Goal.com - Home

thumbnail Ciao,
 
1 vs 0
Giocata
novembre 25, 2012 8:45 p. CET
Stadio Giuseppe Meazza — Milano
Arbitro:‬ N. Rizzoli‎
Spettatori:‬ 77063‎
 
31′ (Rig) Robinho
 
Uomo Partita
Stephan El Shaarawy
Stephan El Shaarawy
Milan
Mattia De Sciglio
Mattia De Sciglio
Milan
Flop Partita
Mauricio Isla
Mauricio Isla
Juventus
Mauricio Isla
Mauricio Isla
Juventus

Milan-Juventus 1-0: Rossoneri col cuore e di rigore, Signora ancora ko

Milan e Juventus hanno dato vita a San Siro ad un match vibrante, anche se i rossoneri hanno poi avuto la meglio con un goal su rigore molto contestato dai bianconeri.

di Luigi Polce

Il Milan sfodera l'orgoglio e la Juventus cade per la seconda volta. E' questo il verdetto del big match di San Siro, deciso da un calcio di rigore del redivivo Robinho. Ottima la prova dei rossoneri, che mettono in campo tutto il cuore e il carattere di questo mondo, mentre la Signora paga una prima frazione troppo molle e gli sforzi profusi contro il Chelsea.

FORMAZIONI - Allegri conferma il 4-3-3, affidando le chiavi dell'attacco a El Shaarawy, Robinho e Boateng in modalità "falso 9". Per il resto confermata la squadra che ha battuto l'Anderlecht, con l'unica defezione rappresentata da Abbiati, che si fa male nel riscaldamento e lascia il posto ad Amelia. Montolivo capitano. Conte invece conferma il 3-5-2, con Caceres al posto dell'indisponibile Chiellini e Quagliarella confermatissimo al fianco di Vucinic.

PRIMO TEMPO - Ai nastri di partenza si presenta un Milan molto carico e aggressivo, nonostante il gap di 17 punti tra le due compagini. I primi 5 minuti infatti sono un monologo rossonero, con la Juve tutta schiacciata nella propria trequarti. Poi il Diavolo capisce che forse è meglio rallentare, lasciando l'iniziativa alla Juve e agendo in contropiede. Dimostrazione di ciò si ha al 14', quando i padroni di casa ripartono veloci sull'asse Boateng-Robinho, con il ghanese che va poi al tiro da posizione defilata trovando la pronta risposta di Buffon.

La Vecchia Signora è stranamente imprecisa, non mostra il gioco corale e avvolgente che ha contraddistinto le sue recenti vittorie. Merito dell'aggressività del Milan, ma soprattutto di una mediana bianconera statica e priva d'ispirazione. Ci si affida dunque alle giocate dei singoli, in particolare di Quagliarella che prova a inventarsi qualcosa, ma senza esito positivo. I ragazzi di Allegri creano difficoltà grazie alla mobilità del tridente d'attacco, che non dà punti di riferimento alla retroguardia di Conte.

Il sostanziale equilibrio viene rotto alla mezz'ora, con un episodio in area bianconera: su uno spiovente proveniente dalla destra, il colpo di testa di Nocerino viene intercettato da Isla, il quale salta con il braccio alzato. La moviola sembra scagionare il cileno, ma Rizzoli è impassibile e assegna il penalty, trasformato da Robinho nonostante Buffon avesse intuito il lato giusto dove tuffarsi. Primo goal stagionale per il brasiliano.

L'ultimo spezzone di primo tempo vede un Milan che prova a pervenire al raddoppio con Boa e una punizione di Montolivo, mentre la Juve non reagisce continuando a giocare un calcio non all'altezza delle proprie possibilità, con un'Isla davvero inguardabile. Si va dunque al riposo sull'1-0.

SECONDO TEMPO - Nella seconda frazione, le squadre si scambiano i ruoli: ora è la Juve a fare il lupo, il Milan l'agnellino. I ragazzi di Conte hanno il sangue negli occhi, e non ci stanno a perdere. Il Diavolo è alle corde e non riesce nemmeno più a ripartire.

Ed è così che i rossoneri si mettono sulla difensiva, ma la linea Maginot costruita da Montolivo e compagni traballa in più di un'occasione. Al quarto d'ora, la Juve ha due limpide palle-goal con Vucinic e Giovinco, che solissimo davanti ad Amelia gira in maniera indecorosa graziando gli avversari.

Prova quantomeno a rispondere il Milan, che quando può continua ad applicare le ripartenze sempre molto pericolose. Il tutto è più semplice con un El Shaarawy che corre per 4. Yepes va ad un passo dal colpo del ko con un grandissimo stacco su azione d'angolo, Buffon però è attento e para in 2 tempi.

Con il passare del tempo, comunque, la Juve si rende sempre più pericolosa e aumenta il forcing negli ultimi 10 minuti. E' clamorosa l'occasione capitata a Vucinic all'84', quando il montenegrino conclude a botta sicura ma viene murato da un intervento eroico di Constant, stasera davvero sopra le righe. Passano 60 secondi e Vucinic impensierisce nuovamente il portiere rossonero, che si esalta sulla botta della punta bianconera mandando in corner.

Negli ultimissimi minuti è la confusione a farla da padrona, ma la Juve non ne ha più. Finisce 1-0 per il Milan, che adesso respira portandosi nella parte destra della classifica. Brutta battuta d'arresto per la Juventus, la seconda in stagione.

LA CHIAVE - L'atteggiamento del Milan, coraggioso e intelligente, che ha messo alle strette una Juventus imprecisa e con poche idee.

MOVIOLA - Da rivedere l'episodio del rigore: Isla salta con il braccio alzato, ma il pallone colpito di testa da Nocerino sembra finire sul fianco del cileno. Decisione molto dubbia che spacca il match.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - El Shaarawy. Un grande partita di sacrificio sulla fascia. Ma quando gli lasciano quei 5 metri di troppo non disdegna sortite offensive.

IL PEGGIORE - Isla. Una delle partite più negativa del cileno da quando è in Italia. Non salta mai l'uomo, sbaglia stop e disimpegni. Ed è anche lo sfortunato protagonista dell'episodio del goal.


Milan

1
Marco Amelia
Portiere
3.50
2
3.50
5
Philippe Mexes
Difensore
73′
3.50
21
Kevin Constant
Centrocampista
4.00
33
Mario Yepes
Difensore
94′
3.50
-
Antonio Nocerino
Centrocampista
17′
3.00
9
Kevin-Prince Boateng
Centrocampista
84′
3.00
18
Riccardo Montolivo
Centrocampista
3.50
34
Nigel De Jong
Centrocampista
3.50
7
Robinho
Attaccante
31′ 65′
4.00
92
4.00

Juventus

3.00
1
2.50
4
3.00
15
3.00
19
2.50
8
Claudio Marchisio
Centrocampista
86′
2.50
21
Andrea Pirlo
Centrocampista
3.00
22
Kwadwo Asamoah
Centrocampista
72′
2.00
23
Arturo Vidal
Centrocampista
1.50
33
Mauricio Isla
Centrocampista
30′ 46′
2.50
9
2.50
27

A disposizione

59
Gabriel
Portiere
 - 
32
 - 
15
 - 
17
 - 
-
Rodney Strasser
Centrocampista
 - 
20
Mathieu Flamini
Centrocampista
84′
 - 
28
Urby Emanuelson
Centrocampista
 - 
11
 - 
9
M'Baye Niang
Attaccante
 - 
-
Bojan Krkic
Attaccante
 - 

A disposizione

 - 
30
 - 
34
Rubinho
Portiere
 - 
33
Lúcio
Difensore
 - 
11
 - 
26
 - 
6
Paul Pogba
Centrocampista
72′
 - 
7
Simone Pepe
Centrocampista
 - 
23
Emanuele Giaccherini
Centrocampista
 - 
8
Luca Marrone
Centrocampista
3.00
20
Simone Padoin
Centrocampista
46′
2.50
12
 - 
23
 - 
32

Allenatore

-
C. Seedorf
Allenatore
 - 

Allenatore

 - 
-
Antonio Conte
Allenatore
 
  • Goal
  • Autogoal
  • Rigore
  • Rigore fallito
  • Ammonito
  • Assist
  • Rigore parato
  • Rigore realizzato
  • Rigore sbagliato
  • Espulso per Doppia Ammonizione
  • Espulso
  • Sostituzione IN
  • Sostituzione OUT
  • Infortunato
  • Scelta di Goal.com
  • Top della Partita per Goal.com
  • Flop della Partita per Goal.com
  • Classifica Generale Top&Flop
  • Top della Partita per i Tifosi
  • Flop della Partita per i Tifosi
Risultati
 
Migliori Marcatori
Giocatore   Goal Rigori
Ciro Immobile Ciro Immobile
Attaccante
Torino
20 0
Luca Toni Luca Toni
Attaccante
Verona
18 2
Carlos Tévez Carlos Tévez
Attaccante
Juventus
18 1
Gonzalo Higuaín Gonzalo Higuaín
Attaccante
Napoli
17 5
Rodrigo Palacio Rodrigo Palacio
Attaccante
Inter
15 0