thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 19 gennaio 2014
  • • 15.00
  • • Stadio Atleti Azzurri d'Italia, Bergamo
  • Arbitro: M. Mariani
  • • Spettatori: 16041
1
FIN
0

Atalanta-Cagliari 1-0: Rossoblù al palo, ci pensa Bonaventura

Cagliari fermato dai tre pali colpiti nella prima frazione con Ibarbo e Conti, nella ripresa Bonaventura insacca dalla sinistra il goal partita: Atalanta a quota 24, rossoblù a 21.

L’Atalanta affronta tra le mura amiche il Cagliari di Lopez, trovando una preziosissima vittoria. La Dea ha dalla sua la fortuna durante tutto il primo tempo in cui gli ospiti trovano ben tre pali con uno scatenato Ibarbo e una punizione di Conti. Nella seconda frazione è incredibile il cinismo dei padroni di casa che con il tap di Bonaventura portano a casa tre punti pesantissimi.

FORMAZIONI - Mister Colantuono dispone i suoi con il solito 4-4-1-1 dando a Bonaventura e Maxi Moralez la licenza di inventare. In difesa Lucchini e Stendardo presidiano la porta difesa da Sportielli, Consigli infatti non è convocato a causa della varicella.

Il Cagliari di Lopez si presenta con Sau e Ibarbo davanti, a loro supporto viene schierato Cossu, in centrocampo il solito Conti dirige il traffico e in difesa Pisano e il roccioso Astori; la scelta in porta ricade su Avramov La squadra cerca un nuovo equilibrio in centrocampo con Dessena e Ekdal, dopo il passaggio alla Roma del pregiato Nainggolan.

PRIMO TEMPO - Apre le danze un tiro meraviglioso di Ibarbo, il suo sinistro impatta sul palo alla destra del portiere della Dea, rimastro immobile. Nei primi minuti Colantuono è insoddisfatto dell’attacco della sua squadra, non può dire lo stesso Lopez, che ha in squadra un Ibarbo in forma smagliante: al 14’ si libera in area, si gira improvvisamente e scaglia un missile a distanza ravvicinata che si infrange sul palo esterno.

Dopo pochi secondi è Bonaventura a farsi anticipare da Pisano di testa a portiere battuto e el Tanque a mettere sul fondo una palla goal suggeritagli dallo stesso Bonaventura. La partita è intensissima. Al 25’ inventa Jack Bonaventura per Brivio che lascia partire un bolide sul primo palo, dove è bravissimo a coprire d’esperienza il portiere Avramov.

La partita regala continui capovolgimenti fronte, spesso costringendo i difensori a cercare il fallo. Su uno di questi si incarica della battuta capitan Conti che tira una punizione magistrale sul palo lontano, trovando sfortunatamente il terzo palo di fila per i suoi.

SECONDO TEMPO - Partita subito vivacissima anche nella seconda frazione di gioco: Ibarbo serve Murru che cerca la gioia personale con un buon tiro di prima intenzione che termina di poco alto. Dopo il lungo affanno le squadre si placano e fraseggiano in centrocampo aspettando il momento propizio per offendere l’avversario.

La partita si infiamma finalmente al 23’ con il numero 10, Jack Bonaventura, il quale si inserisce bene in area e sfrutta la spizzata di Maxi Moralez su cross di Brienza e in spaccata beffa Avramov. Gli ospiti provano a cambiare le sorti dell’incontro inserendo Ibraimi e Cabrera, per Dessena ed Ekdal, due nuovi giocatori offensivi al servizio della squadra.

Movimenti diametralmente opposti dall’altra panchina dalla quale Baselli e Carmona entrano al posto di Cigarini, infrotunato, e Brienza. Il Cagliari è rinvigorito dai cambi e prova a ribaltare l’incontro con Sau, murato da un sontuoso Yepes, e con Murru, oggi in veste di attaccante aggiunto. Ma la partita ha ben poco da raccontare e, nel finale, c’è spazio per l’espulsione di Ibarbo dopo un fallo su Raimondi.

CHIAVE - Jack Bonaventura è il protagonista in positivo di questo incontro, prima organizza la manovra offensiva durante tutto il primo tempo, poi trova la rete con un goal da vero rapace d’area. La sua presenza si sente su tutto il fronte offensivo e garantisce sempre qualità alle soluzioni offensive della squadra.

MOVIOLA - L’arbitro lascia spesso giocare nonostante gli interventi spesso ruvidi dei giocatori, fa bene perché la partita è sempre vivace e interessante, e i giocatori sono meno propensi a cercare inutili simulazioni. Al momento giusto dispensa delle ammonizioni, a Lucchini prima e a Migliaccio poi, per frenare l’aggressività dei giocatori in campo. Al termine dell’incontro punisce con il cartellino rosso Ibarbo per un fallo su Raimondi.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Yepes. Chiude la difesa atalantina a doppia mandata nel secondo tempo, concedendo zero occasioni zero agli avanti cagliaritani.

IL PEGGIORE - Pisano. Nel finale ha l'occasione di pareggiare, ma per gran parte della gara soffre sulla sua fascia di competenza: perde Bonaventura in occasione del goal decisivo.

Sullo stesso argomento