thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 10 febbraio 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Is Arenas, Quartu Sant'Elena
  • Arbitro: A. Giannoccaro
  • • Spettatori: 9500
1
FIN
1

Cagliari-Milan 1-1: Ibarbo illude i sardi, ci pensa Balotelli su rigore a salvare Allegri

I rossoneri hanno pareggiato soltanto nel finale grazie ad un rigore di SuperMario. La partita di oggi ha messo in mostra le lacune difensive della squadra di Allegri.

Alla seconda uscita di Mario Balotelli con il Diavolo arriva un mezzo passo falso per il Milan, che rallenta la sua corsa al terzo posto in casa del Cagliari. A Is Arenas finisce 1-1: di Ibarbo e proprio Balotelli (ancora su rigore) le reti. I rossoneri restano a tre punti dalla zona Champions e tengono il passo della Lazio, per i sardi un buon punto in ottica salvezza.

 

FORMAZIONI - Allegri schiera di nuovo il "trio delle creste" che tanto bene ha fatto la settimana scorsa con l'Udinese, mentre a centrocampo decide di dar spazio a Muntari; in difesa De Sciglio sostituisce Constant che ha subito un infortunio dell'ultim'ora che non gli ha permesso di scendere in campo. Pulga e Lopez invece danno fiducia alla velocità di Ibarbo e Sau, supportati da Thiago Ribeiro. Assente Nainggolan per squalifica.

 

PRIMO TEMPO - I rossoneri iniziano meglio rispetto agli avversari, esprimendo un calcio più fluido e manovrato. I sardi preferiscono decisamente affidarsi alle ripartenze in contropiede che esaltano le caratteristiche fisiche e tecniche di Sau ed Ibarbo. Il Milan fa la partita e la prima occasione capita sui piedi di Ambrosini che, da fuori area, impegna alla deviazione in corner un attento Agazzi.

 

La risposta del Cagliari è veemente ed è affidata al colombiano Ibarbo che supera in velocità Zapata ma al momento del tiro in porta viene rimontato da un fantastico intervento in scivolata di Abate che salva i suoi. La gara è un botta e risposta continuo: Muntari, in procinto di colpire di testa da due passi, viene anticipato in spaccata da Rossettini; poco dopo è ancora Ibarbo ad avere sul suo piede la palla del vantaggio ma, da solo davanti ad Abbiati, colpisce davvero male e il pallone sorvola la traversa.

 

Il trio d'attacco milanista non brilla e Niang sembra risentirne quando alla mezz'ora di gioco commette un brutto fallo su Ekdal che viene punito con un giallo (un rosso non sarebbe stato clamoroso).

 

Gli uomini di Allegri non riescono a prevalere sui rossoblù che appaiono essere molto organizzati e concentrati e proprio allo scadere del primo tempo, subiscono il goal dello svantaggio siglato da Ibarbo che stavolta non sbaglia sfruttando al meglio una punizione di Conti e colpendo di testa beffando Abbiati: da segnalare nella circostanza, la pessima marcatura di Zapata che ha permesso al connazionale di segnare la sua prima rete in questa stagione.

 

SECONDO TEMPO - Così come nel primo tempo il Milan dimostra di giocare meglio del Cagliari ma fatica a produrre occasioni. Ci prova Balotelli su punizione che Agazzi blocca in due tempi non senza qualche difficoltà. I sardi cercano di alzare il loro baricentro e vanno vicini al goal pochi minuti dopo quando Conti fa partire un siluro dal limite dell'area che sfiora la traversa.

 

La gara perde progressivamente d'intensità e si fa sempre più nervosa col passare dei minuti: falli a ripetizioni da ambo le parti, graziato in particolare Dessena che commette un duro fallo, completamente gratuito, su Balotelli.

 

I rossoneri faticano nonostante l'ingresso in campo di Bojan e Boateng ma a dieci minuti dal termine succede l'episodio decisivo: De Sciglio impegna Agazzi in un respinta spettacolare con i piedi, il pallone si impenna in area e Astori (già ammonito) commette un fallo ingenuo su Balotelli ostacolandolo: Giannoccaro assegna subito il rigore ed estrae il secondo giallo per il difensore dei sardi che lascia i suoi in dieci.

 

Dal dischetto va come domenica scorsa Balotelli che non sbaglia e spiazza Agazzi. Nel finale è forcing Milan ma un super Agazzi dice di no prima a Balotelli e poi a Bojan, mantenendo di fatto il risultato sul punteggio di 1-1.

 

CHIAVE - Il Milan produce un'ampia mole di gioco alla quale però non corrispondono le occasioni da goal che invece sono poche. Il Cagliari è parso molto organizzato e ben messo in campo dai due tecnici Pulga e Lopez che sono riusciti a inibire il "trio delle creste" rossonero. El Shaarawy mai in partita, Niang nervoso e non lucido come le scorse gare. Tra i sardi decisivo Ibarbo che con la sua velocità ha messo in netta difficoltà il compagno di nazionale Zapata, beffandolo anche nel colpo di testa in occasione del goal.


MOVIOLA - Buona la direzione di Giannoccaro che valuta al meglio l'episodio del rigore, risultato decisivo ai fini del risultato finale: giusto assegnare il rigore al Milan ed estrarre il secondo giallo ad Astori; esatto anche il primo cartellino per il difensore rossoblù. Poteva starci invece un rosso per Dessena che nella ripresa, è entrato duramente e gratuitamente sulle caviglie di Balotelli.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Ibarbo. Attaccante pazzo che sbaglia davanti alla porta e poi segna con una torsione che farebbe invidia ai migliori contorsionisti. Giocatore speciale che regala gioia e dolore. Ottima partita.

IL PEGGIORE - Muntari. Il giocatore non è sembrato pronto per tornare in campo da titolare, evidentemente risente ancora dell'infortunio che lo ha coinvolto mesi fa.

Sullo stesso argomento