thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 10 febbraio 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Atleti Azzurri d'Italia, Bergamo
  • Arbitro: D. Massa
  • • Spettatori: 14000
0
FIN
0

Atalanta-Catania 0-0: Reti illibate, all'Atleti Azzurri manca la mira

L'occasione più ghiotta capita a Castro, che non riesce a trovare la deviazione vincente a pochi passi dalla porta. Le due squadre ci hanno provato, ma è mancato il risolutore.

Pareggio a reti bianche tra Atalanta e Catania. All’Atleti Azzurri d’Italia va in scena una partita 'combattuta' a centrocampo ma avara di goal ed emozioni. Meglio gli etnei nel primo tempo che chiudono la prima frazione di gioco in crescendo sfiorando in più occasioni il vantaggio. Nella ripresa, poi, non basta la volontà all’Atalanta per portare a casa i tre punti. Finisce con un pareggio che non scontenta nessuno: un punto che muove la classifica per entrambe.

FORMAZIONI – Atalanta in campo con il consueto 4-3-2-1. In difesa, Colantuono, recupera Scaloni. A centrocampo debutta il neo acquisto Brienza alle spalle del rientrante Denis, in campo dal primo minuto. Nel Catania sono due le novità rispetto alla gara di Napoli: fuori Rolin e Biagianti, dentro Alvarez e Castro. Legrottaglie, recuperato, si accomoda in panchina. Tra i convocati torna Marchese dopo le polemiche con la società etnea per via del contratto in scadenza.

PRIMO TEMPO – I primi 45 minuti scivolano via senza grosse emozioni. Più volitiva l’Atalanta che prova a sfruttare le corsie esterne contro un Catania disposto in maniera speculare rispetto ai nerazzurri. Il risultato è di una gara bloccata a centrocampo, con i nerazzurri che, di fatto, non trovano mai lo specchio della porta nel corso del primo tempo. L’assenza di Cigarini toglie qualità in mezzo al campo, cosi, sono gli ospiti a rendersi più pericolosi, grazie alle rapide ripartenze del ‘gruppo argentino’. Prima Castro al 35’ non aggancia davanti alla porta un assist di Bergessio, poi, Gomez impegna il numero uno atalantino. Sul tabellino, però c'è poco da segnalare. Zero goal e poche emozioni: primo tempo che si chiude a reti bianche.

SECONDO TEMPO – Copione identico anche nella ripresa: Atalanta che attacca, Catania pronto a ripartire. Rispetto al primo tempo, però, cambia poco. I nerazzurri trovano di fronte un muro difficile da superare, nonostante Colantuono passi al 4-4-2 mischiando le carte in mezzo al campo con gli innesti di Cazzola e Radovanovic per Carmona e Biondini. Gli orobici aumentano i giri - Bonaventura in due occasioni prova a scuotere i nerazzurri - ma l’inerzia della partita non muta. Nel finale Maran mette dentro Biagianti per Izco, infoltendo la linea di mezzo, in debito d’ossigeno. Il risultato finale sembra già scritto. Finisce senza reti per un pareggio che non scontenta nessuno.

LA CHIAVE – Partita bloccata a centrocampo. Ritmo alto e poche occasioni da goal: inevitabile il risultato finale.

MOVIOLA – Nulla da segnalare sulla direzione di gara dell’arbitro Massa.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Spolli. Domina nei contrasti aerei e vince nettamente il duello con Denis. L'ennesima prestazione di livello per un centrale che merita sicuramente una big.

IL PEGGIORE - Gomez. Deludente. Non c'è altra parola per descrivere la prestazione del Papu quest'oggi. Ha davanti Scaloni ammonito, ma non lo punta mai. Si limita al compitino fino a quando Maran, giustamente, lo sostituisce.

Sullo stesso argomento