Goal.com - Home

thumbnail Ciao,
 
2 vs 1
Giocata
maggio 19, 2013 8:45 p. CEST
Stadio Olimpico — Roma
Arbitro:‬ L. Banti‎
Spettatori:‬ 41000‎
 
47′ Marquinho
 
Uomo Partita
Mattia Destro
Mattia Destro
Roma
Erik Lamela
Erik Lamela
Roma
Flop Partita
Rolando
Rolando
Napoli
Valon Behrami
Valon Behrami
Napoli

Roma-Napoli 2-1: La Lupa azzanna il Ciuccio e manda un chiaro segnale alla Lazio

I giallorossi si portano in vantaggio con Marquinho e raddoppiano con Destro. Di Cavani il goal azzurro. La squadra di Andreazzoli si dimostra pronta per la finale di Coppa Italia.

di Antonino Fiorino

Con un secco 2-1 la Roma supera il Napoli e si porta al sesto posto in classifica, superando anche la Lazio che incontrerà tra una settimana nel derby che vale la Coppa Italia. I capitolini si dimostrano in un buon periodo di forma e non patiscono l'assenza del loro capitano Totti. Il Napoli si è svegliato troppo tardi ed ha trovato solo nelle battute finali il goal  con Cavani.

FORMAZIONI -
Andreazzoli, non potendo contare su Totti e De Rossi tra le varie indisponibilità, cambia volto alla squadra schierandola in un inedito 4-2-3-1 con Lobont tra i pali, linea difensiva composta da Torosidis, Burdisso, Castan e Dodò. I due mediani sono Bradley e Tachtsidis, il trio formato da Lamela, Pjanic e Marquinho agisce dietro l’unica punta Destro.

Mazzarri, invece, riconferma Rosati come estremo difensore, aiutato dai compagni di reparto Rolando, Cannavaro e Britos. A centrocampo torna Behrami che fa coppia con Dzemaili, entrambi affiancati sulle fasce da Maggio e Zuniga. Hamsik e Pandev coadiuvano in attacco il capocannoniere Cavani.

PRIMO TEMPO - il Napoli, intenzionato a fissare il nuovo record di punti in assoluto, inizia bene e parte con il giusto approccio spingendosi avanti in modo convincente fino a quando è costretto a rinunciare ad una pedina importante nella manovra offensiva. Pandev esce anzitempo per un contatto di gioco con Burdisso, probabilmente irregolare ma non rilevato dall’arbitro e dal guardalinee.

Mazzarri, in luogo dello sfortunato attaccante macedone, getta nella mischia Omar El Kaddouri reduce dalla buona prestazione casalinga contro il Siena. La Roma, dal canto suo, prova a farsi viva inizialmente con un calcio di punizione di Pjanic sul quale, però, si avventano i guantoni di Rosati che si rifugia in angolo.

Il Napoli, con il suo possesso palla fatto di tocchi veloci, costruisce una ghiotta occasione da goal con Cavani che, lanciato a rete da Hamsik e vincendo un contrasto con Burdisso, a tu per tu con Lobont, ma da posizione un po’ defilata, non colpisce bene la sfera che termina decisamente a lato.

I padroni di casa, nella parte centrale della prima frazione, fanno fatica a trovare spazi per l’attenta opposizione della retroguardia partenopea che, prima con Rolando e poi con Britos, riesce a sventare una palla velenosa. Le squadre si allungano molto e si gioca con poche interruzioni da parte di Banti che sorvola su due contatti avvenuti nelle ambedue aree di rigore.

Il Napoli va poi al tiro con Hamsik che non inganna il buon appostato Lobont, mentre la Roma nei minuti di recupero sfiora seriamente la marcatura in una stessa azione, prima con Marquinho che trova la bella riposta di Rosati, ma sulla ribattuta Destro colpisce il palo e infine ci tenta con un tocco sotto spazzato da Cannavaro prima che varcasse la linea di porta.

SECONDO TEMPO - La Roma rientra in campo sulla scia degli ultimi minuti di gioco della prima frazione con l’unica differenza che lo fa con maggiore concretezza passando in vantaggio con una gran botta da lontano ad opera di Marquinho.

Il Napoli accusa il colpo e non reagisce nel migliore dei modi, anzi incassa il secondo goal giallorosso siglato da Destro che è bravo a disorientare Rolando e anche fortunato trovando la complicità determinante di Rosati. Gli azzurri appaiono sottotono in personalità e nelle idee, Mazzarri prova a limitare i danni chiamando in causa altri due effettivi dalla panchina come Armero e Calaiò al posto di Britos e Cannavaro e, contestualmente, modifica il suo modulo abituale in un 4-2-3-1.

Andreazzoli, dovendo gestire il risultato favorevole, si limita a cambi equipollenti (Torosidis-Piris, Pjanic-Florenzi) con l’unica eccezione per Perrotta che, entrando al posto di Dodò, gioca la sua ultima partita in giallorosso. I padroni di casa non fanno particolare fatica a contenere la spinta degli azzurri che, però, riescono ad accorciare le distanze con il solito Cavani che arriva al ventinovesimo appuntamento dopo un rimpallo tra Lobont e Calaiò.

Nel finale le squadre si allungano visibilmente, salta ogni schema in quanto la Roma vuole evitare il recupero del Napoli e, di contro, i partenopei provano fino all’ultimo a ripristinare il totale equilibrio. Dopo altre due occasioni create da Lamela e Florenzi per porre il sigillo finale, la Roma non rischia più nulla se non un piccolo brivido per la reazione tardiva dei “vice-campioni d’Italia”.

CHIAVE - Dopo un primo tempo sostanzialmente in equilibrio, la Roma riesce a spuntarla in pochi minuti nella ripresa grazie ad un atteggiamento offensivo più incisivo e condotto dai migliori interpreti. Parallelamente la manovra dei partenopei paga dazio ad un calo di tensione e di motivazioni, forse parzialmente accusato per l’obiettivo già raggiunto. La concretezza dei giallorossi ha fatto la differenza, non è riuscita invece al Napoli l’ultima reazione d’orgoglio per terminare col botto una stagione positiva.

MOVIOLA - Nei minuti iniziali subito un episodio si pone all’attenzione dell’arbitro Banti che non opta per il fallo, ma la moviola dimostrerà la sussistenza del tocco irregolare di Burdisso ai danni di Pandev costretto a lasciare il campo per infortunio. Altri due contatti, poi, avvengono nelle due aree di rigore: Lamela e Cavani, fermati rispettivamente da Britos e Tachtsidis, si lamentano per il mancato intervento arbitrale, ma in entrambe le circostanze non sembrano esserci gli estremi per la massima punizione.

Il secondo tempo registra vari interventi del giudice di gara che interrompe il gioco per distribuire vari cartellini gialli (tutti giusti) e, quindi, contenere nei limiti i contatti di gioco dovuti anche ad un certo agonismo in funzione del risultato.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Mattia Destro: In crescita. L'attaccante della Roma segna da attaccante vero, mettendo a sedere Rolando e sorprendendo Rosati. Corre su ogni pallone, e va alla conclusione in più di un'occasione, in vista del derby, è un ottima notizia.

IL PEGGIORE - Rolando: Impreciso e goffo sul 2 a 0, Destro lo mette a sedere troppo facilmente. Deludente.



Roma

1
Bogdan Lobonţ
Portiere
3.00
5
Leandro Castán
Difensore
3.50
3
Dodô
Difensore
80′
3.00
-
Nicolas Burdisso
Difensore
3.50
35
3.00
4
Michael Bradley
Centrocampista
3.00
-
Marquinho
Centrocampista
47′
3.50
15
Miralem Pjanic
Centrocampista
76′
2.50
-
Panagiotis Tachtsidis
Centrocampista
3.00
11
Erik Lamela
Attaccante
47′ 58′
3.50
22
Mattia Destro
Attaccante
58′ 78′
4.00

Napoli

2.50
22
2.50
5
2.50
35
Rolando
Difensore
80′
3.00
-
2.50
11
Christian Maggio
Centrocampista
3.00
17
Marek Hamsik
Centrocampista
3.00
18
Camilo Zúñiga
Centrocampista
2.50
20
Blerim Dzemaili
Centrocampista
85′
3.50
85
Valon Behrami
Centrocampista
3.50
9
Edinson Cavani
Attaccante
84′
 - 
19
Goran Pandev
Attaccante
7′

A disposizione

-
 - 
-
 - 
3
 - 
46
 - 
11
Rodrigo Taddei
Centrocampista
 - 
20
Simone Perrotta
Centrocampista
80′
 - 
24
Alessandro Florenzi
Centrocampista
76′
 - 
-
Jonatan
Centrocampista
 - 
17
 - 
17
N. López
Attaccante
 - 

A disposizione

 - 
26
 - 
15
 - 
-
2.50
-
Pablo Armero
Difensore
53′ 87′
 - 
5
 - 
30
Marco Donadel
Centrocampista
3.00
7
Omar El Kaddouri
Centrocampista
7′
 - 
16
Giandomenico Mesto
Centrocampista
 - 
22
Josip Radošević
Centrocampista
 - 
88
Gökhan Inler
Centrocampista
 - 
16

Allenatore

-
 - 

Allenatore

 - 
-
 
  • Goal
  • Autogoal
  • Rigore
  • Rigore fallito
  • Ammonito
  • Assist
  • Rigore parato
  • Rigore realizzato
  • Rigore sbagliato
  • Espulso per Doppia Ammonizione
  • Espulso
  • Sostituzione IN
  • Sostituzione OUT
  • Infortunato
  • Scelta di Goal.com
  • Top della Partita per Goal.com
  • Flop della Partita per Goal.com
  • Classifica Generale Top&Flop
  • Top della Partita per i Tifosi
  • Flop della Partita per i Tifosi
Risultati
 
Migliori Marcatori
Giocatore   Goal Rigori
Ciro Immobile Ciro Immobile
Attaccante
Torino
20 0
Luca Toni Luca Toni
Attaccante
Verona
18 2
Carlos Tévez Carlos Tévez
Attaccante
Juventus
18 1
Gonzalo Higuaín Gonzalo Higuaín
Attaccante
Napoli
17 5
Rodrigo Palacio Rodrigo Palacio
Attaccante
Inter
15 0