thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 11 maggio 2014
  • • 12.30
  • • Stadio Atleti Azzurri d'Italia, Bergamo
  • Arbitro: N. Rizzoli
  • • Spettatori: 16985
2
FIN
1

Atalanta-Milan 2-1: Brienza stoppa la rincorsa europea dei rossoneri

Il Milan viene beffato in extremis dall'Atalanta e vede allontanarsi l'Europa League: Denis su rigore rimedia all'autogoal di Bellini, poi la prodezza di Brienza.

Il Milan perde a Bergamo e dice praticamente addio al sesto posto che garantiva l’accesso all’Europa League. Finisce 2 a 1 in rimonta per l’Atalanta, che torna a vincere contro il Milan in casa dal 2008 (anche in quella circostanza per 2-1 e sempre in rimonta), grazie alla magia di Franco Brienza proprio all’ultimo istante. Per il Milan un KO pesantissimo, visto che dice addio all’Europa League. Per i rossoneri una stagione negativa, che il prossimo anno li vedrà protagonisti solamente in Italia. Il Milan era dalla stagione 1997/1998 che non rimaneva fuori da una competizione Europea…L’unica nota lieta è il ritorno di Stephan El Shaarawy, che torna in campo dopo cinque mesi. A questo punto, l’esonero di Seedorf a fine stagione sembra scontato.

FORMAZIONI - Seedorf ripropone il 4-3-1-2 con Honda alle spalle di Kakà e Balotelli; panchina inizialmente per Taarabt. I tre di centrocampo sono Montolivo, Muntari e De Jong, mentre in difesa davanti ad Amelia, ci sono Mexes e Rami centrali con De Sciglio e Constant sulle corsie laterali. Colantuono che deve fare a meno di diversi elementi specialmente in difesa, risponde con il 4-4-2; coppia offensiva formata dal duo Moralez e Denis.

PRIMO TEMPO - Atalanta che vuole fare bella figura davanti ai suoi tifosi, mentre il Milan deve vincere per provare a tenere vive le speranze di Europa. Partono meglio i padroni di casa, che specialmente con Denis provano ad impensierire Amelia in almeno tre circostanze. Al 23’ prima palla goal del match. Brivio se ne va sulla sinistra, mette in mezzo per Denis, il quale fa la sponda all’indietro per l’accorrente Carmona, che di prima intenzione calcia debolmente. Il Milan è lento, fa fatica dalla trequarti in su, con Honda e Kakà fuori dal gioco.

Alla mezzora ancora Atalanta pericolosa, con Maxi Moralez, che di testa anticipa tutta la difesa rossonera, ma spedisce a lato. Nel finale di tempo, il Milan inizia a farsi vedere dalle parti di Consigli. Al 40’ punizione di Balotelli da posizione defilata, ma la palla si stampa sulla traversa. Subito dopo è il turno di Montolivo, che invece di servire Kakà, libero al centro dell’area, prova la conclusione che si spegne sull’esterno della rete.

SECONDO TEMPO - Seedorf toglie subito Honda, deludente un’altra volta e getta nella mischia El Shaarawy, che torna in campo dopo cinque mesi di assenza. I rossoneri passano dal 4-3-1-2 al 4-2-3-1, con Montolivo che sale in posizione di trequartista. Al 49’ cross dalla destra di De Sciglio, Kakà salta di testa spedendo alto.

Ma l’avvio sprint del Milan, è il preludio al vantaggio, che arriva al minuto 51’, anche con un pizzico di fortuna. Ripartenza veloce del Milan con Muntari che dal versante sinistro mette in mezzo un pallone per Balotelli, ma Bellini in scivolata nel tentativo di anticipare l’attaccante rossonero, infila la palla nella propria porta. Ma l’Atalanta, nonostante non avesse nulla da chiedere al campionato, prova a spingere alla ricerca del pari ed al minuto 67’ Constant in ritardo su Carmona, lo tocca in area e per Rizzoli è calcio di rigore.

Dal dischetto va Denis che spiazza Amelia. La gara inizia a farsi spigolosa, dalle tribune vola addirittura una banana verso i giocatori rossoneri…Mexes e Raimondi per poco non vengono alle mani. Negli ultimi 15’ Seedorf prova a giocarsi sia le carte Taarabt che Pazzini, con la squadra completamente sbilanciata alla ricerca di un goal importantissimo, ma è l’Atalanta al minuto 79’ a sfiorare il vantaggio con Moralez che calcia a lato.

Negli ultimi istanti ci prova Balotelli dal limite con una grande giocata d’esterno, ma la palla si stampa sul palo a Consigli battuto. Proprio all’ultimo tuffo, Brienza dal limite calcia di prima trovando l’eurogol che regala la vittoria all’Atalanta, eliminando il Milan dalla corsa al sesto posto.

CHIAVE - L’ingenuità di Constant al minuto 67’ che causa il rigore, che poi Denis realizza. Errore clamoroso del terzino sinistro, che in netto ritardo tocca Carmona, il quale con un pizzico di furbizia accentua la caduta. Di fatto è l’episodio che cambia il match e tutta la stagione rossonera, che saluta l’Europa.

MOVIOLA - Buona la prova di Rizzoli. Non ci sono grandi episodi da segnalare. Corretto il rigore assegnato all’Atalanta, perché Constant tocca la gamba di Carmona. Giusti anche i gialli sventolati a Mexes, Raimondi, Taarabt e Migliaccio.

Dalle pagelle:

IL MIGIORE - Franco Brienza. Il suo goal resterà nella storia di questo campionato, un gioiello raro che arriva nel momento più soddisfacente, l’ultimo secondo.

IL PEGGIORE - Keisuke Honda. Prova incolore, evanescente

Sullo stesso argomento