thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 27 gennaio 2013
  • • 12.30
  • • Stadio Renato Dall'Ara, Bologna
  • Arbitro: A. Giannoccaro
  • • Spettatori: 19054
3
FIN
3

Bologna-Roma 3-3: Grande spettacolo al Dall'Ara, finisce in pareggio con sei goal e due legni

Tutta la partita è stata giocata a ritmi elevatissimi e spettacolari. Gli emiliani hanno anche colpito due legni con Diamanti nel secondo tempo.

Sei goal, emozioni e polemiche tra Bologna e Roma: questa la sintesi dei 90' minuti giocati al Dall'Ara. Primo tempo più intenso e vibrante rispetto alla ripresa. Tra i marcatori da segnalare la prima rete in A di Christian Pasquato.

FORMAZIONI - Taider vince il ballottaggio con Krhin, difesa a 4 con Sorensen al posto di Portanova ceduto al Genoa. In attacco un poker composto da Kone, Diamanti, Gabbiadini e Gilardino. Fuori per squalifica Cherubin e Pazienza. Nella Roma out Destro, dentro Piris, in avanti il tridente Pjanic, Osvaldo, Totti.

PRIMO TEMPO - Al Dall'Ara serpeggia il malumore per scelte di mercato non ben digerite dai tifosi locali e per dichiarazioni di rese dei conti anticipate tra Baldini e Zeman, ma il Bologna cerca di entrare subito in partita concentrato e pressando la Roma, arrivando anche a spaventare Goicoechea con un tiro sporco di Sorensen su punizione del solito Diamanti, oggi con la fascia di capitano.

Qualche fallo proibito costa subito in avvio il giallo a Motta e Piris. Al 9' quanto di buono aveva fatto vedere Sorensen viene vanificato con un errore che permette a Florenzi di infilarsi in area e battere Agliardi. Florenzi giá all'andata aveva firmato la prima marcatura contro i rossoblù. Scocca il quarto d'ora e le emozioni s'impadroniscono della scena: al 17' il Bologna riporta il risultato in parità con un'azione iniziata da Gabbiadini che da 18 metri tira violentemente su Goicoechea che ribatte. La palla arriva sui piedi di Gilardno che si trova la porta spalancata e non perde l'occasione per metterla dentro.

Fulmineo cambio di fronte e nello stesso minuto la Roma si riversa in gruppo nella metà campo del Bologna. Pjanic pesca Osvaldo, lasciato colpevolmente solo in area, e di testa batte un Agliardi, non proprio impeccabile. Partita con un gran ritmo, senza momenti di tregua, che vede cambiare ancora una volta il risultato al 26': Gabbiadini, dopo due tentativi andati a vuoto nei minuti precedenti, si gira al volo e di sinistro mette la palla alle spalle di Goicoechea. Diamanti ricama per Gilardino che però non riesce ad arrivare sulla palla. Bradley emula il suo avversario e grazia il Bologna. Sul finale il ritmo, comprensibilmente, cala.

SECONDO TEMPO - Dura solo 3 minuti la ripresa di Gabbiadini, al suo posto Pasquato. Difese ballerine in avvio, con buone occasioni sia per Bradley, Kone e Pjanic. Ne approfitta il Bologna che passa nuovamente in vantaggio al 54' con il neo entrato Pasquato: Goicoechea non si intende con Burdisso e il numero 77 di Pioli insacca la sua prima rete in Serie A.

Zeman é costretto a cambiare Balzaretti per infortunio, al suo posto Dodò, e Florenzi,anche lui acciaccato, con Marquinho. Ritmo inferiore rispetto alla prima parte di gara, frammentato da tante piccole scorrettezze. Esce Taider entra Krhin nel Bologna. Piris lascia il posto a Torosidis. É il 74' quando su punizione di Totti, Tachtsidis di testa sfrutta una leggerezza di Agliardi e riporta il risultato sul pari. Abero prende il posto di un nervoso Kone.  Il clamoroso palo colpito da Diamanti all'86' riaccende il match. Il capitano rossoblu protagonista degli ultimi infuocati attimi che hanno fatto accarezzare al Bologna la possibilità di aggiudicarsi i tre punti.

CHIAVE - Ritmo indiavolato e difese ballerine portano a questo 3-3 che avrebbe potuto benissimo raggiungere score tennistici.

MOVIOLA - Non ci sono stati episodi clamorosi durante il primo tempo, gestito come ordinaria amministrazione da Giannoccaro che estrae il giallo con parsimonia mantenendo il controllo del match.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Diamanti. Meraviglioso. Lui è il cuore dei rossoblù, cerca la vittoria fino alla fine colpendo incredibilmente due pali negli ultimi minuti di gara. Regala palloni al bacio ai suoi compagni di reparto. Ottima partita.

IL PEGGIORE - Goicoechea. Pessimo quest'oggi, ne combina di tutti i colori, Inguardabile l'uscita bassa che porta il Bologna in vantaggio. Continuano le sue prestazioni disastrose e non si capisce come possa essere lui il titolare.

Sullo stesso argomento