thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 26 febbraio 2013
  • • 20.00
  • • Stadio Renato Dall'Ara, Bologna
  • Arbitro: M. Guida
  • • Spettatori: 20000
2
FIN
1

Bologna-Fiorentina 2-1: Viola beffati da Christodoulopoulos, la mossa vincente di Pioli nella ripresa

L'attaccante greco, subentrato a Gabbiadini, ha deciso il recupero della 26esima giornata. Viola in vantaggio con Ljajic, poi la rimonta emiliana nella ripresa.

Il 125º derby dell'Appennino se lo aggiudica il Bologna in rimonta. Fiorentina superficiale e poco incisiva nonostante il vantaggio di Ljaic nel primo tempo. Diamanti, ispiratissimo, prende per mano la squadra e porta al goal prima Motta e poi il neoentrato Lazaros.

FORMAZIONI - Nel Bologna Krhin promosso a centrocampo a fianco a Perez, trazione anteriore con Kone, Diamanti, Gabbiadini e Gilardino. Fiorentina senza Pizarro squalificato sostituito da Migliaccio affiancato da Aquilani e Valero. In avanti Ljaic, Jovetic, Cuadrado.

PRIMO TEMPO -  Bologna-Fiorentina, oltre ad essere una classica del nostro campionato, é una partita sempre a forte rischio sospensione e anche quest'anno la tradizione é stata rispettata. Si gioca quindi stasera con un Dall'Ara non al meglio in quanto a presenze.

La Fiorentina in avvio di partita concede molto e già al terzo minuto Gabbiadini, di sinistro, tira violentemente sul palo alla destra di Viviano. Incredibile: un minuto dopo la Fiorentina confeziona un'azione corale che porta Cuadrado davanti alla porta di Curci spiazzato. Il numero 11 di Montella però, tentenna e nell'indecisione tra tirare o giocare la palla, spreca una clamorosa occasione di portare in vantaggio la sua squadra. La linea dei difensori deve avvicinarsi a quella dei centrocampisti se il Bologna vuole neutralizzare gli innesti di Ljaic, ma gli uomini di Pioli lasciano ampio raggio d'azione ai viola.

Ritmo molto elevato. Il contropiede si ritorce contro il Bologna che al 27º passa in svantaggio grazie ad un errore di lettura della difesa che non si cura di Aquilani, il quale serve con il goniometro Ljiaic che scarica alle spalle di Curci. Il Bologna però non demorde, anzi insiste ma non riesce a capitalizzare quanto produce, vuoi per piccole imprecisioni (vedi l'occasione in cui Gilardino non arriva sul pallone per pochi centimetri e quella di Diamanti dirottato in calcio d'angolo) vuoi per i meccanismi perfetti della retroguardia viola.

SECONDO TEMPO - Esce Perez entra Taider. Diamanti svaria da una parte all'altra del campo in ricerca di qualche spazio nel quale infiltrarsi, ma la Fiorentina ha capito le sue intenzioni e lo isola. Ma Alino é puro genio e non lo si riesce ad imbrigliare troppo a lungo. Al 12º serve su punizione una palla d'oro a Motta che di testa sorprende tutti, compreso il suo pubblico che fino a pochi attimi prima rumoreggiava al suo indirizzo. Il Bologna vuole provare a conquistare i tre punti e forza ogni pallone.

Migliaccio di testa tenta di beffare Curci, ma il suo tiro é troppo centrale. Le squadre appaiono stanche dopo aver giocato ad un ritmo elevato per tutto il match. Lazaros entra in campo e si propone in avanti per due volte sfiorando il goal. Alla terza non sbaglia: ennesima giocata magistrale di Diamanti che ruba palla, lascia sul posto il neoentrato Sissoko, crossa e il greco al volo ne approfitta segnando con destro angolato. Montella prova il tutto per tutto e fa entrare anche Luca Toni.

Jovetic mette a dure prova i nervi di Curci a tempo regolamentare già scaduto. Borja Valero generosissimo per tutta la partita, cerca di contenere il contropiede solitario di Gialardino che si risolve nel nulla. Luca Toni a trenta secondi dal termine di testa si mangia letteralmente il goal del pareggio.

CHIAVE - Fiorentina superficiale non riesce a fermare Diamanti che inventa, prende per mano la squadra, calcia punizioni e ripiega in copertura. In entrambi i goal c'é il suo zampino.

MOVIOLA -  fuorigioco di Migliaccio sul l'azione del goal mancato da Cuadrado, nuovo fuorigioco dubbio di Migliaccio.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Lazaros Christodoulopoulos: Suo il goal decisivo. Il campionato italiano ha scoperto un nuovo giocatore?

IL PEGGIORE - Stefan Savic: Impreciso e confuso, non riesce quasi mai ad arginare le offensive rossoblù.

Sullo stesso argomento