thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 19 ottobre 2013
  • • 18.00
  • • Stadio Sant'Elia, Cagliari
  • Arbitro: P. Giacomelli
  • • Spettatori: 4798
2
FIN
1

Cagliari-Catania 2-1: Ci pensa Pinilla a far godere il Sant'Elia, gli etnei capitolano in 10 uomini

Bergessio apre le marcature dopo pochi minuti, poi si scatena Ibarbo che pareggia, si procura il rigore e poi lo sbaglia. Gli etnei reggono in 10 fino all'85', poi segna Pinilla.

Finisce 2-1 il match del Sant'Elia tra Cagliari e Catania. Protagonista assoluto dei primi 45 minuti è Ibarbo, che pareggia la rete iniziale di Bergessio, fa espellere Legrottaglie ma sbaglia il rigore da lui stesso procurato. Il Catania regge fino a cinque dall fine, poi Pinilla fa esplodere il Sant'Elia e consegna la vittoria ai sardi.

FORMAZIONI  -
Lopez conferma Murru sulla corsia sinistra e inserisce il vivace Cabrera in centrocampo. Il tandem d’attacco è composto da Marco Sau e dall’esplosivo Victor Ibarbo. Il Catania, invece, propone un centrocampo d’esperienza con Almiron e Plasil, sfruttando la velocità di Castro e Barrientos per le scorribande offensive. In difesa al fianco di Legrottaglie, al posto dell’infortunato Spolli, si rivede Giuseppe Bellusci.

PRIMO TEMPO -
Vivace e propositiva la partita delle due isolane nel primo tempo. Partenza, però, davvero esplosiva del Catania: al 5° minuto stacca di testa Bergessio e trova il vantaggio su suggerimento dell’highlander Plasil.

Il Cagliari risponde alla stoccata e, dopo un tentativo di Conti, Ibarbo mostra al Sant’Elia di cosa è capace. Al 26°  con il destro trafigge Frison dalla destra dell’area piccola dopo aver protetto il pallone con la sua solita prestanza fisica.  Gli etnei, però, non si scoraggiano e insistono nella metà campo avversaria ma al 39° è sempre il fulmine Ibarbo a colpire: scappa via dalle maglie rossoazzurre e con le sue falcate entra in area. Legrottaglie lo strattona e lo tira a terra con il braccio. Viene giustamente espulso dal direttore di gara.

Si incarica della battuta del rigore lo stesso Ibarbo: il tiro è angolato a sinistra, ma è eccellente la risposta di Frison: para il rigore, salta in piedi e, sulla respinta, risponde con efficacia all’immediata inzuccata del colombiano.

Alla fine del primo tempo il Cagliari non si butta giù e con una tambureggiante manovra attacca gli spazi e trova più volte il tiro, ma la difesa del Catania tiene botta.

SECONDO TEMPO - 
Il Catania si protegge con Rolin al posto di Castro. E’ una mossa difensiva e tale sarà la partita degli etnei nel secondo tempo. I padroni di casa insistono con una manovra fluida e aperta a tutto il fronte d’attacco, mentre gli avversari cercano di rispondere con l’arma del contropiede che si rivela, però, sempre sterile e disorganizzato.

Il secondo tempo scorre quasi sempre nella metà campo del Catania. Due tentativi dalla distanza di Nainggolln e una bella girata in piena area di Pinilla, subentrato ad un affaticato Sau, servono da spettacolo per il pubblico di casa.

Ibarbo pennella poi un cross sul quale Pinilla arriva malamente. Al 39° del secondo tempo si ripete il copione ma stavolta Pinilla calcia bene e colpisce il palo, poi sulla ribattuta, con reattività, trova la via del goal della vittoria a porta sguarnita.

Nel finale c’è spazio per i tentativi di un frizzante Ibraimi e dello stesso Pinilla, ma la difesa del Catania si salva. Dopo più di un anno e mezzo il Cagliari torna così a festeggiare una vittoria davanti al proprio pubblico, al Sant'Elia, a casa sua.

CHIAVE - La prestanza e la caparbietà di Ibarbo sono essenziali. E’ lui il fulcro del gioco del Cagliari. Trova il gol, sbaglia il rigore, ma poi cerca in tutti i modi di far stappare le bottiglie di spumante ai tifosi del Sant’Elia. Ci riesce e guida la sua squadra alla vittoria in tandem con il “lazzaro” Pinilla, di nuovo protagonista del suo Cagliari.
 

MOVIOLA -
Partita ben diretta da Giacomelli. Legrottaglie viene espulso per una netta trattenuta da ultimo uomo in area ai danni di Ibarbo, preso per il braccio, ormai lanciato in porta. Il direttore di gara si fa poi rispettare con dei cartellini gialli ben mirati e ottiene una gara affrontata con sportività e giusto agonismo dalle due squadre.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Victor Ibarbo
: Le sue accelerazioni devastano la difesa ospite, trova un goal fantastico e provoca l'espulsione di Legrottaglie. Unica pecca, il rigore parato da Frison.

IL PEGGIORE - Nicola Legrottaglie
: Soffre maledettamente la velocità di Ibarbo, ingenuo in occasione del fallo da rosso.

Sullo stesso argomento