thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 07 aprile 2012
  • • 15.00
  • • Stadio Atleti Azzurri d'Italia, Bergamo
  • Arbitro: C. Russo
  • • Spettatori: 15500
1
FIN
2

Atalanta-Siena 1-2: Capolavoro bianconero, Destro firma il goal che vale la salvezza

Nerazzurri in vantaggio con Schelotto, immediata la risposta di Larrondo. Poi nei minuti finali la rete decisiva dell'attaccante dell'Under 21.

Il pareggio era nell'aria, come spesso accade a fine stagione tra due squadre vicine al proprio obiettivo. Ma il Siena ha avuto il merito di crederci di più, fino alla fine, ed è per questo che oggi, dopo il successo in casa dell'Atalanta, si gode una salvezza di fatto archiviata. Ce la farà anche la Dea, ma non bisognerà gettare altri punti al vento.

FORMAZIONI - L'undici di casa è quello annunciato. L'unico ballottaggio, sull'out destro della difesa, viene vinto dal rientrante Lucchini a scapito di Raimondi. Davanti confermati Tiribocchi e Gabbiadini. Sul versante opposto Sannino preferisce Larrondo a Bogdani come spalla di Destro e Giorgi la spunta su Mannini.

PARTITA - La classifica relativamente le squadre non condiziona le squadre, che danno vita ad un avvio tutt'altro che soft. Ritmi alti e tanta corsa da subito. E' il terreno su cui si esalta l'Atalanta di Colantuono, che va subito avanti: esterno di Peluso e zampata di Schelotto per l'1-0. Ma la partita viaggia veloce, l'abbiamo detto. E il Siena risponde subito. Larrondo si guadagna e realizza un rigore assegnato per fallo evidente di Consigli, in maldestra uscita. Il botta e risposta non contribuisce a calmare gli animi e continuano i ribaltamenti di fronte: Cigarini e Schelotto impensieriscono Pegolo, Destro e Larrondo sfiorano il raddoppio per i toscani. Ma al 45' permane l'1-1.

In avvio di ripresa calano le velleità delle due squadre, che si affrontano con meno frenesia. L'Atalanta dà l'impressione di essere uscita meglio dagi spogliatoi: guadagna metri, aumenta la pressione e va vicino al goal con più frequenta rispetto ai bianconeri. Le cose migliori le fa sempre Schelotto, Tiribocchi e Gabbiadini non pungono. Anche per questo Colantuono si gioca la carta Denis a circa 20 minuti dallo scadere. E' la mossa che precede il momento di massima pressione dei padroni di casa, che si riversano in avanti con poche idee e tanta confusione. Il Siena regge bene, quasi senza rischiare, e inaspettatamente piazza il colpo salvezza al 92', in pieno recupero, con Destro che se ne va a Stendardo e regala ai suoi un altro anno di Serie A.

CHIAVE - La domenica opposta vissuta dai due attacchi. Gabbiadini e Tiribocchi sono due fantasmi, Colantuono li cambia entrambi ma non riceve risposte adeguate da Moralez e Denis. Nel Siena, invece, Larrondo e Destro ci mettono fisico e intelligenza. Un goal a testa, e partita in tasca.

TATTICA - Dal 4-4-2 non si scappa. Sia Atalanta che Siena lo  applicano con ordine, organizzazione e intensità. Quasi a memoria, a tratti. I risultati di questo campionato, d'altronde, lo certificano: è il miglior abito possibile per entrambe.

MOVIOLA - Netto il rigore assegnato ai toscani per il fallo di Consigli su Larrondo. Per il resto nulla da segnalare.

PROMOSSI&BOCCIATI
- Larrondo e Destro fanno la differenza là davanti. Non solo i due goal, ma un grande lavoro che aiuta tutta la squadra a chiudersi meglio e a ripartire puntualmente con una certa pericolosità. Nella Dea si salva Schelotto, la solita furia sulla destra, ma delude in blocco il reparto offensivo.

Sullo stesso argomento