Goal.com - Home

thumbnail Ciao,
 
2 vs 0
Giocata
dicembre 18, 2012 9:00 p. CET
Stadio Giuseppe Meazza — Milano
Arbitro:‬ R. di Firenze‎
Spettatori:‬ 11840‎
 
 
 
Uomo Partita
Fredy Guarín
Fredy Guarín
Inter
Rodrigo Palacio
Rodrigo Palacio
Inter
Flop Partita
Vangelis Moras
Vangelis Moras
Verona
Valeri Bojinov
Valeri Bojinov
Verona

Inter-Verona 2-0: Cassano e Guarin stendono il Verona e portano i nerazzurri ai quarti di finale

Il Verona tiene alto l'onore della Serie B e conclude il primo tempo sullo 0-0. Nella ripresa poi Cassano e Guarin risultano decisivi e portano i nerazzurri ai quarti.

di Michele Pavese

Dopo un primo tempo sofferto, l'Inter impiega appena 10 minuti della ripresa per avere ragione di un buon Verona. Primi 45' avari di occasioni, ripresa intensa ed emozionante. A decidere la partita è un micidiale uno-due realizzato da Cassano e Guarin, che consente ai nerazzurri di volare ai quarti, dove affronteranno la vincente tra Napoli e Bologna.

FORMAZIONI - Stramaccioni vuole esorcizzare ulteriori passi falsi. In campo va un'Inter competitiva, anche se riposano diversi titolari. Si rivede dopo 4 mesi Chivu, che completa la linea difensiva davanti a Castellazzi insieme a Silvestre e Juan Jesus. Duncan trova spazio in coppia con Mariga sulla mediana. Fasce presidiate da Jonathan e Nagatomo, Alvarez supporta il duo Cassano-Palacio.

Mandorlini, protagonista con la maglia nerazzurra dello scudetto dei record di Trapattoni, schiera il miglior Verona possibile, diverso solo per due undicesimi rispetto a quello sceso in campo a Vercelli sabato pomeriggio. In porta Rafael, reparto arretrato completato da Abbate, Moras, Maietta ed Albertazzi. Centrocampo a 4 con Gomez, Halfredsson, Bacinovic e Jorginho. In attacco, accanto a Cacia viene scelto Grossi, preferito all'ultimo momento a Bojinov.

PRIMO TEMPO - Il Verona torna a San Siro dopo 10 anni, con il chiaro intento di regalare alle migliaia di sostenitori accorsi dalla città scaligera un'impresa storica.
Sono proprio gli ospiti, in campo con una maglia gialla che ricorda i cugini del Chievo, a cercare di comandare da subito le ostilità. Il 4-4-2 di partenza in realtà è un 4-5-1 (che diventa 4-3-3 in fase d'attacco), perchè Grossi e Gomez lavorano molto sull'esterno, lasciando Cacia come unico punto di riferimento.

L'Inter, come spesso è accaduto nelle ultime uscite stagionali, fa molta fatica nell'impostazione di gioco e si affida alla qualità dei singoli. Alvarez prova a dare velocità agli attacchi nerazzurri con un paio di ottime giocate in accelerazione, ma è mal supportato dagli esterni e dai compagni di reparto. Nel primo quarto d'ora succede poco quanto niente. L'unica emozione la regala Rocchi sospendendo l'incontro per qualche minuto, a causa dei problemi provocati dai lacrimogeni sparati fuori dallo stadio.  

La squadra di Mandorlini lavora molto sul fronte sinistro d'attacco, dove Grossi ed Halfredsson mettono in costante apprensione Jonathan. Ed è proprio da quella parte che arriva la prima grande occasione del match al 23', quando Cacia viene trovato spalle alla porta all'interno dell'area di rigore. L'ex centravanti di Piacenza e Lecce si gira e prova il tiro piazzato a giro sul palo lungo, ma la palla termina fuori di poco.
Il pericolo non scuote l'Inter. Il Verona è aggressivo, concentrato, pressa alto e riparte velocemente. Ci prova allora Cassano con una punizione dal limite a svegliare i suoi. Poi il nulla, fino alla grande palla goal sciupata da Alvarez al 42'. Clamoroso l'errore del numero 11 nerazzurro che, a tu per tu con Rafael, spara da due passi addosso al portiere avversario che era già disteso per terra, dopo uno splendido triangolo stretto con Palacio.

SECONDO TEMPO - Subito un cambio per parte. Stramaccioni decide che sia il caso di rischiare Guarin, squalificato in campionato. Mandorlini inserisce Carrozza al posto di uno spento Gomez.
Inizio di ripresa scoppiettante e a ritmi altissimi, con i portieri subito protagonisti nei primi due minuti: prima Castellazzi respinge la conclusione del neo-entrato Carrozza, poi Rafael dice di no ad un destro sul primo palo di Alvarez. È il preludio all'uno-due interista, nel giro di 4 minuti: al 50'Moras perde un contrasto con Guarin a centrocampo, il colombiano lancia Cassano nello spazio lasciato dall'ex difensore del Bologna. Bravo il barese a freddare Rafael con un pregevole tocco e a portare in vantaggio i suoi. Neanche il tempo di riorganizzarsi, che arriva per gli scaligeri la doccia fredda del raddoppio di Guarin, a segno con una punizione deviata dalla barriera. Per entrambi i marcatori si tratta del sesto goal stagionale.

Il Verona è in bambola. Cassano fa quello che vuole e dispensa assist per tutti. Le due squadre sono lunghissime e ne trae giovamento lo spettacolo. L'Inter potrebbe dilagare, Palacio trova un superbo Rafael a negargli la gioia del 3-0 per due volte. Sembra non esserci più partita, ma gli ospiti si svegliano improvvisamente e creano due grandi pericoli tra il 70' e il 76' con Bojinov e Cacia. Castellazzi si fa male respingendo il tiro di quest'ultimo e Palacio è costretto a sistemarsi tra i pali, visto che l'Inter ha esaurito i cambi. Seppur ridotti in 10 uomini, i nerazzurri si difendono con ordine, ma rischiano grosso al 91'. Palacio compie un intervento degno del miglior Handanovic, togliendo dall'incrocio un colpo di testa di Carrozza.

LA CHIAVE - Impressionante l'impatto con il match di Fredy Guarin, il cui ingresso in campo sposta gli equilibri. Prima recupera un pallone a centrocampo mettendo Cassano solo davanti a Rafael, poi calcia una punizione che si insacca all'incrocio dopo una deviazione. È lui l'uomo-partita che regala i quarti di finale all'Inter.

MOVIOLA - Alla mezzora Rocchi non attende lo sviluppo dell'azione e fischia un fallo su Cassano al limite dell'area. La palla però finisce sui piedi di Palacio che trova un "inutile" gran goal.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Fredy Guarin. Entra con una gran voglia e risulta subito decisivo. Prima serve un grande assist a Cassano per il vantaggio nerazzurro, poi è bravo e fortunato a trovare il goal su punizione, calciata come al solito in maniera potente.

IL PEGGIORE - Vangelis Moras. Commette un gravissimo errore ad inizio ripresa, spianando la strada al vantaggio di Cassano. Da quel momento in poi sbanda terribilmente ad ogni avanzata avversaria.


Inter

12
3.50
26
Cristian Chivu
Difensore
2.50
2
Jonathan
Difensore
2.50
5
Juan Jesus
Difensore
55′
3.00
26
3.00
55
Yuto Nagatomo
Difensore
3.50
41
Joseph Duncan
Centrocampista
2.50
77
McDonald Mariga
Centrocampista
46′
2.00
11
Ricardo Álvarez
Centrocampista
3.00
99
Antonio Cassano
Attaccante
50′ 75′
4.00
8
Rodrigo Palacio
Attaccante
4.00

Verona

4.00
1
Rafael
Portiere
2.50
3
3.00
22
Matteo Abbate
Difensore
1.50
18
3.00
22
3.00
10
Emil Hallfredsson
Centrocampista
53′
3.00
21
Armin Bačinovič
Centrocampista
29′
2.50
-
Jorginho
Centrocampista
2.50
-
Paolo Grossi
Centrocampista
53′
3.50
8
Daniele Cacia
Attaccante
68′
2.00
21
Juanito
Attaccante
46′

A disposizione

-
Vid Belec
Portiere
 - 
-
 - 
4
3.50
23
 - 
15
 - 
25
Walter Samuel
Difensore
 - 
11
Á. Pereira
Centrocampista
75′
3.00
13
Fredy Guarín
Centrocampista
46′ 54′ 72′
4.00
5
Walter Gargano
Centrocampista
 - 
-
Daniel Bessa
Centrocampista
 - 
22
Diego Milito
Attaccante
 - 
7
Marko Livaja
Attaccante
 - 

A disposizione

 - 
12
Nícolas
Portiere
 - 
-
 - 
-
 - 
75
Josè Crespo
Difensore
 - 
-
Tony Huston
Difensore
3.50
19
Alessandro Carrozza
Centrocampista
46′
 - 
-
 - 
-
Ansah Derrick
Centrocampista
3.00
-
Andrea Cocco
Attaccante
80′
2.50
29
Valeri Bojinov
Attaccante
53′

Allenatore

-
 - 

Allenatore

 - 
-
 
  • Goal
  • Autogoal
  • Rigore
  • Rigore fallito
  • Ammonito
  • Assist
  • Rigore parato
  • Rigore realizzato
  • Rigore sbagliato
  • Espulso per Doppia Ammonizione
  • Espulso
  • Sostituzione IN
  • Sostituzione OUT
  • Infortunato
  • Scelta di Goal.com
  • Top della Partita per Goal.com
  • Flop della Partita per Goal.com
  • Classifica Generale Top&Flop
  • Top della Partita per i Tifosi
  • Flop della Partita per i Tifosi
Risultati
 
Migliori Marcatori
Giocatore   Goal Rigori
Felice Evacuo Felice Evacuo
Attaccante
3 1
Gervinho Gervinho
Attaccante
Roma
3 0
José Callejón José Callejón
Attaccante
Napoli
3 0
Marco Sansovini Marco Sansovini
Attaccante
Novara
3 0
Osariemen Ebagua Osariemen Ebagua
Attaccante
Spezia
3 0