thumbnail Ciao,
Diretta Live

Primera Division

  • 29 novembre 2010
  • • 21.00
  • • Camp Nou, Barcelona
  • Arbitro: Eduardo Iturralde Gonzalez
  • • Spettatori: 98255
5
FIN
0

Barcellona-Real Madrid 5-0: Dominio Barça, per il Real di Mourinho un'umiliante "manita"!

Barcellona-Real Madrid 5-0: Dominio Barça, per il Real di Mourinho un'umiliante "manita"!

Di Xavi, Pedro, Villa (doppietta) e Jeffren i goal blaugrana.

Il primo “El Clasico” di Mourinho, rimarrà impresso per parecchio tempo nella memoria dell’allenatore portoghese, che riceve l’umiliante “manita” da parte di un Barcellona spettacolare, che si aggiudica il match per 5-0.

FORMAZIONI - Guardiola si affida al tridente formato da Pedro, Messi e Villa. A centrocampo Busquets, preferito a Mascherano. Mourinho si affida al modulo, che ha portato al “triplete” dell’anno scorso, con Xabi Alonso e Khedira alle spalle del trio di trequartisti, formato da Cristiano Ronaldo, Ozil e Di Maria. In avanti forfait di Higuain, al suo posto gioca Benzema.

PARTITA - Tredici campioni del mondo e dieci candidati al pallone d’oro, al Camp Nou è di scena il meglio, che il calcio europeo può offrire. I giocatori in campo non tradiscono le aspettative e il Barcellona con Messi va vicino al gol del vantaggio al 6’ minuto, ma il delizioso pallonetto della “pulce” finisce sul palo. Il Barcellona non è Messi dipendente e al 10’ arriva la dimostrazione: assist di Iniesta e gol di Xavi, che approfitta di un errore di Marcelo e supera con un tocco morbido Casillas. Il Real prova la reazione e con destro potente di Di Maria costringe Valdes ad una deviazione in angolo, ma il Barcellona è in totale controllo del match e al 18’ raddoppia: lancio di Xavi per Villa, dribbling dell’attaccante spagnolo su Sergio Ramos e assist per Pedro, che nel cuore dell’area piccola segna a Casillas battuto. Trenta minuti di puro spettacolo da parte degli uomini di Guardiola, che con Pedro e Villa sfiorano il tris, ma la difesa del Real Madrid si salva con affanno. Al 32’ entra in scena Cristiano Ronaldo, ma non con una giocata delle sue, ma bensì per una spinta a Pep Guardiola, scaldando gli animi in campo e rimediando un cartellino giallo. Al 44’ gestaccio di Messi, che simula un colpo al viso da parte di Carvalho, ma l’arbitro Iturralde Gonzalez non ci casca e ammonisce il fuoriclasse argentino. Il nervosismo rovina lo spettacolo della prima mezz’ora di gioco e dopo due minuti di recupero il primo tempo finisce con il Barcellona in vantaggio di due reti. A inizio ripresa, Mourinho sostituisce uno spaesato Ozil, con Diarra per dare più sostanza al centrocampo dei blancos, ma è il Barcellona ad avere una doppia occasione per segnare: sulla prima Ramos salva su una conclusione a colpo sicuro di Villa e sul proseguimento dell’azione viene annullato un gol a Messi per un fallo di Pedro su Pepe. Continua il flipper blaugrana: gran taglio di Messi per Xavi, ma il metronomo spagnolo stavolta sbaglia calciando a lato. Il Real Madrid è stordito e al 55’ cade per la terza volta: Messi si ripete con un gran taglio, ma stavolta davanti a Casillas si presenta Villa, che festeggia il suo esordio nel “El Clasico” con il gol. I due fanno un copia/incolla dopo tre minuti, taglio ancora più spettacolare del fenomeno argentino e gol dell’attaccante spagnolo per il 4-0. La differenza in campo tra le due formazioni è a dir poco imbarazzante, impressiona anche la qualità della rosa del Barcellona, che con Bojan appena entrato si procura due occasioni da gol in trenta secondi. Al 90’ arriva l’episodio, che fa esplodere il Camp Nou: assist di Bojan e gol di Jeffren e il Barca serve la temutissima “manita” ai blancos. L’episodio fa perdere la testa a Sergio Ramos, che stende Messi con un fallaccio e rimedia il rosso diretto. Dopo tre minuti di recupero Iturralde Gonzalez mette fine all’incubo del Real Madrid decretando la fine della partita.

CHIAVE
- Possesso palla a dir poco spettacolare del Barcellona, che consente agli uomini di Guardiola di far uscire la difesa del Real per poi colpirla con tagli di gioco millimetrici dove si inseriscono a turno i centrali di centrocampo e David Villa (vedi i gol Xavi e la doppietta di Villa).

CHICCA - Il premier spagnolo Zapatero, aveva pronosticato un 4-2 per il Barcellona, ma i suoi pupilli fanno molto rifilando la famosa “manita” agli storici rivali.

TATTICA - Il Barcellona, schiera un 4-3-3 classico con la difesa formata dagli esterni Dani Alves e Abidal e dai centrali Piquet e Puyol. Guardiola si può permettere di schierare il centrocampo dalla nazionale campione del mondo con Xavi, Iniesta e Busquets. In avanti tridente da brivido formato da Messi, Villa e Pedro. Il Real Madrid si presenta con un 4-2-3-1, in difesa fasce affidate a Ramos e Marcelo, mentre i centrali saranno i portoghesi Pepe e Carvalho. La diga davanti la difesa è formata da Xabi Alonso e Khedira a protezione dei trio dei trequartisti: Ronaldo, Ozil e Di Maria, che avranno il compito di sfruttare al massimo la voglia di rivincita dell’unica punta Benzema.

MOVIOLA
- Al 39’ episodio dubbio in area blaugrana, su un incursione di Ronaldo, Valdes tocca prima la palla e poi tocca il fuoriclasse portoghese. Iturralde Gonzalez è bravo, anche al 44’ quando non si fa ingannare dalla simulazione di Messi, ammonendo l’argentino.

PROMOSSI&BOCCIATI - Stavolta la “tattica” di innescare polemiche di Mourinho (Voto 4) ha un effetto bumerang sulla sua squadra, che viene surclassata dalla forza di questo Barcellona, che trova in Xavi e Iniesta  (Voto 10) una delle coppie centrali raramente imitabili.



GOAL.COM E' SU
CLICCA QUI PER DIVENTARE FAN!

GOAL.COM E' SU
CLICCA QUI PER SEGUIRCI!

Sullo stesso argomento