Goal.com - Home

thumbnail Ciao,
 
1 vs 0
Giocata
febbraio 19, 2013 8:45 p. CET
Estádio Do Dragão — Porto
Arbitro:‬ M. Clattenburg‎
Spettatori:‬ 42209‎
 
 
Uomo Partita
Joao Moutinho
Joao Moutinho
Porto
Joao Moutinho
Joao Moutinho
Porto
Flop Partita
Joaquín
Joaquín
Malaga
Isco
Isco
Malaga

Porto-Malaga 1-0: Moutinho regala il successo ai Dragoni, spagnoli timidi

Vittoria meritata per la formazione lusitana, che ha tenuto in mano il pallino del gioco per tutta la gara. Ha deciso un goal di Joao Moutinho al 56'. Deludente la prova ospite.

di Mihai Vidroiu

Joao Moutinho
Miguel Riopa/AFP
Anche il Málaga si piega alla dura legge del Dragão, fortino del Porto in cui i lusitani hanno perso solo una delle ultime dodici sfide casalinghe nella fase a eliminazione diretta di Champions League e nel quale non cadono contro un club spagnolo da ben 25 anni. Gli andalusi rimediano la loro seconda sconfitta europea di sempre (in 25 match) e, guarda caso, accade ancora una volta a Oporto (l’altro caso fu contro il Boavista nella Coppa Uefa 2002/03), ma non superando mai il cerchio di centrocampo, difficilmente sarebbe potuta finire diversamente.

FORMAZIONI – Classico 4-3-3 dei portoghesi, Vítor Pareira deve rinunciare a Defour (stiramento alla coscia) e preferisce non rischiare James Rodríguez, rientrato da poco dall’infermeria e non ancora in ottima condizione, puntando invece sul tridente Varela-Jackson Martínez-Izmailov.

Manuel Pellegrini predilige il 4-2-3-1 e non può contare sul solo Eliseu (distorsione al ginocchio con interessamento ai legamenti mediali). Perciò largo a una trequarti arrembante guidata da Júlio Baptista, e con il giovane Isco e l’esperto Joaquín sulle fasce, e il paraguaiano Santa Cruz a fare a sportellate in avanguardia.

PRIMO TEMPO – Il Porto, imbattuto da 32 gare in campionato, riceve un Málaga, d’altro canto imbattuto in Champions League, per una sfida dalle forti tinte latine e dalle premesse tattiche interessanti. Nonostante gli spagnoli si presentino al Dragão con le vesti dei carnefici di Milan e Zenit, di una squadra offensiva e divertente, di fatto nella pancia del dragone sembra non entrino affatto.

Il Porto schiaccia immediatamente gli ospiti, dimostrando l’impreparazione degli andalusi a una gara così importante. Al 4’ è Izmailov a riscaldare Caballero tentando un timido approccio di destro, ma è solo l’inizio per il portiere argentino. Al quarto d’ora è Fernando a provarci, ma il suo colpo di testa sorvola la traversa.

Pochi giri di lancette e ritenta Varela, sempre di testa, sempre impreciso, ma i boquerones non accennano a svegliarsi. I padroni di casa monopolizzano il possesso della sfera senza però riuscire ad affondare gli artigli nei fianchi delle acciughe. Alla mezz’ora è il turno di João Moutinho, al 39’ ci prova Danilo, a fine gara Izmailov: i lusitani tentano il jolly da fuori, ma per gonfiare la rete dovranno fare qualcosa di più.

SECONDO TEMPO – Gli uomini di Pereira riprendono da dove si erano fermati, e dai e ridai la palla deve entrare. Non al 53’ quando il cross di Varela trova Izmailov, ma il russo non trova la porta. Accade però tre minuti più tardi, quando l’analogo passaggio in profondità del terzino Alex Sandro imbecca João Moutinho, che sfrutta l’anticipo sbagliato di Demichelis e di piattone batte Caballero.

Primo goal subito nella rassegna dagli andalusi, che erano l’unica squadra ancora inviolata, e difficilmente sarebbe potuto essere altrimenti dopo quel che si è visto in campo. El Ingeniero Pellegrini cala la carta Portillo che rileva uno stanco Jaoquín, ma gli effetti non sono quelli sperati, Vítor Pereira cambia le ali e continua il monologo portoghese.

Vere occasioni da rete non se ne vedranno più. I portoghesi si accontentano dell’1-0, punteggio che gli permetterà al ritorno di poter avvalersi di due risultati su tre, oltre a una sconfitta di misura con goal. Il quinto clean sheet (porta imbattuta) in sette partite nella competizione lanciano il Porto a guardare alla partita di Málaga con sufficiente serenità.

Gli spagnoli non si affacciano praticamente mai nell’area avversaria, il quartetto offensivo colleziona una sfilza di gravi insufficienze e probabilmente sperano di poter ribaltare la situazione alla Rosaleda, ma realisticamente parlando, più che una possibilità sembra un’impresa.

CHIAVE – I dragões dominano in lungo e largo: in fase offensiva è uno sciame di sovrapposizioni sulle fasce, dove invece i boquerones vanno in difficoltà per via delle scarsi doti difensive degli esterni Isco e Jaoquín, in fase difensiva arginano gli avversari con un centrocampo a diga che diventa a cinque con il ripiegamento dei duttili esterni (infatti all’ora di gioco Pereira è costretto a cambiarli entrambi). Pellegrini dovrà pensare a qualche contromisura in vista del ritorno.

MOVIOLA – Al 19’ Varela si lamenta per un presunto fallo da rigore di Antunes, ma l’intervento dell’ex romanista è più che regolare. Al 55’ il portoghese interviene a martello su Danilo, il giallo sembra il minimo, ma in questa occasione Clattenburg non ravvisa gli estremi del fallo. La rete di Moutinho invece non era da convalidare: l’inserimento del portoghese è viziato da una posizione di fuorigioco non ravvisata dall’assistente.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - JOAO MOUTINHO - Il goal è un meritato premio alla sua prestazione, tutta fosforo e qualità.

IL PEGGIORE - ISCO - Era tra i più attesi, e alla fine è stato tra i più deludenti.


Porto

1
Helton
Portiere
3.00
-
Danilo
Difensore
3.00
22
Eliaquim Mangala
Difensore
3.00
-
Alex Sandro
Difensore
56′
3.50
-
3.00
8
Lucho González
Centrocampista
91′
3.00
-
Joao Moutinho
Centrocampista
56′
4.00
25
Fernando
Centrocampista
4.00
-
3.50
-
Jackson Martínez
Attaccante
4.00
17
Silvestre Varela
Attaccante
58′
3.00

Malaga

3.00
13
3.00
3
Weligton
Difensore
3.00
26
3.00
21
3.50
-
Antunes
Difensore
2.00
17
Joaquín
Centrocampista
63′
2.50
8
3.00
-
Manuel Iturra
Centrocampista
75′ 78′
2.00
23
Isco
Centrocampista
2.00
19
Júlio Baptista
Centrocampista
78′
2.50
9

A disposizione

-
Fabiano
Portiere
 - 
4
 - 
-
André Castro
Centrocampista
91′
2.00
10
3.00
-
2.00
31
Liedson
Attaccante
 - 
-
Sebá
Attaccante
 - 

A disposizione

 - 
1
 - 
2
Diego Lugano
Difensore
2.00
6
Camacho
Centrocampista
78′
 - 
17
Duda
Centrocampista
 - 
30
Javier Saviola
Attaccante
3.00
27
Portillo
Centrocampista
63′
2.00
-
Lucas Piazon
Attaccante
78′

Allenatore

-
Paulo Fonseca
Allenatore
 - 

Allenatore

 - 
-
Schuster
Allenatore
 
  • Goal
  • Autogoal
  • Rigore
  • Rigore fallito
  • Ammonito
  • Assist
  • Rigore parato
  • Rigore realizzato
  • Rigore sbagliato
  • Espulso per Doppia Ammonizione
  • Espulso
  • Sostituzione IN
  • Sostituzione OUT
  • Infortunato
  • Scelta di Goal.com
  • Top della Partita per Goal.com
  • Flop della Partita per Goal.com
  • Classifica Generale Top&Flop
  • Top della Partita per i Tifosi
  • Flop della Partita per i Tifosi
Risultati
 
Migliori Marcatori
Giocatore   Goal Rigori
Cristiano Ronaldo Cristiano Ronaldo
Attaccante
Real Madrid
14 1
Zlatan Ibrahimovic Zlatan Ibrahimovic
Attaccante
PSG
10 1
Lionel Messi Lionel Messi
Attaccante
Barcellona
8 2
Diego Costa Diego Costa
Attaccante
Atl. Madrid
7 0
Sergio Agüero Sergio Agüero
Attaccante
Manchester City
6 2