thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 06 ottobre 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Renato Dall'Ara, Bologna
  • Arbitro: P. Valeri
  • • Spettatori: 20000
1
FIN
4

Bologna-Verona 1-4: Gialloblù senza freni, uno scatenato Iturbe guida la neopromossa al quinto posto

Dopo il vantaggio di Cacciatore, l'argentino segna una rete strepitosa e poi serve a Toni l'assist del tris. Chiude Jorginho. In mezzo il momentaneo 1-2 di Diamanti su rigore.

Continua a non vincere in casa il Bologna. Pesante il 4-1 a favore del Verona soprattutto per la pochezza tattica espressa in campo dagli uomini di Pioli. Grande merito va però riconosciuto alla squadra di Mandorlini, che ha cominciato nel migliore dei modi questo campionato, e si trova attualmente al quinto posto in classifica.

FORMAZIONI - Il Bologna scende in campo con il 4-3-1-2 con Diamanti a supporto di Bianchi e Cristaldo. In porta fiducia a Curci, nonostante le critiche della piazza. Mandorlini risponde con il suo classico 4-3-3 Britos fuori per infortunio, Gomez, Toni, Iturbe il trio d'attacco. Donati alla 300ª in A.

PRIMO TEMPO - La partita inizia con 20 minuti di ritardo per problemi di ordine pubblico. Il Verona non riesce a giungere in tempo allo stadio perché i pullman dei tifosi veneti hanno fatto lo stesso percorso di quello della squadra ritardandone appunto l'arrivo, c'é stato anche qualche scontro tra supporters e polizia. Il Bologna non riesce a vincere in casa da marzo, e sempre da marzo ma del 1978, il Verona non vince al Dall'Ara.

Inizio a ritmo intenso con Iturbe protagonista di tutte le azioni degli scaligeri. Il Bologna attento, tenta l'affondo con Della Rocca e Diamanti, ma subisce un po' l'esuberanza dei veneti. In ombra Rolando Bianchi, che pare pesante e fuori dal gioco della squadra. Al 21' l'Hellas passa in vantaggio con Cacciatore: Gomez serve il terzino che di sinistro batte Curci, stavolta incolpevole. Il Bologna fatica a reagire e la curva Bulgarelli inizia a spazientirsi. Iturbe conferma di essere il più in partita dei suoi firmando il raddoppio veneto al  29': salta tre giocatori, fa 40 metri palla al piede, incrocia e tira di potenza battendo Curci. Sono già 18 le reti subite dai rossoblu finora in stagione.

Cristaldo si muove molto bene, ma sembra predicare nel deserto. Pioli fa scaldare mezza panchina, il problema sembra molto più tattico che imputabile ai singoli. Il Verona non lascia spazi e il Bologna é costretto a tirare solo dalla distanza, con scarsissimi risultati. Bianchi esce tra i fischi a 4 minuti dal termine, al suo posto in campo Moscardelli. É evidente che l'ex capitano granata non sia in ottime condizioni fisiche.

SECONDO TEMPO -  Esce Dalla Rocca entra Laxalt e Pioli passa al 4-4-2, squadra più ordinata che lascia meno spazi agli avversari. Buon inizio di ripresa per i padroni di casa che al 51' accorciano le distanze. Moscardelli viene atterrato in area da Gonzales, sul dischetto si presenta Diamanti che di potenza batte Rafael. Ma il mini-momento positivo del Bologna viene immediatamente reso vano dalla terza rete dell'Hellas: Iturbe confeziona un passaggio perfetto tra le gambe dei difensori bolognesi, la palla arriva a Toni che d'astuzia batte Curci.

Gomez rischia di dare il colpo di grazia al Bologna venti secondi dopo il terzo goal sfiorando il palo con un potente diagonale sinistro. Verona dilagante. Diamanti si carica il peso della squadra sulle spalle e disperatamente cerca la rete da ogni posizione, ma é solo con i compagni a rimorchio. Solo Cristaldo partecipa a questo moto di orgoglio del capitano. Esce Perez entra Acquafresca. Mandorlini toglie l'uomo-partita Iturbe e mette in campo Martinho.

Antonsson di tacco la toglie praticamente dalla testa di Toni che era in agguato, pronto, per far sua la palla. Curci ci mette la manona sul tiro di Jorginho che avrebbe potuto mettere il punto finale alla partita. Bologna completamente sbilanciato in avanti con tre punte più Diamanti in campo. Toni per due volte si dimentica di Romulo e va alla conclusione, sprecando e facendo arrabbiare il compagno. Maniera fuori per infortunio, dentro Marques.

Esce anche Gomez per Halfredsson. Laxalt mette i brividi un paio di volte a Rafael, ma la porta sembra stregata. Nei minuti di recupero Jorginho da il colpo di grazia alla difesa rossoblu completamente "in bambola": contropiede degli scaligeri, palla a Romulo che passa a Jorginho praticamente incontrastato, facile battere Curci.

CHIAVE - Pioli deve assolutamente registrare la difesa che commette troppi errori. Pochezza anche in attacco. Con due premesse tali, é tutto facile per il Verona che ad ogni affondo crea un'occasione da goal.

MOVIOLA - Episodio dubbio al 5' quando Donati tocca la palla di mano, Valeri fa proseguire, all'11º Valeri grazia Kone già ammonito. Moscardelli atterrato in area Valeri fischia il rigore.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Iturbe.
Prestazione eccezionale. Rende la difesa del Bologna un inferno con la sua velocità e i suoi cambi di passo. Una rete, splendida, e un assist per Toni: è titolare inamovibile di Mandorlini.

IL PEGGIORE - Bianchi.
Impalpabile. Non gli arrivano palloni puliti, e quei pochi che vede li gioca male. Pioli lo cambia ancor prima dell'intervallo, tra i fischi del Dall'Ara.

Sullo stesso argomento