thumbnail Ciao,
Diretta Live

Champions League

  • 05 marzo 2013
  • • 20.45
  • • Signal-Iduna-Park, Dortmund
  • Arbitro: D. Skomina
  • • Spettatori: 65413
3
FIN
0

Borussia Dortmund vince col totale di 5 - 2

Borussia Dortmund-Shakhtar 3-0: Tutto troppo facile, armata giallonera ai quarti

Borussia Dortmund-Shakhtar 3-0: Tutto troppo facile, armata giallonera ai quarti

Bongarts

Dopo il 2-2 dell'andata la formazione di Klopp ha risolto la pratica qualificazione nella prima frazione, in goal Felipe Santana e Gotze. Nella ripresa rete di Błaszczykowski.

Tutto troppo facile in quel della Ruhr. Il Borussia Dortmund batte lo Shakhtar Donetsk per 3-0 dopo il 2-2 dell'andata, staccando così il pass per i quarti di finale e candidandosi fortemente alla vittoria finale della Champions.

Risultato maturato nella prima frazione con le reti di Felipe Santana e Gotze, ospiti troppo rinunciatari. Festeggia anche Błaszczykowski nella ripresa.

FORMAZIONI - Moduli speculari per Klopp e Lucescu, 4-2-3-1 su entrambi i fronti. I gialloneri optano per Reus, Blaszcy e Gotze alle spalle di Lewandowski, gli ucraini con Luiz Adriano prima punta davanti a Mkhitaryan, Teixeira e Taison, arivato a gennaio per sostituire Willian.

PRIMO TEMPO - Dopo il 2-2 dell'andata, è la squadra ospite a dover per forza di cose vincere. Eppure, al Westfalenstadion, è proprio la compagine di casa a fare la partita, attaccando con un gioco a memoria maturato negli ultimi due anni.

Il Donetsk, invece, aspetta per tentare il contropiede. Lewandowski confeziona la prima palla goal al 12', taglio di Gotze per il polacco e conclusione respinta coi piedi da Pyatov. Lo Shalhtar si fa vedere solo con una ripartenza di Taison culminata con la conclusione di Fernandinho deviata in angolo.

Gara equilibrata senza veri pericoli per i due portieri, fino al 31': la difesa di Lucescu perde Santana sul corner dalla destra battuto da Gotze, colpo di testa e 1-0.

I problemi di qualificazione per i tedeschi finiscono qui, visto e considerando il raddoppio sei minuti dopo: Lewa per Gotze, aiutato da una deviazione in mezzo all'area. 2-0 e primo tempo completamente di color giallo.

SECONDO TEMPO - Si riparte con un cambio per parte, Douglas Costa e Kehl per Taison e Bender. Ed è proprio il primo citato vicinissimo a riaprire il match, con una doppia occasione nel giro di due minuti: grande azione solitaria e conclusione debole prima, di poco fuori poi.

Se non si sfruttano le opportunità lasciate dalla difesa di casa, però, non si può andare da nessuna parte. E così, con la complicità di Pyatov arriva anche la terza rete, che chiude definitivamente le speranze ucraine di passaggio del turno.

Debole destro Gundogan dal limite, l'estremo difensore di Lucescu non trattiene, pallone perso su cui si avventa Błaszczykowski, tap-in impossibile da sbagliare e 3-0. Tiro al bersaglio, Grosskreutz trova la risposta di Pyatov in angolo al 75', bravissimo almeno in tale occasione.

Donetsk che tenta in tutti i modi di trovare il goal della bandiera, Weidenfeller attento e decisivo in almeno tre occasioni. Festa grande al Westfalenstadion, tedeschi che tornano ai quarti di finale dopo 15 anni.

CHIAVE - Undici di Lucescu troppo rinunciatario, il team di Klopp non deve far altro che innalzarsi sopra la paura ucraina nell'attaccare sin dalle prime fasi del primo tempo. Difesa ospite ancora disattenta sui calci d'angolo, Santana sblocca come Hummels all'andata.

MOVIOLA - Qualche indecisione per Skomina, nel primo tempo intervento su Lewandowski lanciato a rete che meritava il cartellino, idem il fanno di mano di Piszczek al limite dell'area Dortmund nella ripresa.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Gotze. Quando prende palla lo stadio di casa si accende: le azioni offensive del Borussia passano tutte per i suoi piedi, segna un bel goal di rapina nel primo tempo e si rende sempre pericoloso.

IL PEGGIORE - Taison. Totalmente fuori dal gioco, non supera mai il diretto avversario e perde anche molti palloni. Sostituito immediatamente nell'intervallo.

Sullo stesso argomento