thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 22 settembre 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Atleti Azzurri d'Italia, Bergamo
  • Arbitro: A. Damato
  • • Spettatori: 13362
0
FIN
2

Atalanta-Fiorentina 0-2: Nerazzurri vivaci ma poco incisivi, i viola volano con Mati Fernandez e Rossi

La Fiorentina espugna il difficile campo dell'Atalanta e si rilancia in classifica: sblocca Fernandez nel primo tempo, raddoppia il solito 'Pepito' nella ripresa.

Una Fiorentina acciaccata dalle pesanti assenze esce vittoriosa dal difficile campo dell'Atalanta. Sblocca il match un tap-in di Mati Fernandez, bravo a ribadire in rete la conclusione di Wolski, che aveva colpito la traversa.

Nella ripresa il solito Giuseppe Rossi mette la partita in ghiaccio con un sinistro precisissimo, che si infila nell'angolino basso. Una vittoria che rilancia la formazione di Montella in classifica e che conferma la maturità del gruppo viola, bravo a sfruttare le occasioni con grande cinismo, congelando e gestendo il match con buona personalità.

FORMAZIONI - Montella deve fare a meno delle pesanti assenze di Mario Gomez e Cuadrado per infortunio, sarà dunque il polacco Wolski ad agire dietro l'unica punta Rossi. Joaquin va in panchina, il centrocampo è composto da Aquilani, Borja Valero, Mati Fernandez e Ambrosini. Difesa a quattro con Tomovic a destra e Pasqual a sinistra, confermati i centrali Rodriguec e Savic.

Colantuono sceglie Moralez alle spalle del bomber Denis e rimpiazza lo squalificato Cigarini con Baselli a centrocampo, accanto a Migliaccio e Carmona. Sugli esterni giocano Raimondi e Brivio. In difesa Stendardo, Lucchini e Yepes proteggono la porta di Consigli.

PRIMO TEMPO - Buon avvio dei padroni di casa, che alzano subito il pressing spinti dall'entusiasmo del proprio pubblico. Il ritmo è molto vivace e sono numerosi i duelli a centrocampo: i nerazzurri provano a farsi sotto ma lasciano spazio alle ripartenze ospiti. La prima occasione arriva da un bello spunto del giovane polacco Wolski, che impegna Consigli in una parata a terra con un sinistro insidioso dall'interno dell'area. La risposta degli uomini di Colantuono arriva con un bel tiro dal limite di Migliaccio, ben controllato in presa bassa da Neto.

Alla mezz'ora gli orobici sfiorano ancora il vantaggio con un inserimento di Carmona, che interviene di testa a manda la palla di poco a lato. Al 41' arriva però la doccia fredda per il pubblico di casa: Denis perde palla a centrocampo e rilancia il contropiede avversario, Borja Valero crossa sul secondo palo per Wolski, che centra la traversa con un colpo di testa, ma Mati Fernandez insacca il tap-in del vantaggio a porta vuota.

SECONDO TEMPO - Gli uomini di Colantuono ripartono forte ad inizio ripresa ed alzano il baricentro, concedendo però ulteriori spazi alle ripartenze viola. Al 55' Migliaccio sfiora il pareggio centrando la traversa con un bel colpo di testa su calcio d'angolo, battezzato male da Neto. Nella Fiorentina entra Joaquin, che si rende subito pericoloso con un bellissimo destro al volo, che impegna Consigli. Al 66' Rossi sfiora il raddoppio con un sinistro che si spegne sull'esterno della rete, ma l'appuntamento con il goal è solamente rimandato di qualche minuto. L'ex Villareal sfrutta una bella torre di Rodriguez su azione d'angolo, controlla di petto e infila il portiere avversario con un sinistro precisissimo all'angolino, mettendo sul binario giusto il match per i suoi.

A questo punto l'Atalanta tenta il tutto per tutto e si getta totalmente nella metà campo avversaria, ma Denis fallisce la ghiotta occasione che avrebbe riaperto il match, scaricando il destro addosso a Neto, a pochi passi dalla linea di porta. Nel finale l'Atalanta ci prova con poche idee e non riesce più a rendersi pericolosa. La squadra di Montella porta a casa tre punti d'oro, a conferma di una maturità raggiunta partita dopo partita.

LA CHIAVE - Gli inserimenti dei centrocampisti di Montella si rivelano decisivi, come pure gli spazi lasciati dagli orobici alle ripartenze viola. La rete del vantaggio ospite nasce da un retropassaggio sbagliato di Denis a metà campo, che apre il campo agli uomini di Montella.

MOVIOLA - Partita tranquilla per il direttore di gara, che non è chiamato a decidere su episodi eclatanti. Bravo nella gestione dei cartellini.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Giuseppe Rossi. Svaria su tutto il fronte offensivo per sfuggire alla marcatura dei centrali avversari, scendendo talvolta a metà campo per ricevere palla. Il suo preciso sinistro congela il match ancora una volta. Devastante in questo avvio di stagione.

IL PEGGIORE - Maxi Moralez. Comincia bene con qualche interessante spunto, poi cala vistosamente alla distanza fino a sparire totalmente nella ripresa, ingabbiato dai difensori viola.

Sullo stesso argomento