thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 04 novembre 2012
  • • 15.00
  • • Stadio Renato Dall'Ara, Bologna
  • Arbitro: M. Bergonzi
  • • Spettatori: 20000
1
FIN
1

Bologna-Udinese 1-1: Diamanti illude i tifosi di casa, Di Natale raffredda gli entusiasmi

Primo tempo senza emozioni, nella ripresa Diamanti porta in vantaggio i suoi dopo appena 18 secondi. Ma un guizzo di Di Natale riporta il match in parità.

Finisce 1-1 il match del 'Dall'Ara' tra Bologna e Udinese. Dopo un primo tempo noioso e privo di occasioni da rete, il match si accende subito nella ripresa. Passano appena 18 secondi dal rientro in campo delle due squadre e Diamanti porta subito in vantaggio i suoi. Risponde poi il solito Di Natale con un bel destro al volo. Nel complesso regna e vince l'equilibrio.

FORMAZIONI - Pioli deve fare a meno all'ultimo momento di Perez, bloccato da un risentimento muscolare nel corso del riscaldamento pre-gara. Al posto del centrocampista uruguaiano c'è Pazienza, affiancato da Taider sulla mediana. Nel 3-4-1-2 disegnato dall'allenatore rossoblù, gli esterni che completano il centrocampo sono Garics e Morleo. Il trio difensivo è formato da Sorensen, Antonsson e Cherubin. La fase offensiva è affidata al trequartista Alessandro Diamanti, che supporta le due punte Gilardino e Gabbiadini. Guidolin risponde con l'ormai consueto 3-5-1-1: davanti a Brkic i tre difensori saranno Coda, Angella e Domizzi. Centrocampo giovane e tutto nuovo con Badu, Allan e Lazzari; sulle fasce agiscono invece i titolarissimi Basta e Armero. Tocca al brasiliano Maicosuel fare da tramite con il centrocampo e supportare l'unica punta Di Natale, schierato a sorpresa dall'allenatore bianconero.

PRIMO TEMPO - Ritmo blando nei primi minuti di gioco del 'Dall'Ara': i padroni di casa provano a tenere in mano il pallino del gioco, ma gli ospiti si chiudono benissimo e fanno male quando ripartono sulle fasce con Basta e Armero, velocissimi e sempre temibili nell'uno contro uno. Ma il match scorre via totalmente privo di emozioni, si gioca soprattutto a centrocampo, con le due difese che annullano totalmente i due attacchi.

Le palle-goal non arrivano, ma l'arbitro ha comunque il suo ben da fare, perchè sulla mediana i falli abbondano e fioccano anche i cartellini gialli. Di Natale ci prova con un paio di timidi tentativi dal limite dell'area, i rossoblù rispondono con qualche spunto di Diamanti e Gilardino, ma alla fine i due portieri risultano spettatori non paganti della partita in questa prima frazione.

SECONDO TEMPO - Passano soltanto 18 secondi e i padroni di casa sbloccano il match: palla recuperata a metà campo da Taider, che allarga per Gabbiadini, il quale crossa subito in area rasoterra per l'accorrente Diamanti, che con il sinistro beffa Brkic. A questo punto l'Udinese sbanda clamorosamente e gli uomini di Pioli ne approfittano, creando ancora pericoli per la retroguardia bianconera, sempre con uno scatenato Diamanti. Dopo qualche minuto di confusione, la banda di Guidolin prova a reagire, ma confeziona veramente pochi pericoli per la porta di Agliardi. Va invece più vicino al raddoppio il Bologna, che quando riparte in velocità crea sempre pericoli alla difesa bianconera.

Ma proprio quando i padroni di casa sembrano in totale controllo, ecco che arriva la doccia fredda. E alla prima vera chiara occasione, il solito Di Natale colpisce come un killer implacabile: palla vagante in area e destro al volo che brucia un incolpevole Agliardi. Nel finale è il Bologna ad accusare un momento di flessione, complice anche un pò di stanchezza, con l'Udinese che tenta di accelerare per cercare il goal della vittoria. Gli ultimi minuti di gioco offrono una gara totalmente aperta, con il ritmo di gioco che cala nuovamente. Si alternano così continui ribaltamenti di fronte, ma latitano le azioni ragionate e manca lucidità. Finisce quindi 1-1 e nel complesso regna il totale equilibrio.

LA CHIAVE - Il goal di Diamanti dopo 18 secondi nella ripresa spezza la noia ed alza nettamente i ritmi di gioco, aprendo definitivamente il match. Il solito Di Natale è altrettanto decisivo nel riportarlo in equilibrio.

MOVIOLA - Partita ben gestita da Bergonzi che gestisce bene le numerose sanzioni disciplinari e lascia comunque correre molto nei contatti lievi. Per il resto nessun episodio degno di nota.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Alessandro Diamanti. Entra in campo nella ripresa con la cattiveria giusta e porta subito in vantaggio i suoi, poi prende in mano la squadra e la difesa avversaria fa difficoltà a contenerlo: è il vero trascinatore di questo Bologna.

IL PEGGIORE - Michele Pazienza. Scende in campo all'ultimo per il forfait di Perez e manca di concentrazione: perde troppi palloni a centrocampo e sbaglia anche facili appoggi. Viene subito sostituito da Pioli nell'intervallo.

Sullo stesso argomento