiasso agiscono ai suoi lati. Jonathan e Nagatomo i due tornanti, difesa a tre con Campagnaro, Ranocchia e Juan Jesus. Davanti fiducia ancora a Ricky Alvarez alle spalle di Palacio, panchina per Icardi e Belfodil.

PRIMO TEMPO - La gara è stupenda sin dai primi minuti, con occasioni che si susseguono l'una dietro l'altra. Leto si trova sui piedi il pallone dell'1-0, ma lo spara addosso ad Handanovic. Poi Legrottaglie salva sulla linea il vantaggio nerazzurro, ma poco dopo, su un'azione praticamente fotocopia, non può nulla sul tocco a porta vuota di Palacio, servito perfettamente da Jonathan che non ha avuto problemi a bruciare Monzon.

Il Catania accusa un pò il colpo ma prova comunque a non disunirsi. Le azioni offensive sono però confuse e ci vuole una botta da lontano di Tachtsidis per andare vicinissimo al pari. Poco dopo Almiron tenta una soluzione simile e con l'aiuto di una deviazione per poco non beffa Handanovic.

Al 40' si fa male Izco e Maran decide di mandare dentro il figliol prodigo Maxi Lopez. La risposta di Mazzarri corrisponde con la bocciatura di Kovacic e l'ingresso in campo di Taider.

SECONDO TEMPO - Pronti via ed Andjuar compie un vero e proprio miracolo sul colpo di testa a botta sicura di Nagatomo. Il Catania non si sveglia e allora pochi minuti dopo ancora Nagatomo ha l'occasione per rifarsi. E stavolta non la sbaglia. Il giapponese si inserisce di testa e devia in rete un cross di Palacio dalla destra. Per il Catania è notte fonda.

A venti dalla fine hanno tre occasioni ravvicinate per riaprire il match, ma manca il guizzo, la zampata giusta. Così a mettere la parola fine sul match ci pensa Ricky Alvarez. L'argentino parte da centrocampo, si beve mezzo Catania e trafigge Andjuar per la terza volta. Un goal magnifico di Ricky Maravilla, che si sta esprimendo davvero su ottimi livelli.

C'è ancora il tempo di vedere Belfodil che ad un minuto dalla fine si mangia clamorosamente il goal del 4-0 a pochi metri dalla porta. Poi, dopo tre minuti di recupero, arriva il fischio finale che permette a Mazzarri di festeggiare la prima vittoria in carriera al Massimino.

CHIAVE - Il Catania non riesce a concretizzare le occasioni create, l'Inter sì. Inoltre si è già sentita la mancanza di Barrientos nei rossazzurri, a cui serve un giocatore capace di illuminare la manovra.

MOVIOLA - Positiva la direzione dell'arbitro Damato. L'unico episodio degno di nota è il goal annullato a Belfodil per posizione di fuorigioco. Giusta la chiamata del guardalinee.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Palacio. E' l'uomo in più dell'Inter. E' ovunque, segna e sforna assist. Con Mazzarri in panchina può vivere davvero la stagione migliore da quando è in Italia.

IL PEGGIORE - Monzon. Che fosse fuori forma lo vedeva anche un ceco. Maran decide comunque di rischiarlo... e Jonathan lo asfalta.

Sullo stesso argomento