thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 26 gennaio 2014
  • • 15.00
  • • Stadio Sant'Elia, Cagliari
  • Arbitro: D. Doveri
  • • Spettatori: 5000
1
FIN
2

Cagliari-Milan 1-2: Sau… e Amelia illudono Lopez, Balo-Pazzini rimontano

Balotelli e Pazzini capovolgono nel finale il punteggio e regalano al Milan tre punti insperati, il Cagliari finisce ko dopo essere passato con Sau su 'papera' di Amelia.

Il Milan si regala la vittoria in 'zona Cesarini'… Proprio così, perché al minuto 86 i rossoneri erano sotto 1-0 a Cagliari, ma nel finale prima Balotelli e poi Pazzini firmano un successo che vale oro sia per la classifica (ora sono 5 i punti dal quinto posto) che per il morale.

FORMAZIONI - Seedorf, che deve fare a meno di diversi giocatori (per ultimo Abbiati messo ko dall’influenza), va avanti con il 4-2-3-1. In porta gioca Amelia, in difesa spazio a Rami e Bonera centrali con De Sciglio ed Emanuelson sulle fasce. I due mediani sono De Jong e Montolivo, mentre Balotelli è supportato in attacco dal trio Robinho, Kakà ed Honda. Il Cagliari recupera Pinilla (squalifica tolta) e Lopez lo getta nella mischia a fianco di Sau, vista la squalifica di Ibarbo, confermando il 4-3-1-2 con Cossu alle loro spalle.

PRIMO TEMPO - La prima azione è di marca sarda ed arriva dopo 2’ quando un pasticcio fra Amelia e Bonera per poco non regala a Cossu il vantaggio dei locali. La risposta del Milan arriva al 6’ quando Balotelli serve Robinho che dal limite calcia a giro con la sfera che termina di poco fuori.

Al quarto d’ora fiammata dei rossoneri, prima con Balotelli, poi con Honda ma in entrambi i casi è bravissimo Avramov a dire di no. Come per magia, i rossoneri calano all’improvviso e al 28’ il Cagliari passa in vantaggio grazie ad un clamoroso errore di Amelia.

Il portiere rossonero rinvia maldestramente regalando la palla a Pinilla, che a sua volta serve Sau, bravissimo ad eludere Bonera e battere l’estremo difensore milanista.

Il vantaggio non sveglia il Milan, che si fa vedere solamente nel finale di tempo (39’), quando Honda svetta di testa in area, ma Avramov gli nega la gioia del pari deviando in angolo.

SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con la timida reazione del Milan che sta in un tiro di Montolivo (47’) da fuori area che termina a lato. Al 54’ Kakà se ne va sulla destra, pallone in mezzo per Balotelli che dal dischetto del rigore calcia clamorosamente alto, beccandosi i fischi del pubblico sardo.

I rossoneri provano a spingere e al 59’ Honda dopo una bella azione di contropiede spreca malamente calciando alto dall’interno dell’area. Seedorf prova a cambiare qualcosa in avanti, inserendo Pazzini (60’) al posto di uno scandaloso Robinho, ma è De Sciglio al 65’ a provarci dalla distanza, con Avramov che non ha problemi a bloccare.

Lopez si copre togliendo Sau ed inserendo Cabrera, mentre Seedorf si gioca la carta Muntari per De Jong, ma è il Cagliari al 73’ a sfiorare il raddoppio con una conclusione di Pinilla che termina di poco fuori. Nel finale il Milan prova a gettarsi in avanti: al minuto 83 Kakà colpisce di testa debolmente da buona posizione, con Astori che salva tutto.

Al minuto 86 Cabrera commette un’ingenuità clamorosa toccando la palla di mano al limite dell’area. Sulla punizione seguente Balotelli trova il jolly pareggiando la gara. Il Milan prova a vincere la partita e all'88’ Pazzini regala i tre punti ai rossoneri con una grande giocata di destro in area sugli sviluppi di un corner.

CHIAVE - L’ingenuità di Cabrera che di fatto regala a Balotelli la punizione del momentaneo 1 a 1. Poi ci pensa Pazzini a regalare la vittoria ai rossoneri.

MOVIOLA - Senza problemi la direzione di Doveri. Nella prima frazione forse manca un giallo ad Astori per una trattenuta prolungata su Balotelli.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Giampaolo Pazzini: Il Pazzo entra e si mette in mezzo all’area a dar fastidio ai difensori avversari. Segna il 2 a 1 alla sua maniera e regala al Milan una vittoria fondamentale.

IL PEGGIORE - Marco Amelia: Non compie parate, ma commette un errore gravissimo che regala il momentaneo vantaggio al Cagliari. Inizia malissimo e nella ripresa non è chiamato agli straordinari, ma nel complesso è gravemente insufficiente per l’errore iniziale.

Sullo stesso argomento