thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 06 marzo 2011
  • • 15.00
  • • Stadio Renato Dall'Ara, Bologna
  • Arbitro: E. Ostinelli
  • • Spettatori: 25000
2
FIN
2

Bologna-Cagliari 2-2: Ragatzu si traveste da eroe, Ramirez da salvatore della patria

Bologna-Cagliari 2-2: Ragatzu si traveste da eroe, Ramirez da salvatore della patria

Getty Images

Il goal di Di Vaio aveva permesso al Bologna di chiudere in vantaggio il primo tempo.

Il Bologna si salva in extremis all’ultimo secondo dell’ultimo minuto di recupero con un’azione al cardiopalma nella quale Ramirez ha la meglio su Agazzi chiamato agli straordinari. Di Vaio può così festeggiare la centesima in rossoblu con la maglia rossoblu. Il Cagliari vede sfumare l’aggancio alla Juve.  

FORMAZIONI –  Nel Bologna Casarini dal primo minuti, Moras in panchina, in avanti oltre all’highlander Di Vaio, Meggiorini supportati da Della Rocca. Ekdal fuori per problemi muscolari. Nel Cagliari assenti Canini per squalifica e Pisano infortunato. Airaudo e Astori si invertono la posizione.

PARTITA –  Che Marco Di Vaio fosse il sorvegliato speciale di questo match c’era da aspettarselo senza tante sorprese, ed è così che per i primi dieci minuti del match il Cagliari gli costruisce attorno una gabbia che di fatto impedisce al capitano rossoblu di oltrepassare la trequarti. Il Bologna però attacca con continuità. A interrompere questo momento favorevole ai padroni di casa ci pensa Nainggolan, servito da Acquafresca, che colpisce il palo. Questo exploit dei sardi però non ha continuità e il Bologna riprende in mano le redini della partita che fa sempre più sua al 28’ quando Di Vaio porta in vantaggio i suoi su calcio di rigore. Il capitano rossoblu infatti era stato atterrato in area da Biondini un minuto prima e l’arbitro Ostinelli non ha avuto alcuna esitazione nel decretare il penalty. Il Cagliari accenna una timida reazione con Cossu che dalla bandierina serve Acquafresca che di testa non è proprio precisissimo. I sardi procedono a sprazzi e la partita continua a farla il Bologna che impensierisce Agazzi con un tiro forte ma centrale di Di Vaio. Nei minuti finali, Donadoni è costretto a rinunciare a Nenè infortunatosi seriamente alla caviglia sinistra, al suo posto Ragatzu. Nel recupero anche il Bologna perde una pedina importante: Mudingayi. Al suo posto Ramirez.   

I cambi forzati degli ultimi minuti del primo tempo, non portano ulteriori novità alla ripresa. Il Bologna inizia con lo stesso  ritmo incalzante e Ramirez pesca subito un angolo che la difesa del Cagliari però neutralizza senza affanni. I sardi si buttano in avanti con Ragatzu che serve Conti, carica il tiro ma Ramirez si interpone e salva in tuffo.  La costanza paga e al 59’ agguantano il pareggio con Cossu: Nainggolan crossa dal fondo (in realtà la palla è fuori dal campo, ma gli assistenti e l’arbitro non se ne accorgono) il numero 7 di Donadoni batte Viviano di destro. Malesani richiama in panchina Meggiorini e inserisce Gimenez. Il Bologna cerca subito una reazione, ma Di Vaio è colto di sorpresa in area dal liscio di Airaudo e non approfitta di una palla messagli a disposizione da Rubin. Nel Cagliari fuori uno spento Acquafresca e dentro Missiroli. Il ritmo cala un po’, parecchie le palle perse sia da una parte che dall’altra. Iniziano i falli inutili quanto dannosi per i relativi gialli. Il Bologna si sbilancia troppo in avanti e resta scoperto su contropiede dei sardi che passano in vantaggio: su calcio d’angolo, Lazzari mette in mezzo per Ragatzu che di prima batte Viviano. Il Bologna non ci sta a perdere e parte all’assalto della porta di Agazzi che è chiamato agli straordinari. Il Bologna però mette il cuore dentro le scarpe e ci crede fino all’ultimo secondo dell’ultimo minuto di recupero quando riacciuffa il pareggio in un’azione che definire concitata è poco. Tutti in the box compreso Viviano che crea non poco scompiglio e confonde Agazzi, Ramirez raccoglie al volo la palla che arriva dal calcio d’ angolo e batte il numero 1 cagliaritano. Rissa senza conseguenze nel finale.

CHIAVE –  Malesani sbilancia troppo la squadra in avanti nei minuti finali, scoprendosi troppo e prestando il fianco al contropiede del Cagliari che con due azioni offensive passa in vantaggio.

CHICCA –  Marco Di Vaio festeggia la 100° presenza con la maglia del Bologna. A consegnargli una targa ricordo prima della partita, il presidente onorario Gianni Morandi.

MOVIOLA –  Al 16’ Meggiorini cade in area dopo essere venuto a contatto con Astori, l’arbitro Ostinelli fischia fallo all’attaccante. Al 27’ Biondini sgambetta Di Vaio in piena area, stavolta il direttore di gara assegna il rigore senza esitazioni. Il Bologna, Viviano in particolare, protesta per l’azione del goal del pareggio del Cagliari in quanto la palla al momento del cross è uscita di parecchio dal campo di gioco. Gli assistenti  non segnalano l’irregolarità e Ostinelli convalida la rete. Giusta l’ammonizione a Gimenez per simulazione al 77’.

TATTICA –  Collaudatissimo 4-3-1-2  per Malesani , 4-3-1-2 per Donadoni che mette sulle spalle di Acquafresca e Nenè il peso dell’attacco supportati da Cossu. Il Bologna passa al 4-2-1-3 con l’inserimento di Paponi.  

PROMOSSI&BOCCIATI  - Marco Di Vaio (voto 6.5) ormai titolare fisso dei promossi di ogni partita del Bologna. Lui si procura il rigore, lui lo tira e segna. Festeggia la centesima presenza in rossoblu con il 17° goal in campionato. Casarini (voto 5) è sulla sua fascia di competenza che il Bologna soffre e le due azioni delle marcature del Cagliari partono tutte da lì. Ragatzu (voto 6.5) entra, cambia il ritmo di gioco del Cagliari e con il suo destro regala l’illusione dei tre punti. Biondini (voto 5) perde un sacco di palloni, provoca il rigore su Di Vaio e si fa pure ammonire.

Sullo stesso argomento