thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 23 marzo 2014
  • • 15.00
  • • Stadio Renato Dall'Ara, Bologna
  • Arbitro: A. Gervasoni
  • • Spettatori: 16286
1
FIN
0

Bologna-Cagliari 1-0: Lazaros si alza e trascina i rossoblù

Il secondo goal consecutivo dal dischetto di Lazaros, autentico trascinatore, vale tre punti fondamentali per il Bologna nella corsa alla salvezza. Il Cagliari, adesso, rischia.

Tre punti d'oro per il Bologna che torna alla vittoria, la prima in casa nel 2014' grazie al rigore realizzato da Lazaros. Il Cagliari ha giocato con il freno a mano tirato, accontentandosi a lungo del pareggio, finendo poi per essere beffato da un episodio. Il Bologna trae vantaggio anche dai risultati delle dirette concorrenti alla salvezza, facendo un piccolo balzo in avanti rispetto alla zona retrocessione.

FORMAZIONI - Nel Bologna torna Sorensen sulla fascia destra, a centrocampo Friberg dal primo minuto così come inedito il duo Acquafresca-Bianchi in attacco. Assente Kone. Il Cagliari deve ancora rinunciare a Conti, Ekdal deve dirigere il centrocampo, Sau e Ibarbo in avanti con Cossu a supporto.

PRIMO TEMPO - Il Bologna ha l'opportunità di scavalcare Livorno e Chievo, il Cagliari ha la possibilità di lasciarsi alle spalle la zona calda della retrocessione. Il match presentato così, avrebbe dovuto esse pieno di emozioni, invece resta bloccato per gran parte del primo tempo con i due centrocampi a filtrare qualsiasi palla, bloccando di fatto le conclusioni degli attaccanti.

Il Bologna pressa di più, Acquafresca e Bianchi però sembrano rubarsi lo spazio. Al 22º prima occasione da goal della partita sui piedi di Perico servito da Sau, il tiro però non é molto potente e Curci para. Il Bologna crea gioco, ma le migliori opportunità capitano al Cagliari che al 25º manda al tiro Ekdal, lo svedese spedisce la palla alta sulla traversa.

Acquafresca al 30º mette paura ad Avramov, il risultato non si sblocca. Il Bologna vuole i tre punti, forte anche dei risultati delle dirette concorrenti tutti favorevoli ai rossoblu, ma é completamente privo di idee, gioca più sfruttando episodi invece di costruire vere e proprie azioni.

Il Cagliari dal canto suo tiene molto la palla, come se il pareggio potesse andare bene. Bianchi di testa la spedisce direttamente tra le braccia di Avramov. Il Cagliari difende con attenzione.

SECONDO TEMPO - Entra Morleo al posto di Natali nel Bologna. Il risultato non si sblocca nonostante il dinamismo di Lazaros da una parte e le invenzioni di Cossu dall'altro. Bianchi viene colpito al volto da Aztori e deve ricorrere alle cure mediche.

Entra Cristaldo ed esce Friberg, Ballardini  modifica leggermente il modulo con Garics e Lazaros sulle fasce a portare palla e mette il neo entrato alle spalle delle due punte. Non c'é molta partecipazione al gioco dei centrocampisti bolognesi che costringono i difensori agli straordinari sugli attaccanti avversari e in fase offensiva non supportano abbastanza i propri di attaccanti.

Il pubblico rumoreggia, il ritmo é calato. Lampo del Bologna al 70º con Cristaldo che serve Acquafresca, la palla colpisce l'esterno della rete. Esce Bianchi entra Pazienza, anche il Cagliari fa il primo cambio: entra Pinilla esce Sau. Avramov salva il risultato su un tiro angolatissimo di Lazaros. Dessena stende il greco in area e Gervasoni indica il dischetto.

Sempre lui sul dischetto, non sbaglia spiazzando Avramov. Ibraimi entra al posto di Perico. Il Cagliari si butta in avanti nel tentativo di riagguantare il pareggio e si schiera con un 4-2-4 quando esce Ekdal ed entra Nenè. Pinilla impegna Curci costretto a parare in due tempi, il Bologna si barrica in difesa fino al triplice fischio.

CHIAVE
- Il Cagliari ha pagato caro la scelta di accontentarsi del pareggio.

MOVIOLA
- Lazaros vuole un rigore su di lui al 49º, Gervasoni fa proseguire. Glielo concede all'80º quando Dessena atterra il greco in area. Espulso Dessena dopo il triplice fischio.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Lazaros.
Si traveste da Diamanti trascinando la squadra e procurandosi il rigore, da lui stesso trasformato con grande freddezza. E' l'uomo salvezza dei felsinei.

IL PEGGIORE - Cossu.
E' mancato proprio lui quest'oggi al Cagliari. Agisce in posizione più arretrata e non si vede praticamente mai.

Sullo stesso argomento