thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 30 marzo 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Is Arenas, Quartu Sant'Elena
  • Arbitro: D. Orsato
2
FIN
1

Cagliari-Fiorentina 2-1: Non basta Cuadrado, il 'Pistolero' Pinilla si scatena e stende la Viola

La squadra di Montella sbaglia il primo tempo, quando subisce l'aggressività del Cagliari e il gioco degli isolani. Nella ripresa attacca ma trova solo il goal della bandiera.

Più forte di tutto. Nel silenzio forzato dello stadio 'Is Arenas' un ottimo Cagliari, capace di estraniarsi ancora una volta da ciò che succede intorno alla squadra, costringe la Fiorentina ad uno stop inatteso nella corsa verso l'Europa e conquista altri 3 punti fondamentali nella corsa alla salvezza.

I toscani hanno pagato a caro prezzo l'infortunio di Stefan Jovetic durante la metà del primo tempo e l'assenza di Borja Valero, mentre la squadra sarda è stata brava a sfruttare al meglio la super giornata del ritrovato Mauricio Pinilla. Inutile il terzo goal stagionale di Cuadrado.

FORMAZIONI - Il Cagliari si schiera con il solito 4-3-1-2 con il rientrante Rossettini che si riprende il suo posto in difesa a fianco di Davide Astori, con capitan Conti che torna in regia dopo aver smaltito l'infortunio muscolare e con la coppia d'attacco formata dal rientrante Marco Sau e dalla sopresa Pinilla schierato titolare al posto di Victor Ibarbo. La Fiorentina risponde con il 4-3-3 in cui l'unica novità è quella rappresentata da Giulio Migliaccio che sostiuisce l'indisponibile Borja Valero.

PRIMO TEMPO - Primi minuti di gioco molto equilibrati caratterizzati dalla classica 'fase di studio'. Il primo sussulto del match arriva all'8 quando Aquilani prova un tiro dalla lunga distanza che termina sul fondo. All'11 la partita si sblocca: Mauricio Pinilla riceve palla dalla sinistra e calcia al volo freddando da pochi passi l'incolpevole Viviano.

La Fiorentina prova a reagire ma le conclusioni di Rodriguez e di Migliaccio non inquadrano la porta.  Al 39' arriva il raddoppio rossoblù:  Marco Sau si libera in area e viene steso da Cuadrado; l'arbitro fischia il calcio di rigore e Mauricio Pinilla lo trasforma con freddezza spiazzando Viviano.

SECONDO TEMPO - La prima occasione della ripresa è per Marco Sau, che al 59' prova a sorprendere Viviano con un tiro che viene però neutralizzato senza problemi dall'estremo difensore della formazione toscana. Al 63' la Fiorentina risponde con Aquilani che prova un tiro dalla distanza che viene respinto dalla difesa avversaria. Al 73' la 'Viola' accorcia le distanze con Cuadrado, bravo e rapido a battere Agazzi.

La Fiorentina si butta in avanti alla ricerca del pareggio ma prima Aquilani non trova la porta con un tiro dalla distanza e poi Toni al 90' spreca l'occasione più ghiotta del match non inquadrando lo specchio della porta da pochi passi. Finisce così 2 a 1 con il Cagliari che può dedicare la vittoria ai suoi tanti tifosi che hanno assistito al match fuori dallo stadio "Is Arenas".

LA CHIAVE - Mauricio Pinilla. La mossa a sorpresa dei mister Pulga e Lopez è stata sicuramente decisiva per la vittoria rossoblù. Il cileno è apparso in condizioni fisiche eccellenti e sembra essere tornato il killer spietato della scorsa stagione.

MOVIOLA - Ottimo l'arbitraggio del signor Daniele Orsato. L'unico dubbio è sul primo goal del Cagliari, con posizione sospetta di Sau. Per il resto partita corretta e perfetta gestione dei cartellini da parte dell'arbitro. Ottima chiamata in occasione dell'episodio del rigore perché Cuadrado centra nettamente le gambe di Marco Sau. Giusti anche i 3 minuti di recupero concessi nel secondo tempo perché il gioco è stato bloccato solamente in occasione delle sostituzioni.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Pinilla. Il 'Pistolero' è tornato. Dopo mesi di tanti bassi e pochi alti, il cileno è di nuovo il ciclone che tutti conoscevano. Segna con una bella girata l'1-0, è freddissimo nel trasformare il rigore che vale il raddoppio dei sardi.

IL PEGGIORE - Pizarro. In ombra per tutti i 90 minuti, patisce la marcatura stretta che gli riserva il Cagliari, che in questo modo riesce a bloccare la principale fonte di gioco dei viola.

Sullo stesso argomento