thumbnail Ciao,
Diretta Live

Primera Division

  • 05 maggio 2013
  • • 21.00
  • • Camp Nou, Barcelona
  • Arbitro: Carlos Clos Gomez
  • • Spettatori: 67185
4
FIN
2

Barcellona-Betis 4-2: Gli andalusi sognano per un tempo, Messi entra e li riporta alla realtà

Barcellona-Betis 4-2: Gli andalusi sognano per un tempo, Messi entra e li riporta alla realtà

Getty

L'argentino, inserito nella ripresa, segna la doppietta decisiva e prende pure un palo. In precedenza gli andalusi erano passati due volte, rimontati da Sanchez e Villa.

Solito Messi, solito Barcellona , solita goleada. E ora manca soltanto un punto per la festa. Ancora abbacchiati dal ko col Bayern, i blaugrana soffrono e vanno sotto per due volte col Betis, in rete con Pabon e Perez e momentaneamente raggiunto da Sanchez. Villa pareggia, poi l’argentino decide il match con la doppietta decisiva.

L’avvio dei blaugrana è scioccante: dopo un paio di minuti segna l’ex parmense Pabon, che fa a fettine la difesa di casa e davanti a Pinto lo fredda. Ma basta poco per il pari di Alexis Sanchez: tuffo di testa su cross di Iniesta e 1-1 prontamente confezionato.

Da lì in poi, in campo c’è praticamente soltanto il Barça. La sfortuna di Vilanova è di avere un Villa che non ne azzecca una: sono almeno tre, le occasioni clamorosamente sprecate dal Guaje, che spara alto o su Adrian vanificando le giocate dei compagni, Iniesta e Tello in primis. E Messi, in panchina, si mette le mani nei capelli.

Gli errori sottoporta dell’ex Valencia non sono perdonati da un Betis coraggioso, fortunato e cinico. Prima la squadra di Pepe Mel è salvata dalla traversa su un destro da fuori di Tello, poi Ruben Perez riceve un appoggio all’indietro di Igiebor e col destro spara una botta che si infila direttamente sotto l’incrocio di Pinto.

Nella ripresa, a cambiare il corso della partita è Leo Messi. Il pareggio, a dire il vero, è firmato da David Villa, che si riscatta dopo gli erroracci del primo tempo: colpo di testa sotto le gambe di Adrian, ma evidente è soprattutto l’errore di posizionamento della difesa andalusa. Esce proprio il Guaje, appena firmato il 2-2, per lasciare spazio alla Pulga.

In 11 minuti, dal 60’ al 71’, Messi ne combina di ogni: prima segna la rete del vantaggio su punizione, poi calcia un altro piazzato contro l’incrocio dei pali, quindi chiude il match con un facile appoggio a porta vuota su assist di Sanchez. E ora, al Barcellona, manca soltanto un punto per il trionfo matematico.

Sullo stesso argomento